Connect with us

Per Lei Combattiamo

Casiraghi: “Sono rimasto legato al mondo Lazio. Il livello del calcio italiano è un po’ calato”

Published

on

 


“Djordjevic? Sta facendo veramente bene. Ha sorpreso anche me che sinceramente non lo conoscevo benissimo. Ha fisico e soprattutto fa gol. Se mi somiglia? Me, Vieri o altri, l’importante che somigli a se stesso! Si è presentato alla grande, non fai 5 gol nelle prime giornate così facilmente in un campionato difficile come quello Italiano”. Da attaccante ad attaccante, Gigi ‘Tyson’ Casiraghi scioglie le riserve e coglie subito il paragone con il centravanti serbo. Intervenuto durante la trasmissione 1900 TV in onda su Gold Tv, l’ex bomber della spumeggiante Lazio degli anni ’90 ha parlato a tutto tondo dei trascorsi con l’aquila sul petto e del momento positivo degli uomini di Pioli:

Il 12 maggio abbiamo avuto prova che sei ancora nei cuori dei tifosi biancocelesti…

“È stata un’esperienza fantastica, sono rimasto legato al mondo Lazio. Presidenti, allenatori e giocatori cambiano, la Lazio rimane sempre, insieme ai suoi tifosi. Ho instaurato da subito un buon rapporto, forse perché in campo davo sempre tutto pur non essendo dei più tecnici. Questo forse per la tifoseria della Lazio è un aspetto determinante”.

Ci sono punti di contatto con la tua Lazio e quella di oggi?

“Secondo me no, sono due squadre molto diverse. Questa è una squadra molto fisica, che ha alcuni giocatori di qualità, soprattutto Candreva, ma predomina l’aspetto fisico. Forse negli anni nostri c’erano più italiani, altra differenza. Poi ogni epoca ha una sua squadra”.

Un Casiraghi, un Signori o un Giordano, quanti gol farebbero oggi con queste difese?

“Non saprei. È chiaro che il livello del calcio italiano è un po’ calato. La competitività a livello internazionale non è la stessa di un tempo, soprattutto per i ritmi. Non credo sia solo una questione di difensori, ma piuttosto un problema più ampio che parte dal settore giovanile. Bisognerebbe cambiare tante cose”.

Se si potesse cambiare, metteresti un limite all’ingresso degli stranieri nel calcio italiano?

“Da italiano sì, anche se ovviamente non si può. Se giochi con grandi campioni stranieri può essere anche utile per migliorarti. Se parliamo di giocatori mediocri allora no. È sempre un problema di qualità. Avere magari l’obbligo di un minimo di italiani in campo potrebbe essere una soluzione, oppure come in Inghilterra che gli stranieri devono avere un tot di percentuale di partite in nazionale. Bisognerebbe passare la palla a Tavecchio e a Lotito (ride, ndr)”.

Forse non ci sono più gli esperti di calcio giovanile di una volta, come poteva essere Vatta…

“Credo che il problema sia proprio questo. Oggi gli allenatori sono preparati a livello teorico, ma non hanno magari piena conoscenza del calcio giovanile. Riconoscere il talento non è molto semplice, ci vuole molto tempo. Certe personalità, come Vatta ad esempio, non vengono più sfruttate a dovere”.

Domenica arriverà il Cagliari di Zeman, una tua vecchia conoscenza…

“Nel bene e nel male non è cambiato. Forse si è un pochino ammorbidito dopo l’ultima esperienza alla Roma. Anche se i suoi principi di gioco, il suo modo di concepire il calcio in quel modo così offensivo resta sempre la sua caratteristica principale. I gradoni? Certo li facevamo anche noi ma non solo. Ricordo tantissimi chilometri percorsi”.

Cosa danno in più i suoi metodi in termini di tenuta fisica?

“È una metodologia di lavoro che credo abbia assimilato in Repubblica Ceca, quindi non è molto moderna. Tuttavia, se fatta in un certo modo, può darti certi vantaggi. È chiaro che non puoi mantenere sempre quel livello, però in alcuni momenti della stagione hai la sensazione di volare rispetto agli avversari, soprattutto in Primavera quando gli altri hanno i primi cali fisici”.

Cosa deve temere la Lazio lunedì?

“Quando affronti una squadra di Zeman non sai mai cosa potrebbe aspettarti. È ovvio però che la differenza tecnica c’è. Sono in un buon momento, contro il Milan hanno giocato molto bene in verticale. Ma la Lazio è comunque più forte. Perché fa più punti fuori casa? Sicuramente può sfruttare gli spazi che si vengono a creare quando un avversario è costretto a fare la partita. Avendo giocatori bravi in contropiede, come Ibarbo, può diventare pericolosa”.

È più facile buttarla dentro o fare l’allenatore?

“Non c’è paragone. È più difficile star seduti lì in panchina. Quando la rete si gonfia è una gran goduria ma è molto più difficile allenare”.

Com’è stata la tua esperienza con l’Under21?

“È andata bene, è stata una bella esperienza sotto molti punti di vista. Il biennio dell’88 forse non era una grandissima annata, ma con i ragazzi devi guardare altri aspetti. Alcuni sono passati nella Nazionale maggiore e questa è stata una grande soddisfazione”.

Che idea ti sei fatto su Pioli?

“Mi sembra innanzitutto una brava persona, equilibrata e con le idee chiare. Sa far giocare bene le sue squadre, lo ha sempre fatto e devo dire che mi piace molto”.

Infine, come giudichi questa Lazio?

“Tra quelle inserite nella bagarre del terzo posto è quella più in crescita rispetto alle altre e che ha meno problemi rispetto a Milan e Inter. Ha un impianto di gioco ben collaudato e giocatori di qualità. Mi sembra quella che potrebbe avere più continuità”.


 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Hellas Verona, ufficializzato il nuovo allenatore: il comunicato del club

Published

on

 


Attraverso un comunicato diramato sui propri canali social ufficiali, l’Hellas Verona ha reso noto il nuovo allenatore che guiderà la prima squadra. Si tratta di Marco Zaffaroni, ex difensore e tecnico del Cosenza.

Di seguito il comunicato:

“Verona – Hellas Verona FC comunica di aver affidato in data odierna la conduzione tecnica della Prima Squadra a Mister Marco Zaffaroni, nato a Milano il 20 gennaio 1969.

Zaffaroni sarà affiancato da Mister Salvatore Bocchetti. Il collaboratore tecnico sarà Luigi Pagliuca. I preparatori atletici saranno Marcello Iaia e Riccardo Ragnacci. Il preparatore dei portieri sarà Massimo Cataldi. Il match analyst sarà Guido Didona.

Queste le parole di mister Zaffaroni:

‘Ringrazio il Presidente Maurizio Setti, il Responsabile Area Tecnica Francesco Marroccu e il Direttore Sportivo Sean Sogliano per la fiducia che mi hanno dimostrato. Sono orgoglioso per l’incarico ricevuto e consapevole delle difficoltà che tutti insieme dovremo affrontare e superare, per provare a risalire in classifica. Concentrerò tutte le mie forze e le mie energie al campo insieme a Mister Bocchetti, a tutto lo staff e ai giocatori. Questa lunga pausa di campionato ci permetterà di conoscerci bene e lavorare al meglio, per farci trovare pronti alla ripresa del campionato, mercoledì 4 gennaio’.

A mister Zaffaroni, da parte di tutto il Club, un caloroso benvenuto e l’augurio di buon lavoro.”

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW