Connect with us

Per Lei Combattiamo

Enrico Chiesa: “La Lazio ha una delle tifoserie più belle d’Italia, dispiace non aver dato quanto si aspettavano”

Published

on

 


chiesa-650x487[1]

Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM, che ha contattato Enrico Chiesa, uno degli attaccanti più prolifici della recente storia del campionato italiano, alla Lazio nella stagione 2002-2003. Attualmente Enrico è il tecnico della Primavera della Sampdoria.

Enrico tu sei stato uno dei più grandi bomber italiani degli ultimi anni. Nel 2002-2003 arrivasti alla Lazio sotto la guida di Roberto Mancini. Che ricordo hai di quel periodo?

Faccio una premessa. Ho vissuto tanti momenti belli nel corso della mia carriera e sono contento di quello che ho fatto, ma forse, essere arrivato alla Lazio proprio dopo un grave infortunio, è uno dei rimpianti più grandi che ho.
Mi è dispiaciuto soprattutto per i tifosi, che magari si aspettavano da me quello che avevo dimostrato nella Sampdoria, nel Parma e nella Fiorentina.

 

Hai realizzato comunque 7 reti in 24 partite, alcune delle quali decisive, come quella in Coppa Uefa a Cracovia.

Sì, anche se non ero al meglio, ho cercato di dare tutto quello che potevo. Eravamo una squadra fortissima, tant’è che a fine anno centrammo la Champions League e uscimmo solo in semifinale sia in Coppa Uefa che in Coppa Italia.

 

Ti sei trovato bene a Roma?

Non bene, benissimo. La Lazio ha una delle tifoserie più belle d’Italia e poi le emozioni che ti dà il Derby di Roma è un qualcosa di unico. Penso che sia il ricordo più bello che ho. 80.000 persone allo stadio e un calore speciale da parte della gente.

 

Senti Enrico, ora sei il tecnico della Primavera della Sampdoria. Che differenze ci sono tra l’essere un calciatore e l’essere un allenatore?

Secondo me fare l’allenatore è molto più difficile.
Quando sei giocatore puoi giocare bene o male, ma hai l’appoggio dei compagni. L’allenatore in questo senso è da solo, ha molta più responsabilità.

Finora la Sampdoria sta facendo un grande campionato.

Secondo te è una squadra che può restare nelle prime posizioni sino a fine stagione?

Conoscendo come lavora Sinisa (Mihajlovic, ndr) penso di si.
E’ normale che nel calcio non si può mai dire una cosa prima di averla conquistata, ma ritengo che si siano creati degli equilibri particolari che vanno sfruttati.

 

Tu che lo vivi da vicino, puoi dirci che persona è il presidente Ferrero?

E’ così come lo vedete. E’ una persona molto gioiosa e aperta. Quello che sente esprime. Si è molto legato all’ambiente doriano e non manca mai un’occasione per dimostrarlo.

 

Veniamo alla Lazio attuale. Ti piace la squadra di Pioli?

Sì, mi piace l’umiltà che ha avuto. Ha vissuto momenti difficili, ma non si è disunita. Ha fatto una buona partita con l’Atalanta, dando così seguito al successo di Parma. Inoltre ha giocatori di buon livello. Con un pizzico di fortuna può giocarsi il terzo posto.

Domenica c’è Inter-Lazio. Tu conosci molto bene il Mancio.

Come credi che stia vivendo questo periodo difficile?

Sta cercando di fare quello che può. Probabilmente non si è mai ritrovato in una situazione del genere. E’ arrivato da poco e ha trovato molte difficoltà, ma credo che sia un allenatore in grado di risollevare le sorti della squadra.

 

In conclusione, qual è il giocatore che ti piace di più della Lazio?

Dico Djordjevic. Credo che abbia sorpreso un po’ tutti. E’
un attaccante molto potente che si sacrifica molto per la squadra. Secondo me ha ancora molti margini di crescita, ma l’impatto con il calcio italiano è stato più che positivo. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero| Immobile ci prova ancora

Published

on

 


foto Fraioli

Immobile sta bene, ha voglia di giocare, ma il mondo Lazio è in ansia. Si aspettano solo gli esami che possono evidenziare la presenza o meno di una lesione. Lui avrebbe giocato anche contro l’Inghilterra, ma non si possono prendere dei rischi prima di un tour de force come quello che aspetterà le squadre di Serie A e non solo fino alla lunga sosta dei Mondiali.

 

foto Fraioli

Casale rischia, inoltre, 20 giorni di stop a causa dell’infortunio che lo ha costretto a uscire al 57esimo contro la Cremonese. Il difensore, che era stato motivo di lite tra Tare e Sarri a gennaio, è arrivato per 7 milioni più bonus a luglio rimanendo però uno degli acquisti meno utilizzati. Insieme a lui anche Maximiano: l’estremo difensore pagato più di 10 milioni si è bruciato dopo soli 6 minuti alla prima giornata contro il Bologna. Lui si allena a Formello in questi giorni, ce la sta mettendo tutta per riscattarsi ma si vocifera di un suo trasferimento in prestito già da gennaio.

Il Messaggero

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW