Connect with us

Extra Lazio

Balotelli accusato di razzismo: rischia 5 giornate di stop

Published

on

 


Mario-Balotelli-of-Liverpool-poses-for-a-team-portrait

Un’altra scivolata – l’ennesima, verrebbe da dire – per Mario Balotelli, che a stare lontano dai guai proprio non ci riesce. Al centravanti del Liverpool, infatti, non sono bastate le polemiche dei giorni scorsi sulle sue “divagazioni calcistiche”, scaturite dopo che era stato fotografato prima a un incontro di boxe e poi a intrattenersi in una discoteca di Manchester.

Questa volta, però, la questione è serie, tanto da finire nel miniro della Football Association che potrebbe aprire un’inchiesta sull’attaccante accusato di razzismo e antisemitismo, per una foto pubblicata sul suo profilo Instagram e cancellata subito dopo. Nello screenshot incriminato si legge: “Salta come un nero e afferra le monete come un ebreo”. E poco importa che lo stesso post contenga anche un’altra frase, chiaramente anti-razzista: “Non essere razzista. Fai come Mario. È un idraulico italiano, creato dai giapponesi, che parla inglese e assomiglia a un messicano”.

IMG_1172

Inutili le scuse dello stesso Balotelli, arrivate via Twitter. “Mi scuso se ho offeso qualcuno. Il post era pensato per essere antirazzista con umorismo. Ora capisco che fuori dal contesto può avere l’effetto opposto. Non tutti i messicani hanno i baffi, non tutte le persone di colore saltano in alto e non tutti gli ebrei amano i soldi. Ho usato un cartone animato fatto da qualcun altro perché c’era l’immagine di Super Mario e ho pensato che fosse divertente e non offensivo. Ancora una volta, mi dispiace”.

FullSizeRender

Superfluo dire che la foto ha fatto rapidamente il giro del web, tanto da costringere il calciatore a intervenire di nuovo, sempre via Twitter, per difendersi: “Mia madre è ebrea, perciò state zitti per favore”.

FullSizeRender (1)

Eppure, nonostante le scuse, la Football Association non ha escluso la possibilità di aprire un’inchiesta. “Noi aborriamo ogni forma di razzismo, ovunque essa si manifesti. Chiediamo alla FA di indagare su questo post offensivo e di intervenire nel caso”. Ha dichiarato, al Daily Telegraph, Simon Jonhson, ex dirigente proprio della FA e attuale capo esecutivo della Jewish Leadership Council. Per Mario Balotelli quindi potrebbe prospettarsi l’ipotesi di una squalifica. E le norme della federcalcio inglese parlano chiaro: in caso di squalifica, lo stop minimo è di 5 giornate.

Ora, premettendo la scarsa simpatia che nutro nei confronti del Balo nazionale, questa volta sono costretto a schierarmi della sua parte. Credo davvero che trovasse divertente e non offensiva la foto che ha postato. Anzi, detto in tutta onestà, credo proprio che non l’abbia letta. Non tutta perlomeno. Si sarà limitato a guardare le figure. Alzi la mano chi non lo ha mai fatto. Insomma, guardate quell’immagine: è semplice,colorata e Super Mario ha una faccia simpatica. Mi sembrano 3 ottime ragioni per pubblicarla!

E poi non dimentichiamoci che parliamo di Mario Balotelli. Sì, ok che lui si crede un genio – del resto lo ha dichiarato pubblicamente proprio qualche tempo fa (“Penso di essere più intelligente della norma, ma giuro che non mi interessa dimostrarlo”) – ma nessuno di noi lo hai mai preso troppo sul serio.

D’altronde come fare a dimenticare il suo “leggendario” curriculum? Ha 24 anni, gioca a calcio da quando ne aveva 7 e non ha ancora imparato come si indossa una pettorina. Tra i suoi hobby troviamo: sparare con pistole-giocattolo per le strade di Milano e lanciare freccette dalla finestra ai ragazzi delle giovanili del Manchester City. Ha scoperto dopo i 18 anni che facendo sesso con una donna senza preservativo lei sarebbe potuta rimanere incinta; e ha impiegato più di un anno per riconoscere la figlia, dopo che ha tentato in tutti i modi di convincerci che la somiglianza tra lui e la piccola Pia fosse dovuta al fatto che ognuno di noi ha 7 sosia in giro per il mondo.

Speriamo soltanto che adesso che è tornato single non incontri mai Sara Tommasi. Perché in quel caso sì che ci sarà da preoccuparsi!



 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Extra Lazio

Premio Divulgazione Scientifica Dosi 2022, scelti i finalisti della 10° edizione: il 14 dicembre la cerimonia all’Aula Convegni del CnR

Published

on

 


Divulgare la cultura scientifica attraverso un concorso rivolto alle migliori produzioni editoriali. E’ questo, come ogni anno, l’obiettivo del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica – Giancarlo Dosi. Un appuntamento fisso dal 2013, data del lancio della manifestazione, che dal 2017 è dedicata alla memoria del suo fondatore e ideatore, Giancarlo Dosi, e che continua a registrare centinaia di candidature di autori e scrittori, tra ricercatori, docenti, giornalisti, studiosi italiani e stranieri. L’edizione 2022, la decima, segna un traguardo storico per il Premio, organizzato dall’Associazione Italiana del Libro: la cerimonia finale si svolgerà in presenza, presso l’Aula Convegni del CNR di Roma, mercoledì 14 dicembre, a partire dalle ore 15.00 (diretta streaming sul sito ufficiale del Premio www.premiodivulgazionescientifica.it e sui canali YouTube e Facebook).

Cinque le aree scientifiche individuate: Scienze matematiche, fisiche e naturali, Scienze della vita e della salute, Scienze dell’Ingegneria e dell’Architettura, Scienze dell’uomo, storiche e letterarie, e Scienze giuridiche, economiche e sociali. Quindici gli autori rimasti in gara, che durante la cerimonia avranno a disposizione due minuti di tempo ciascuno per guadagnarsi il voto della giuria nazionale e del pubblico da remoto, e vincere il Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica 2022.
Durante la finale, tra gli altri, interverranno la Presidente del CNR, Maria Chiara Carrozza, il Responsabile External Relations, Sponsorships & Events di BPER Banca, Gilberto Borghi, e i membri del Comitato Scientifico del Premio, a partire dal Presidente, Giorgio De Rita, segretario generale del Censis.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW