Connect with us

Per Lei Combattiamo

Pioli in retromarcia, ora pensa alle due punte per dare la scossa

Published

on

 


Retromarcia nel gioco e nei punti: uno nelle ultime tre partite. Dopo tredici giornate, Pioli finisce sempre più sul patibolo. L’anno scorso Petkovic – alla tredicesima giornata – aveva 17 punti, tre in meno, 17 gol fatti e altrettanti subiti, già in pieno caos da licenziamento “svizzero”. Reja, sbarcato per la seconda volta a Formello – in sostituzione – il 6 gennaio racimolava 21 punti (15 reti fatte e 12 incassate) in tredici partite. E per Pioli, a differenza loro, mai l’ostacolo Europa League. I due predecessori avevano fatto meglio di lui nella prima annata ai nastri di partenza: Petkovic, 23 punti nelle sue prime tredici giornate biancocelesti, con tanto di girone europeo sul groppone; Reja, 25 punti nel 2010/11 senza Coppe, dopo aver salvato la Lazio in corsa l’anno prima. Pioli avrà pure portato un’altra mentalità, ma dov’è il salto di qualità?

NÉ COPPE, NÉ CAMPIONI
Un altro aiuto per Pioli. Né Vlado, né zio Edy avevano potuto beneficiare della miglior campagna acquisti degli ultimi anni. Più gol fatti (21) e subiti (16) non compensano quindi 5 punti persi a Empoli e Verona. A preoccupare è l’involuzione del gioco, vista persino col Varese in Coppa Italia. La Lazio ha puntato sull’ex Bologna per una “rivoluzione calcistica”, fatta di pressing e assalti all’avversario. Eppure, da Delio Rossi a oggi, son passati 5 allenatori e nessuno è riuscito a portarla avanti. Per carità, nessuno “Special one”, ma solo un mago può trasformare una squadra di buoni giocatori in una corazzata di campioni. Tradotto: la campagna estiva è stato buona, ma ha solo sanato gli ultimi quattro mercati mancanti. E nel frattempo i pochi top-player sono invecchiati: da Klose a Mauri. Gli errori del passato non si smaltiscono con una sola spesa.

FINITO L’INTEGRALISMO?
Ha le sue colpe, Pioli. Doveva far sbocciare i giovani, ha fatto tornare “piccolo, piccolo” Keita, mai tre volte di seguito in campo per trovare una “misera” continuità. E, pur mettendoci l’anima estate e autunno, il mister non ha ancora tramutato Felipe Anderson in un cigno: magari il brasiliano si sbloccherà dopo il gol al Varese e con l’assenza di Candreva. Perché ora è in ballottaggio con capitan Mauri come trequartista in un eventuale 4-3-1-2 a Parma. Nelle ultime tre partite il baluardo 4-3-3 non ha funzionato, Pioli deve pensare a un cambio di modulo. Perché questo integralismo tattico può diventare la sua più grande colpa, non una carta d’identità.

RIVOLUZIONE BIANCOCELESTE
La Lazio è stanca, il 4-3-3 richiede un incredibile dispendio. Così Biglia può anche azzeccare 55 passaggi su 62 (l’89% a Verona), ma è tutto inutile se i compagni non gli corrono intorno. Diventano persino sterili i cross (49, 7 a destinazione al Bentegodi) se non c’è chi sprinta a buttarli dentro. Possono provarci insieme Djordjevic e Klose a Parma. Perché la rivoluzione biancoceleste è meno utopistica solo se tutti ci credono e si battono uniti. Non certo se continuano a scoppiare focolai interni qua e là. Fonte: Il Messaggero 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

CdS| La difesa perde pezzi: Casale out

Published

on

 


foto Fraioli

La sosta per le Nazionali ha lasciato in casa Lazio un problema non indifferente: una difesa smembrata con mancanza di alternative. Infatti, gli unici difensori con cui ha potuto lavorare Sarri in questa settimana sono stati Romagnoli, Kamenovic e Radu. Gli altri divisi tra le Nazionali e chi è ai box. A questi ultimi si è aggiunto anche Casale, che ne avrà per circa 20 giorni dopo il problema all’adduttore confermato dalla società con un comunicato. La sostituzione arrivata al 57esimo contro la Cremonese causa infortunio è dunque spiegata: potrebbe rientrare dopo la trasferta contro lo Sturm Graz, ma è ancora tutto da vedere.

 

foto Fraioli

 

Tra gli infortunati anche Patric, il quale è stato sostituito da Gila al 78esimo contro la Cremonese e per tutta la settimana ha svolto lavoro in palestra. Presente nella sgambata di venerdì, non dovrebbe essere a rischio per la prossima giornata. Lazzari sta inoltre recuperando da uno stiramento e dovrebbe farcela per la trasferta contro la Fiorentina del prossimo 10 ottobre. Sarri ha concesso 48 ore di riposo: si tornerà in campo a Formello martedì in attesa del ritorno dei nazionali.

 

Il Corriere dello Sport 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW