Connect with us

Per Lei Combattiamo

Nello Governato: “Salas grande giocatore. Terzo posto? Lazio quasi al pari del Napoli”

Published

on

 


 

Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM, che ha contattato Nello Governato, calciatore della Lazio degli anni ’60 e Direttore Generale della Lazio vincente di Sergio Cragnotti.

 

Dottor Governato, sotto la sua visione sono passati tutti gli acquisti più importanti dell’era Cragnotti. Qual è stato il più grande giocatore che ha acquistato, quello che le ha dato la maggiore soddisfazione?

Premesso che abbiamo acquistato i più grandi calciatori di quel periodo, dico Marcelo Salas. All’epoca non era molto conosciuto qui in Italia. Penso che abbia dimostrato di essere un numero uno, un attaccante importantissimo. Ricordo con grande affetto il suo gol contro il Manchester United in Supercoppa Europea.

 

Cosa ha significato per lei vincere in quegli anni?

Davvero molto. Negli anni novanta il calcio italiano ha vissuto momenti di grandi euforia. C’erano tante squadre fortissime e grandi presidenti. Penso al Milan di Berlusconi, all’Inter di Moratti, alla Fiorentina di Cecchi Gori e al Parma di Tanzi. Vincere lo scudetto in quel periodo è stato difficilissimo. Oggi come oggi, tolte la Juventus e forse la Roma, le altre squadre sono tutte alla portata della Lazio.

 

Come ha giustamente ricordato la Lazio vinse contro grandi avversarie. Secondo lei ha vinto troppo poco?

Secondo me sì. Guardando indietro nel tempo, ancora adesso ti rendi conto di quanto fosse forte la Lazio di Cragnotti.
Ma parlo anche degli anni precedenti alla vittoria dello scudetto. Un anno avevamo Winter, Fuser e Di Matteo a centrocampo e Boksic-Signori come coppia d’attacco…

 

Lei che l’ha conosciuto da vicino, può dirci che persona è Sergio Cragnotti?

E’ un uomo generoso, forse fin troppo. Una persona molto per bene che ha dovuto subire alcune situazioni immeritatamente.
Lui lo sa… Gli voglio bene e gliene vorrò finchè vivrò. Era veramente innamorato della Lazio, a volte non lo dava a vedere, ma vi posso assicurare che è così. Lui e suo fratello Giovanni hanno fatto tanto per questi colori, solo per passione. Quando la squadra vinceva la loro felicità era vera, autentica, grandiosa.

 

Qual è il momento che ricorda con più entusiasmo della sua esperienza laziale?

La vittoria dello scudetto. Vivemmo una giornata ai limiti del surreale aspettando buone notizie da Perugia, che fortunatamente arrivarono.

 

E quello più brutto?

Il pareggio di Bari contro l’Inter l’anno dopo lo scudetto.
Se avessimo vinto quella partita probabilmente la Roma non avrebbe vinto il titolo.

 

Nello venendo all’attualità, le piace quest’anno la Lazio?

Sì, mi piace sia la rosa che l’allenatore. Pioli è una persona equilibrata che infonde fiducia ai giocatori.
Secondo me può giocarsi il terzo posto con il Napoli, l’unica squadra che sulla carta ha qualcosa in più rispetto alla Lazio stessa, all’Inter, al Milan e alla Fiorentina. Juventus e Roma sono obiettivamente fuori portata. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Massimo Maestrelli e la Curva intitolata a papà Tommaso: “Chiamale se vuoi… Emozioni” | FOTO

Published

on

 


Oltre al successo della Lazio contro lo Spezia per 4-0, la giornata di ieri è entrata di diritto nella storia biancoceleste. Prima del match contro i liguri, è stata intitolata ufficialmente la Curva Sud a Tommaso Maestrelli, allenatore della Lazio vincitrice del primo Scudetto. Al taglio del nastro, oltre al Presidente della Lazio Claudio Lotito, era presente anche il figlio di Tommaso, Massimo Maestrelli, che ha ricevuto un targa commemorativa.

Questa mattina, lo stesso Massimo, ha ricordato la giornata di ieri attraverso Instagram. L’immagine pubblicata è accompagnata dal messaggio in ricordo di papà Tommaso: “E chiamale se vuoi… Emozioni, Babbo”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Max (@max_mauri)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW