Connect with us

Per Lei Combattiamo

D’AMICO ha le idee chiare: “LAZIO, pensa in grande!”

Published

on

 


vincenzo-damico

Lazio e Torino, due storie che si incrociano e si assomigliano. Vincenzo D’Amico ha vestito in passato entrambe le casacche, prima quella biancoceleste e poi quella granata. Questo il suo pensiero sulla sfida dello Stadio Olimpico:

 

Il Torino arriva dalla vittoria in Europa League e da quella con l’Udinese in campionato, la Lazio nelle ultime tre gare ha sempre conquistato i tre punti, oggi ci si può aspettare una bella sfida fra queste sue squadre?
“Direi che arrivano tutte e due bene allo scontro. Il Torino sta facendo il campionato che deve fare, la Lazio invece deve per forza puntare a qualche cosa in più di una semplice apparizione e tutto sommato si sta mettendo sulla strada buona. Indubbiamente questa sera si affronteranno due squadre che giocano a calcio”.

Quali sono i punti di forza della Lazio che aveva iniziato non bene la stagione e i tifosi non erano contenti del mercato estivo, ma le ultime vittorie dicono che la squadra non è male, concorda?
“Non è assolutamente malvagia questa Lazio, però quest’estate si sarebbe potuto fare mezzo sforzo in più per sistemare un po’ meglio la squadra, ma accontentiamoci perché negli anni scorsi non era stato fatto niente e quindi rispetto al niente quello che è stato fatto in estate è già abbastanza. Prima si poteva dire che Klose era un punto di forza, ma adesso anche senza di lui la Lazio sta facendo buone cose. Candreva è chiaramente un giocatore importante, Biglia lo sta diventando come De Vrji in mezzo alla difesa, Djordjevic ha segnato cinque gol e non sono pochi quindi sono questi i giocatori più significativi. In tutti i reparti ci sono elementi validi, se Marchetti, come sembra, recupererà al meglio la Lazio diventerà una squadra interessante”.

Secondo lei il Torino quali potenzialità possiede?
“Anche il Torino non ha un reparto migliore rispetto agli altri perché è una squadra bene organizzata da un allenatore che a me piace molto. E poi c’è da dire che con Quagliarella e Amauri davanti il pericolo è costante essendo due giocatori che possono tirare fuori la giocata in qualsiasi momento. Amauri in coppa si è sbloccato e sta bene fisicamente, mentre di Quagliarella non voglio neanche parlare perché … magari fosse arrivato alla Lazio l’anno scorso. Di giocatori importanti ne ha anche il Torino, ma la cosa principale è che si troveranno di fronte due allenatori che vogliono far giocare bene le loro squadre: la loro forza è questa”.

Il calciatore che nel Torino sta deludendo è El Kaddouri che dovrebbe inventare le giocate per innescare le punte, forse è un po’ discontinuo?
“E’ il ruolo di El Kaddouri che determina l’incostanza, è un trequartista di buona qualità e come tutti quelli come lui non sempre è all’altezza, infatti al momento non sta facendo vedere quello che vale, però ha la giocata che in qualsiasi momento può sfoderare. Vives, anche se ha caratteristiche diverse, a me piace moltissimo e lo ritengo un giocatore molto importante per il Torino”.

Tra Lazio e Torino sarà una partita tattica oppure ognuno penserà a vincere facendo prevalere l’inventiva per la giocata decisiva?
“A questo punto del campionato bisogna provare a vincere perché i giochi non sono fatti e si ha il tempo di rimediare a eventuali passi falsi. Penso che adesso la filosofia di Pioli e di Ventura sia d’impostare il gioco per vincere quindi sarà una partita aperta per quel che riguarda il risultato e ci potranno essere parecchi gol e se così sarà ne trarrà vantaggio chi vedrà la gara poiché assisterà ad un bello spettacolo”.

Nel prossimo turno infrasettimanale il Torino affronterà il Parma e la Lazio il Verona non sarà motivo di distrazione domenica?
“Non affrontando Real Madrid, Barcellona o Bayern Monaco non ci può essere motivo di distrazione ed è una cosa abbastanza normale nel calcio dei giorni nostri giocare nell’arco di pochi giorni, quindi è assolutamente ininfluente quello che accadrà nel turno infrasettimanale”.

I granata rischiano di pagare dazio poiché giovedì hanno giocato in Europa League?
“Il Torino nonostante tutto ha diversi giocatori in rosa e con un buon turnover potrebbe non accusare nessuna fatica o difficoltà”.

Lazio e Torino occupano in classifica il posto che si meritano?
“Credo di sì, visto l’andamento del campionato. Tenendo conto delle difficoltà che hanno alcune altre squadre il Toro potrebbe avere qualche punto in più, ma la Lazio occupa la posizione giusta”.

Quindi le due squadre grosso modo si equivalgono come forza e potrebbero essere dirette concorrenti per il sesto posto finale?
“Chissà, difficile dire se concorreranno per il sesto posto finale, il Toro rispetto alla Lazio ha forse qualche giocatore in meno che ha colpi vincenti, però l’obiettivo stagionale di entrambe deve essere piazzarsi in un posto che permetta loro di giocare in Europa League. Penso che la Lazio rispetto al Toro potrebbe approfittare delle difficoltà di qualche altra squadra come Milan, Inter, Fiorentina e Napoli che stanno zoppicando e quindi pensare un po’ più in grande, anche perché deve concentrarsi solo sul campionato e sulla Coppa Italia, mentre i granata hanno in più le partite in Europa”.
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Formello

FORMELLO – Differenziato per Patric. Domani ancora doppia seduta

Published

on

 


Dopo la ripresa andata in scena questa mattina, il gruppo biancoceleste si è ritrovato a Formello nel pomeriggio, per la seconda seduta di giornata. Oltre all’assenza di Marcos Antonio, da segnalare il lavoro differenziato svolto da Patric. Dopo un riscaldamento caratterizzato da attivazione atletica ed esercizi sulla rapidità, è iniziato il lavoro tattico agli ordini i mister Sarri, con due formazioni in campo schierate con il 4-3-3. La seduta è terminata dopo una partita a campo ridotto, in cui si sono affrontati rossi e celesti. La squadra tornerà in campo domani per la seconda doppia seduta consecutiva.

Dopo i test andati in scena in questi giorni, il gruppo biancoceleste è tornato in campo a Formello questa mattina, per la prima delle due sedute di giornata. Oltre a Vecino e Milinkovic-Savic, che quest’oggi scenderanno in campo nell’ultima gara dei rispettivi gironi, l’unico assente è Marcos Antonio, alle prese con un problema influenzale. Dopo una prima fase di attivazione muscolare, il gruppo ha svolto un lavoro atletico, seguito da una lunga fase dedicata alle prove tattiche, in cui la squadra era divisa per reparti. Il gruppo biancoceleste tornerà a lavorare nel pomeriggio.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW