Connect with us

Per Lei Combattiamo

Calori: “Perugia-Juventus? Sembrava di vivere un film, Collina ci fece capire che quella partita si sarebbe dovuta giocare per forza quel giorno”

Published

on

 


Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM, che ha contattato Alessandro Calori, il difensore che il 14 maggio del 2000 regalò lo Scudetto alla Lazio grazie al suo gol in Perugia-Juventus.
Alessandro lo sai che per molti laziali quello Scudetto del 2000 è anche un po’ tuo?
Me ne sono accorto. Ogni volta che incontro dei tifosi o dei giornalisti laziali mi esaltano come se avessi fatto parte di quella rosa (ride, ndr).
Si è sempre parlato del 14 maggio e dei festeggiamenti del dopo, ma quasi mai si è chiesto a voi giocatori del Perugia come avete vissuto la viglia della partita. Se ricordi ci furono molte polemiche in quella settimana.
Sì, la settimana prima era stato annullato un gol regolare al Parma a Fabio Cannavaro a Torino contro la Juventus. Si era creato un clima di grande pressione. Sembrava che fosse una finale di Coppa dei Campioni. Noi eravamo già salvi e non avevamo nulla da perdere. Ricordo che fu molto importante Carlo Mazzone. Ci disse di entrare in campo e di onorare il calcio.
Come avete vissuto gli attimi tra la fine del primo tempo e l’inizio del secondo?
Venne giù un acquazzone inaudito. C’erano venti centimetri d’acqua negli spogliatoi. Sembrava di vivere un film. Ricordo che l’arbitro di quel giorno, Pierluigi Collina, ci fece capire che quella partita si sarebbe dovuta giocare per forza quel giorno. Aspettammo quindi la fine dell’acquazzone e disputammo il secondo tempo.
 
Veniamo al momento che ha cambiato la nostra storia. 5° minuto del secondo tempo. Arriva una palla al limite dell’area e tu la insacchi con un gran destro. Ci racconti cosa hai provato e cosa vedevi sul volto dei giocatori juventini?
 
Ho provato una grande gioia, ma non perchè mi rendevo conto che stavo decidendo l’assegnazione dello Scudetto. Semplicemente, da professionista, ero contento di aver fatto gol. I giocatori della Juventus, in un attimo, videro vanificato tutto quello che avevano fatto di buono durante l’anno. Il calcio è anche questo.
 
Senti Alessandro, venendo alla Lazio attuale, ti piace la squadra di Pioli?
 
Sì, mi piace molto. La cosa che mi ha più colpito è la voglia di imporre il proprio gioco in ogni partita. A questo poi aggiunge delle individualità importanti come Klose, Candreva e questo Djordjevic che mi ha impressionato per l’impatto che ha avuto con il calcio italiano.
 
Da ex collega di reparto cosa pensi di De Vrij?
 
E’ un ottimo difensore. Certo, forse ha bisogno di maturare un po’. Finora non ha ancora dimostrato di essere un leader, come magari lo era Nesta negli anni in cui giocavo io. E’ comunque un ragazzo di grande valore.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Da Lotito a Petrucci, i premiati dello sport

Published

on

 


Ottava edizione del Premio Giuseppe Colalucci, giornalista romano scomparso nel 1984.
Come riportato da Il Messaggero, stasera alla Casa del Jazz saranno presenti molti personaggi del giornalismo e del mondo dello sport – tra cui Lotito e Giordano – che riceveranno un riconoscimento.

fraioli


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW