Connect with us

Per Lei Combattiamo

Ranking Uefa: le italiane volano. Ecco perchè il sorpasso all’Inghilterra non è più utopia

Published

on

 


Grandi notizie per il calcio italiano che, ormai da diversi anni, sembrava non recitare più un ruolo da protagonista nelle competizioni europee, cedendo il passo ad una Germania in crescita esponenziale. In questa stagione, però, il nostro calcio sembra in netta ripresa avendo guadagnato sin qui 7,500 punti, dietro solo alle superpotenze Spagna (7.785) e Germania (8,285). L’Inghilterra, più indietro, ha guadagnato solo 7,000 punti, mentre ancora più staccata troviamo la Francia (6,083). Scivola sempre più nel baratro il Portogallo che, con 5,416, si attesta attualmente in ottava posizione dietro a Russia e Croazia.

SETTIMANA FONDAMENTALE. Importantissimo per le italiane sarà sfruttare questa settimana. La Roma con una vittoria contro il CSKA, sperando nell’ennesimo scivolone del Manchester City contro il Bayern Monaco, potrebbe già guadagnarsi il biglietto per l’accesso agli ottavi che porterebbero 4 punti extra alla causa italiana. La Juventus non dovrebbe incontrare grossi ostacoli nello sbarazzarsi del Malmoe. In Europa League il Napoli e l’Inter del neo allenatore Mancini proveranno a centrare la vittoria che vorrebbe dire passaggio alla fase successiva, mentre la Fiorentina, già certa della qualificazione, dovrà vincere per blindare il primo posto. Il Torino non sta di certo attraversando un buon momento in campionato, ma fin qui in Europa ha fatto molto bene e cercherà di rialzarsi contro il Brugge. Con un po’ di ottimismo si potrebbe fare l’en plein.

SORPASSO AGLI INGLESI POSSIBILE. Siamo riusciti a riprenderci il quarto posto, riuscendo a superare un Portogallo che ormai non fa più così paura, visto che nel prossimo anno perderà i punti dell’annata d’oro del 2010/11, dove ottenne ben 18,800 punti, mentre il nostro Belpaese ne perderà 11,750, vedendosi aumentare il gap di altri 7 lunghezze. La situazione nei confronti dell Inghilterra, invece, inizia a farsi sempre più intrigante: gli inglesi attualmente occupano la seconda piazza, ma nei prossimi 2 anni andranno a perdere circa 33 punti a dispetto dei 22 dell’Italia. Ciò significa che se le squadre italiane riuscissero nell’impresa di far meglio delle squadre d’Oltremanica, recuperandogli altri 4 punti, allora il terzo posto (e quindi la successiva riconquista dei quattro posti disponibili in Champions League) non sarebbe più soltanto utopia. Un’ottima notizia anche per la Lazio che da anni insegue il sogno, spesso infranto dall’Udinese, di una qualificazione in Champions League.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Basic: “Posso giocare ovunque a centrocampo, voglio essere importante per la Lazio”

Published

on

 


Nel giorno del suo 26eesimo compleanno, il centrocampista della Lazio Toma Basic ha parlato ai microfoni di Lazio Style Radio del suo andamento stagionale in biancoceleste e dei Mondiali in Qatar.

Queste le sue parole:

“Stasera farò una festa con mio fratello visto che è anche il suo compleanno e i miei amici. Il primo tra i miei compagni di squadra a farmi gli auguri è stato Kamenovic, poi a seguire Cataldi, Milinkovic e Hysaj. In generale ho sentito più o meno tutti”. 

“Adesso parlo meglio italiano. è cambiato molto dallo scorso anno. Sento che tutti mi vogliono bene. Per il futuro spero di giocare di più e di poter dare una mano alla squadra. Credo che per crescere di più mi manca solo il gol. In queste ultime partite però ho dimostrato di poter essere utile alla causa. Spero di proseguire così”.

Non sto vendendo molto il mondiale, sono concentrato molto sulla famiglia e gli amici. Ho visto la partita di Sergej ieri, ho visto anche la Croazia. Ha un girone tosto, ma se lo passa credo che tutto sia possibile. Può ripetere il percorso del 2018. Non mi ha sorpreso la sconfitta della Germania. Il Giappone ha tanti calciatori che militano in Bundesliga e giocano titolari. Finale? Spero naturalmente la Croazia e vedo bene l’Inghilterra. È forte e può fare strada nella manifestazione”. 

L’ultimo risultato negativo con la Juventus non cancella ciò che di buono abbiamo fatto finora. Possiamo continuare così anche nella seconda parte della stagione. Vogliamo arrivare il più in alto possibile in classifica. Spero di poter essere importante per la Lazio per poi ritornare in Nazionale. Per quanto riguarda le altre, se il Napoli continua così per altre cinque-sei partite sarà dura riprenderli. Dobbiamo pensare solo al Lecce il resta verrà dopo. Derby? Vincere il primo giocato in carriera è stata una grande emozione”.

Posso giocare in tutte le posizioni, anche a destra o al posto di Cataldi. Al Bordeaux ho giocato anche in un centrocampo a due. Era totalmente diverso. Mi piace suonare la chitarra e cantare, ma lo faccio da solo senza l’ausilio di un professore. L’altra passione che ho è quella per le freccette. Nella mia cameretta ho un bersaglio con cui mi esercito”. 

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW