Connect with us

Per Lei Combattiamo

Cravero: “Lazio, credici: Puoi battere la Juve”

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

 


cravero

Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM, che ha contattato Roberto Cravero, difensore della Lazio dal 1992 al 1995. Attualmente Cravero è uno dei più importanti commentatori televisivi di Mediaset.

Roberto tu eri un difensore molto elegante, ma hai sempre
fatto un discreto numero di gol.

“Sì, mi piaceva molto iniziare l’azione, proseguirla e
cercare di concluderla. I difensori di oggi si limitano a
dare la palla ai centrocampisti e si fermano. Questa toglie
imprevedibilità all’impostazione dell’azione”.

Hai visto crescere accanto a te il più forte difensore
laziale di tutti i tempi, Alessandro Nesta.

“Ricordo che mi impressionò subito. Fece dei miglioramenti
esponenziali nel giro di due mesi. Iniziò ad aggregarsi a
noi alla fine della stagione 1993-94 e si presentò
all’inizio dell’annata seguente quasi da giocatore già
formato. Non appena acquisì sicurezza ed esperienza
diventò un numero uno assoluto”.

Cosa ricordi dei primi periodi alla Lazio?

“Il mio arrivo coincise con l’inizio dell’era Cragnotti. La
Lazio veniva da anni bui. Il primo obiettivo che ci
prefissammo fu l’approdo in Coppa Uefa. Ci tengo a precisare
che la Coppa Uefa di allora non è minimamente paragonabile
all’Europa League di adesso. A quei tempi era giocata dalle
squadre che arrivavano seconde in campionato, oggi ci trovi
squadre che sono arrivate quinte o seste. Centrammo
l’obiettivo e da lì partì la grande epopea cragnottiana”.

Cosa pensi di Sergio Cragnotti?

“Un grandissimo presidente. La sua forza fu il progetto. Non
prese subito dei grandissimi campioni, ma mise in moto un
meccanismo di crescita continua e costante negli anni, che
permise alla Lazio di arrivare in cima al mondo. Noi,
acquisti della prima ora, fummo il tramite tra il prima e il
dopo”.

Alla Lazio hai avuto due allenatori, Zoff e Zeman.

“Zoff è uno dei miei miti in senso assoluto. Ho una sorta
di venerazione nei suoi confronti. Un allenatore che sapeva
quello che voleva e che non aveva paura di confrontarsi,
anche a muso duro, con nessuno. Zeman era molto diverso con
noi rispetto alle sue apparizioni pubbliche. Era simpatico e
scherzoso. Certo, il lavoro che ho fatto con lui,
soprattutto sotto il punto di vista fisico, non me lo
scorderò mai (ride, ndr). Diciamo che ci mise a dura
prova. Calcisticamente non posso che parlarne bene”.

Sappiamo che hai sempre stimato Paul Gascoigne. Che ricordo
hai del periodo vissuto insieme alla Lazio?

“Era uno dei miei idoli. E’ stato il più forte giocatore
con cui abbia giocato. Mi dispiace che l’Italia non abbia
potuto ammirare completamente quello di cui era capace. Noi
che lo vedevamo in allenamento restavamo estasiati.
Purtroppo tra infortuni e cattive amicizie ha un po’
sprecato il suo talento. Tengo a precisare una cosa però.
Gazza era un grande professionista in allenamento. Si
impegnava come tutti e lavorava sodo. Il suo problema era
solo fuori dal campo”.

Roberto sei rimasto molto legato alla Lazio, anche se
sappiamo che tifi per il Torino, squadra per cui hai
rappresentato molto.

“Assolutamente. Non nego che sono un tifoso granata. Sai, il
tifo si sceglie da bambino e io da bambino ero del Torino.
La squadra di calcio è una delle poche cose che non si
possono cambiare. Ti confermo che sono un simpatizzante
laziale e ti svelo una cosa che forse non ho mai detto a
nessuno: mio figlio Alessandro è un tifosissimo della
Lazio”.

Senti Roberto sabato c’è Lazio-Juventus. Che partita ti
aspetti?

“Se la Lazio torna quella che abbiamo ammirato prima di
Empoli può mettere in seria difficoltà la Juventus.
Certo sarà dura fermare Tevez lì davanti, ma con una
partita attenta e giocata al 110% nulla è escluso”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

SERIE A | Rimonta dell’Udinese al Bentegodi

Published

on

 


L’ottava giornata di Serie A si chiude con la partita tra l’Hellas Verona e l’Udinese. Al Bentegodi la squadra di Cioffi si porta in vantaggio al minuto 23 con con una bella conclusione al volo di Doig. Nella ripresa arriva il gol del pareggio con Beto, ma nei minuti finali trova la rete Bijol che chiude il match. La partita finisce 1-2.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW