Connect with us

Esclusiva

[ESCLUSIVA] Mimun, direttore Tg5: “Chi l’ha detto che la Roma arrivi prima della Lazio?” E poi su Pioli…..

Published

on

 


clemente_mimun_big

ROMA – Quando si ricoprono posizioni pubbliche, di una certa rilevanza, spesso si preferisce tenere celata la propria fede calcistica. C’è chi evita di rilasciare dichiarazioni, chi tifa con ardore ma lo fa privatamente, c’è chi ama parlare della propria squadra e poi c’è chi, come Clemente Mimun, fa della sua fede un fattore di orgoglio. Tifoso biancoceleste da sempre, il direttore del Tg5, sempre presente allo stadio per sostenere la sua Lazio, non ha mai nascosto il colore del suo cuore. Raggiunto in esclusiva dai microfoni di Laziopress.it, Clemente Mimun ha svelato le sue aspettative per la stagione in corso.

Iniziamo dal presente. Sabato sera la lazio se la vedrà con la Juventus. Che gara si aspetta?

“Sarà una gara importante. Noi abbiamo ottimi mezzi a disposizione e mi auguro, in una stagione così equilibrata, di vedere una bella partita e di provare a vincerla. Sono convinto che si possa perdere ad Empoli, ma anche vincere contro la Juve. Siamo una squadra un pò pazza, potremmo farcela. La cosa di cui non mi importa nulla è il possibile aiuto, o meno alla Roma. Non c’è scritto da nessuna parte che i giallorossi, quest’anno, arrivino prima della Lazio. Tutto dipende soltanto da noi. Giocare con la Juve senza provare a vincere significa essere condannati a perdere. Chi non risica non rosica, e non possiamo far altro che provarci”.

In occasione di lazio-Juve l’Olimpico promette spettacolo. Tanta gente tornerà allo stadio. Cosa si dovrebbe fare per avere sempre lo stadio pieno?

“Ci mancherebbe altro che in un big match simile l’Olimpico fosse semivuoto. Senza dubbio i risultati aiutano. Ovviamente quando noi tifosi vediamo una squadra coesa, che anche se perde da tutto in campo, siamo più invogliati. Nonostante partite sciagurate come Empoli o sfortunate come quella contro il Genova, noi siamo ancora lì. Sono convinto che possiamo fare ancora bene. La terza forza del campionato, e non è detto che non possa essere la seconda, viene fuori tra Lazio e Napoli. Mancini sicuramente farà giocare meglio questa Inter, ma sono convinto che sia una squadra creata male. Gli invidio soltanto Icardi, anche se comunque io schiererei sempre Djordjevic con Keita, e se sta bene Mauri, che è il vero leader di questa squadra”.

Probabilmente nessuno si aspettava una Lazio così grintosa. Lei che idea si è fatto della squadra e di mister Pioli?

“La squadra mi piace molto. Per quanto riguarda il mister devo dire che Pioli ci ha fatto vedere delle bellissime partite e poi anche gare in cui avremmo immaginato formazioni diverse dall’inizio o cambi diversi in corso di gara. Quindi sul tecnico ho soltanto la certezza che si tratti di una brava persona e che lavora molto sul campo, che tra l’altro è quello che deve fare un allenatore. Sulle strategie vincenti o meno invece ho ancora qualche dubbio. Si tratta di un tecnico che non ha mai allenato in un grande club. Noi siamo un piccolo grande club, nel senso che abbiamo dei buoni giocatori, una lunga tradizione e grande ambizione. Certo non abbiamo vinto chissà quanti scudetti, ma siamo una piazza importante. E’ una società abituata anche a tanti problemi e tante magagne. Speriamo che Pioli riesca a trovare la sintonia perfetta anche con il pubblico e che dimostri un pò di coraggio. Si può anche sbagliare, ma comunque si deve osare. Ad oggi promuovo sicuramente la squadra e la società per gli acquisti. Per quanto riguarda il tecnico direi di aspettare ancora un pò, sembra buono ma attendiamo. Fermo restando che non ha bisogno del mio giudizio”.

A proposito di acquisti. Il mercato estivo ha portato alla lazio ottimi giocatori. Lei crede che si debba comunque intervenire anche a gennaio per rinforzare questa rosa?

“I migliori acquisti di questa estate sono stati a mio avviso Djordjevic e Gentiletti, del quale la Lazio, per sfortuna, non può disporre. E’ una stagione bizzarra questa, con moltissimi infortuni muscolari, anche per gli altri club, e non si capisce il perchè. Per quanto riguarda il mercato di gennaio penso che la Lazio dovrebbe cedere prima per poi comprare. Ci sono calciatori importanti, come Gonzalez o Ledesma, che non rientrano nel progetto di questo tecnico. Non vorrei mai che andassero via, ma volendo loro molto bene ed essendo molto riconoscente per quello che hanno dato a questa società, a malincuore, preferirei che fossero ceduti per poter giocare ed essere contenti. Fatto questo sono convinto che la Lazio debba rinforzarsi sia in difesa che in attacco, per avere un’arma in più anche in fase offensiva”.

Keita rientra da un infortunio e potrebbe scendere in campo già dal primo minuto contro la Juventus. A prescindere dallo stop forzato però, Pioli sembrava preferire Felipe Anderson.

“Sbagliava. Sono dell’idea che abbiamo dei giovani bravi che si sono fatti valere con la Primavera ed è da loro che dobbiamo partire, per pensare anche al futuro. Un tempo la Lazio, per rinforzarsi, guardava prima in casa sua che sul mercato. Oggi questo quasi non accade più.  Se non arriva qualche presunto campione straniero non si è felici. Gli stranieri costano forse meno dal punto di vista dell’acquisto e anche dell’ingaggio. Ormai il campionato italiano è formato al 50% da stranieri e al 50% da italiani. E questo si rispecchia poi sulla nostra Nazionale. Si dovrebbe arrivare al 75% di italiani e la restante parte di stranieri”.

Ultima domanda. Per lo scudetto è ancora favorita la Juventus oppure la Roma la preoccupa?

“Non sono assolutamente preoccupato. Sarò sicuramente un pò bizzarro, ma se non fosse per gli sfottò che non sopporto, quasi preferirei che lo vincesse qualcun’altro che non fosse sempre la solita Juve. Obiettivamente però la Juventus è la formazione più forte di tutte e penso che riuscirà a vincere anche con Allegri. La Roma è forte, ma anche loro hanno avuto a che fare con qualche infortunio di troppo. Noi dobbiamo guardare a noi e spingere il più possibile. Dovremmo sempre vincere in casa e mai perdere in trasferta. Dobbiamo giocarcele tutte e mai scendere in campo con un atteggiamento remissivo o di attesa, perchè mentre tu aspetti gli altri ti hanno fatto 2 gol. La Juve verrà qui convinta di poterci imporre il suo gioco. Io proverei a spaventarla”.


 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Verona, l’ex Teodorani: “Divario evidente tra le squadre. Biancocelesti favoriti”

Published

on

 


Domenica sarà LazioHellas Verona. Mentre l’Olimpico si prepara ad attendere la sfida, Carlo Teodorani è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress per parlare del match che vedrà impegnati in casa i biancocelesti. Queste le parole dell’ex giocatore dell’Hellas Verona, che ha ricoperto il ruolo di difensore nelle stagioni 2001-2005 e 2005-2007.

Come arrivano Lazio e Verona alla sfida di domenica?
Il Verona scenderà in campo con un atteggiamento positivo, ma il divario tra le due squadre è evidente. Sicuramente, tra le due, vedo la Lazio favorita”.

Su cosa dovranno puntare gli uomini di Cioffi per mettere in difficoltà la Lazio?
Il Verona ha una buona fase difensiva, per mettere in difficoltà la Lazio dovrà cercare di puntare sui soliti 3-4 giocatori determinanti, capaci nelle ripartenze”.

Quest’anno l’Hellas ha puntato molto sui giovani. Finora chi ti ha colpito di più della rosa?
È ancora molto presto per dirlo. Il rendimento è stato sempre molto altalenante in queste partite e penso che i giovani abbiano ancora bisogno di tempo. Aver deciso di puntare sui millennials è sicuramente una scelta ponderata, frutto di un progetto a lungo termine”.

Dalla polemica sulla classe arbitrale alle ultime vicende che hanno visto protagonista Ciro Immobile. Un tuo commento.
Purtroppo queste vicende fanno parte del calcio. Immobile è una persona intelligente e in grado di affrontare questi episodi”.

Pronostico Lazio-Hellas Verona?
Penso che sarà una partita con molti gol, visto il calibro degli attaccanti. Azzardo un 3-1”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW