Connect with us

Per Lei Combattiamo

Daniele Portanova: “Il 26 maggio? E’ stata una goduria assoluta e quel derby rimarrà nella storia. Volevo anche tatuarmelo…

Published

on

 


Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM, che ha contattato Daniele Portanova, ex difensore del Genoa e tifosissimo della Lazio. Attualmente Daniele si allena con il Siena ed è in cerca di una squadra.

 

Daniele iniziamo parlando del tuo amore per la Lazio. Qual è stato il momento più bello vissuto da tifoso laziale e a quale giocatore sei più legato?

Il momento più bello è stato sicuramente la vittoria dello Scudetto, mentre il calciatore a cui sono più legato è Beppe Signori. E’ stato il mio idolo.

 

Quando hai iniziato ad andare allo stadio?

Ai tempi di Ruben Sosa e Riedle. Era una Lazio che faceva divertire, non ancora ai livelli di quella di Cragnotti, ma una bella Lazio.

 

L’11 aprile 2010, quando giocavi nel Bologna, c’è stata una sfida molto delicata tra la società felsinea e la Lazio al Dall’Ara. Finì 2-3. Era una partita delicata per entrambe le squadre. Tu segnasti il secondo gol e non esultasti. I tifosi del Bologna se la presero molto con te per questo. Ci spieghi come andò?

Faccio una premessa. Non ho mai esultato dopo aver fatto un gol alla Lazio e mai lo farò nella mia vita. Il giorno dopo la partita, all’uscita dall’allenamento c’erano circa 200 persone. In particolare un gruppetto mi fermò e mi criticò per non aver esultato. A quel punto andai da loro, faccia a faccia, e gli dissi che avevo fatto il mio dovere da professionista, ma che se pensavano che avessi esultato per un gol fatto alla mia squadra del cuore si sbagliavano di grosso.

 

Daniele attualmente ti stai allenando?

Sì, anzi ringrazio il Siena che mi sta dando l’opportunità di farlo. Faccio tutti i giorni doppi turni d’allenamento proprio perchè mi sento ancora un giocatore che può dare tanto anche in Serie A.

 

E’ vera la storia che verresti anche gratis alla Lazio?

Assolutamente sì. Per la Lazio lo farei. Ci tengo a chiarire la situazione. Fino allo scorso anno ero il capitano del Genoa. Durante lo scorso ritiro, per motivi che non conosco, sono stato escluso dal progetto tecnico. E’ un qualcosa che mi ha ferito come uomo e come professionista.
Non mi sembra giusto dover chiudere la carriera così. Ho offerte dalla Serie B, ma penso di poter dare ancora qualcosa in Serie A. Quando ho visto che la Lazio si trovava in difficoltà nel reparto difensivo a causa dei tanti infortuni, e che la piazza invocava il mio nome, mi sono offerto per dare una mano. Sarebbe un orgoglio per me lottare per quella maglia.

 

Facendoti i complimenti per quello che hai detto, non riesco a capire come l’attuale dirigenza della Lazio non colga al volo questa opportunità.

Mi è stato detto che non rientro nei loro progetti tecnici. Accetto da professionista questa presa di posizione e specifico che resterò sempre tifoso della Lazio a prescindere. Certo, da tifoso mi dispiace molto.

 

Rimaniamo basiti, anche perchè se il problema è tecnico, non ci sembra che i vari Cana, Ciani e Novaretti siano più forti di te…

Non so che dire. Penso che con la mia esperienza potrei aiutare questo gruppo. Era un sogno, ma è stato spento dalla dirigenza della Lazio. Peccato.

 

Secondo te quindi non ci sono più speranze che tu possa vestire la nostra maglia?

Onestamente lascio l’1% di possibilità, ovviamente non per mio volere.

 

Parliamo di cose belle. Come hai vissuto la giornata del 26 maggio del 2013?

Come l’ho vissuto? Siamo in radio e non voglio essere volgare (ride, ndr). No, a parte gli scherzi, è stata una goduria assoluta. Quel derby rimarrà nella storia. Pensa che volevo anche tatuarmelo…

 

A proposito di Derby, l’11 gennaio ci sarà Roma-Lazio. Che facciamo prendiamo un biglietto anche per te?

Non c’è bisogno. Sarò presente in Curva.

 

Magari lo sarai in campo…

Magari, ma in campo o in Curva per me sarà lo stesso.
Colgo l’occasione per ringraziare tutto il popolo laziale.
Gli attestati di stima che ho ricevuto mi hanno fatto venire la pelle d’oca. Grazie di cuore, siete unici. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

La Repubblica | Lazio, Maxi e Marcos acquisti flop via al rilancio

Published

on

 


Maximiano per la rivincita, Marcos Antonio per il rilancio. Il mese di gennaio dovrà rivelarsi un punto di svolta per l’avventura alla Lazio del portiere portoghese e del centrocampista brasiliano. A prescindere dal mercato, infatti, i biancocelesti punteranno molto sull’ottimizzazione delle risorse interne. La questione delle tasse da pagare entro il 22 dicembre – che sia concessa o meno la rateizzazione, come chiedono i club al Governo – impone a tutte le squadre una stretta sui piani per la sessione invernale. Se poi, nel caso della Lazio, si aggiunge la questione dell’indice di liquidità, ancora negativo, diventa inevitabile a Formello puntare sulla valorizzazione, nella seconda parte di stagione, degli elementi che fin qui hanno brillato meno. Per Maximiano l’occasione arriverà in Coppa Italia, di nuovo contro il Bologna. Un segno del destino per l’ex Granada, pagato 10,7 milioni in estate e rimasto a guardare gli exploit di Provedel dopo l’ingenuità al quarto minuto della prima giornata – proprio contro il Bologna di Arnautovic – che gli costò l’espulsione. Ha lavorato sodo in questi mesi, il portiere portoghese, anche se non è mai stato preso in considerazione nemmeno per l’Europa League: a sorpresa, zero presenze nelle Coppe. Ora la data del 19 gennaio sul suo calendario è cerchiata di rosso. Da febbraio poi ci sarà anche la Conference League per ritagliarsi minuti in campo e provare a rilanciarsi e riscattarsi. Discorso simile anche per il regista ex Shakhtar Donetsk. «Marcos Antonio ha bisogno di tempo per capire bene i concetti di gioco di Sarri», ha detto giorni fa Roberto De Zerbi, il tecnico che proprio in Ucraina lo aveva allenato con successo. Già in estate ne aveva parlato molto bene allo stesso Sarri, consigliandogli di puntare su di lui. «È un brasiliano con la testa da tedesco per la professionalità che dimostra tutti i giorni. Credo che si prenderà il suo spazio», ha assicurato. Per il classe 2000 il “duello” con Cataldi fin qui non è stato semplice. Ma gli attestati di stima dall’allenatore e dai compagni non sono mai mancati. Si è applicato molto, Marcos Antonio, per imparare i movimenti e i dettami tattici del 4-3-3 e le volte in cui è stato chiamato in causa ha già dimostrato, accanto ai difetti da limare, di saper dare del tu al pallone. Era stato il primo nuovo acquisto, cinque mesi fa: costato 7,3 milioni più bonus e accolto con entusiasmo, arriva ora il momento per Marcos di far vedere che la fiducia di tutti nel suo potenziale è stata ben riposta. La Repubblica

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW