Connect with us

Per Lei Combattiamo

ESCLUSIVA #ILSQ – Grassi: “Cos’è la Lazio per me? Il mio terzo figlio”

Published

on

 


1324634413Grassi[1]

 

Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sulle frequenze 88.100 FM di Elleradio che, in occasione del suo compleanno, ha contattato in esclusiva Gabriella Grassi, storica responsabile della Segreteria della Lazio, ruolo che ha ricoperto dal 1969 al 2003.

 

Tanti auguri alla nostra Presidentessa! Gabriella innanzitutto tanti auguri. Sei uno dei personaggi più importanti della nostra storia.

Vi ringrazio, ma non esageriamo… Diciamo che in 34 anni ho sempre cercato di servire ed onorare al massimo la nostra Lazio.

 

Oltre a questo hai contribuito materialmente a salvare la Lazio in più di un’occasione. Ricordiamo a tutti che negli anni Settanta mettesti di tasca tua 25 milioni di lire in contanti per evitare che ci portassero via i beni dalla nostra sede…

Sì, eravamo verso la fine degli anni Settanta. Vivevamo una situazione difficilissima. Franco Janich era il direttore sportivo e Lenzini il presidente. Un giorno in sede arrivò l’ufficiale giudiziario per pignorare mobili e trofei. Per evitare che portassero via tutto e che la cosa finisse sui giornali, servivano 25 milioni di lire in contanti, una bella cifra per l’epoca, da trovare nel giro di un paio d’ore. Decisi di mettere mano ai miei risparmi e consegnare all’ufficiale giudiziario l’intera cifra.
Aldo Lenzini mi offì in cambio un appartamento sulla Cassia del valore di 40 milioni. Lo ringraziai, ma declinai la proposta. Ripresi i soldi un po’ alla volta dagli incassi delle partite.

 

Gabriella cos’è per te la Lazio?

Sono stata madre due volte. La Lazio è come se fosse il mio terzo figlio. Ho un amore viscerale verso questa società. Purtroppo la gente che la gestisce oggi non lo capisce. La mia critica verso questa dirigenza nasce proprio dal fatto che non sa cosa vuol dire la parola AMORE.
Personalmente non mi sento rappresentata da questo presidente. Lazio vuol dire stile e classe, peculiarità che non esistono nell’attuale gestione.

 

In 34 anni di Lazio quali sono stati i personaggi che ti hanno colpito di più?

Come calciatori Beppe Signori, Vincenzo D’Amico e Simeone.
Come presidenti Umberto Lenzini a livello umano, Gian Casoni per la splendida persona che era e Sergio Cragnotti, il numero uno in assoluto. Come dirigenti Bob Lovati e Dino Zoff, personaggi di un altissimo spessore.

 

Ci racconti come facesti a scoprire il cavillo che impedì a Vieri di essere squalificato in Coppa Italia?

Grazie alla mia meticolosità. Vieri era stato acquistato dall’Atletico Madrid, quindi nessuno si preoccupò di andare a vedere se nella precedente esperienza italiana alla Juventus avesse accumulato una squalifica. Lo scoprii a pochissimo tempo dall’inizio della partita. Per fortuna sono sempre stata attentissima ad ogni minimo particolare.

 

In allegato il podcast dell’intervista

http://www.ilazialisonoqua.it/home/media/com_podcastmanager/audio/grassi.mp3 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

MONDIALI 2022 | Uruguay fuori dal torneo, Vecino: “Tanta amarezza, non è andata come sognavamo ma abbiamo sempre dato il massimo” – FOTO

Published

on

 


L’Uruguay nella giornata di ieri è stato eliminato dal Mondiale. Fatale la differenza reti, che ha condannato la squadra di Matias Vecino all’eliminazione a favore della Corea del Sud. Il centrocampista della Lazio ha postato sui propri canali social alcuni momenti della partita di ieri, vinta contro il Ghana per 2-0 anche se il risultato non ha consentito la qualificazione. Nel post, Vecino ha scritto: “Con tanto dolore e amarezza è ora di dire addio a questo mondiale! Sicuramente non è stato il mondiale che sognavamo e per il quale ci siamo preparati tanto, ma il calcio è così! Le ingiustizie vissute nella partita di ieri lasciano una ferita ancora maggiore! Sempre a testa alta perché nel giusto o nell’errore abbiamo dato tutti il massimo in ogni momento! URUGUAY OGGI E SEMPRE”.

Questo il post di Vecino:

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW