Connect with us

Per Lei Combattiamo

Doppio Mauri e Lulic stendono l’Atalanta: Lazio terza

Published

on

 


La Lazio vince e convince contro l’Atalanta. All’Olimpico finisce 3-0 e i biancocelesti, in attesa delle gare di domani, volano al terzo posto in classifica. Una Lazio che nel primo tempo non ha brillato molto, complice anche un po’ di ruggine nelle gambe di Ledesma che oggi aveva il compito di dirigere la manovra laziale, ma nella seconda frazione di gara gli uomini di Pioli sono usciti fuori, annichilendo quelli di Colantuono. Una doppietta di Mauri e una rete di Lulic fanno spiccare il volo all’aquila, il cammino per l’Europa è ufficialmente ripreso.

PRIMO TEMPO. Con Biglia out, Pioli affida la regia a Ledesma. In avanti Djordjevic vince il ballottaggio con Klose, alle spalle del serbo il tandem Mauri-Anderson. Il primo tempo non è brillante sotto il profilo tecnico: la partita viaggia su ritmi lenti e noiosi. Il primo squillo del match arriva al 21’ quando l’attaccante bergamasco Bianchi si gira in un fazzoletto dal limite e conclude in porta, ma Marchetti accompagna il pallone senza problemi sul fondo. La Lazio si fa viva pochi minuti dopo con un rivitalizzato Felipe Anderson che, dopo una grande azione,  serve Djordjevic, ma sul cross dell’ex Nantes Mauri arriva in ritardo. Al 36’ sono di nuovo i padroni di casa ad andare vicini al goal del vantaggio, ma il capitano laziale non riesce di nuovo ad impattare il pallone servito ancora da Djordjevic. I primi 45’ minuti terminano col risultato in perfetta parità: 0-0.

SECONDO TEMPO. Nessun cambio da ambe le parti al rientro in campo per la seconda metà di gara. La Lazio, però, sembra più brillante e convinta, la squadra di Pioli prende subito in mano le redini del gioco, mettendo sotto pressione gli avversari. Una pressione che porta i frutti sperati al 51’, quando capitan Mauri, servito splendidamente in area da Felipe Anderson, insacca in scivolata il goal del vantaggio laziale. I biancocelesti prendono coraggio ed è ancora Felipe Anderson a salire in cattedra, andando vicino alla rete al 59’ con una conclusione a fil di palo che Sportiello smanaccia in angolo. La Lazio è padrona del campo ormai e così al 72’ trova il raddoppio ancora con Mauri che dal limite piazza il pallone all’angolino basso del portiere bergamasco. All’81’ è Lulic a chiudere il match e fissare il punteggio sul 3-0.



 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Partita della Pace, le parole di Lotito e Immobile alla conferenza di presentazione

Published

on

 


Quest’oggi si è tenuta la conferenza di presentazione della Partita della Pace, iniziativa alla quale prenderà parte la Lazio con il suo bomber Ciro Immobile. L’attaccante sarà infatti capitano, insieme a Ronaldinho, di una della sue squadre che si affronteranno il 14 novembre. Alla conferenza, sono intervenuti sia Immobile che il Presidente della Lazio Claudio Lotito.

Queste le loro parole, raccolte da a Radiosei:

Lotito: “Ho accolto con favore questa iniziativa. Quando sono entrato nel mondo del calcio anche perché questo sport, con questo forte impatto mediatico, può educare e moralizzare. Viviamo un momento difficile, l’appello di pace del papa deve essere recepito da chi vive con i valori dello sport. Questa è una guerra nata per interessi geopolitici quindi queste iniziative servono peer sensibilizzare in tal senso. I valori che cerco di trasmettere al mio club e che cerco di tramandare nell’istruzione sportiva, perché al di la dei risultati del campo, dove siamo avversari e non dividere, sono trasportabili con questo sport perché insieme possiamo unire, esaltare il valore, il merito. Maradona anni fa mi ha chiesto di entrare a Formello proprio perché la Lazio incarna questi valori. Ed è stato contento di vedere l’accoglienza che gli abbiamo riservato. Il calcio non rappresenta i valori economici, ma i valori umani. lo dico sempre ai miei calciatori che devono scendere in campo con il rispetto degli avversari. Il valore di questo evento è proprio questo. Trasmettere tale messaggio ai giovani. Viva la pace”.

Ciro Immobile: “Sono felice che papa Francesco abbia scelto il calcio per mandare un messaggio così importante e sono orgoglioso di essere il capitano di una squadra. Sono contento perché giocheremo nel ricordo di Maradona che è stato capitano e rappresentante di questo evento in passato. Diego ha ispirato tanti di noi e continuerà a farlo”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW