Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

NUMERI – Incubo Palacio, San Siro, Mancini e Tagliavento. Ma non per Pioli…

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

L’ultima partita del 2014 andrà in scena a San Siro, quando Inter e Lazio si affronteranno nel posticipo della 16^ giornata. I precedenti per i biancocelesti non sono incoraggianti, ma il fattore Pioli fa sperare i capitolini.

INTER-LAZIO. Quello di domani sarà il 74° precedente tra Inter e Lazio in Serie A a San Siro. I precedenti parlano chiaro: 41 successi meneghini, 23 pareggi e appena 9 vittorie laziali. A due facce il mese di dicembre in casa dell’Inter per la Lazio: una vittoria e una sconfitta.

L’ultima vittoria nerazzurra risale allo scorso anno, quando gli uomini di Mazzarri affossarono quelli di Reja con un netto 4-1 (andò in rete anche l’ex Hernanes). L’ultima affermazione delle aquile, invece, risale al 2013 grazie al 3-1 esterno. Il pareggio più recente, infine, risale al 2004, quando Talamonti pareggiò il gol di Adriano. Impietoso, per la Lazio, anche il numero dei gol segnati dalle due squadre: 143 a 63.

MANCINI-LAZIO. Non va meglio il confronto con l’ex tecnico e giocatore: 10 precedenti in A, 2 vittorie, 4 pareggi e altrettante sconfitte. Le uniche affermazioni laziali risalgono però a quando il Mancio allenava la Fiorentina (2001). L’ultimo incrocio fra le due parti si è verificato nel 2008 e l’Inter di Mancini passò per 2-0 a Roma. Imbattuto, inoltre, in casa: 3 vittorie e un pareggio.

PIOLI-INTER. Bilancio in parità, invece, per il tecnico biancoceleste: tre vittorie, altrettante sconfitte e un pareggio. Soprattutto a San Siro il tecnico emiliano ha saputo esaltarsi. Negli ultimi anni, infatti, con il suo Bologna ha espugnato due volte la Scala del Calcio: prima ha battuto Ranieri con un netto 3-0, poi Stramaccioni per 1-0.

PIOLI-MANCINI. Solo uno il confronto fra i due tecnici, a favore del mister di Jesi: Parma-Inter 1-2, rete di Cruz nel finale. Dunque domani l’ex allenatore del Bologna avrà l’occasione di pareggiare i conti.

GIOCATORI LAZIO. La minaccia più grande per i milanesi è sicuramente Miro Klose: due reti negli ultimi due incroci che hanno regalato altrettante vittorie, tutte in casa però. Una gioia invece per Mauri, Candreva, Konko, Ledesma, Onazi e Parolo.

GIOCATORI INTER. I colori biancocelesti evocano dolci ricordi per alcuni giocatori interisti. E’ sicuramente il caso di Palacio: l’argentino ha rifilato 6 gol in 8 gare ai capitolini, ben due nell’ultimo confronto. La minaccia del ‘Trenza’ si fa ancora più evidente se si pensa che l’ex Genoa non segna in campionato proprio dall’ultima sfida con la Lazio. Sarà anche la seconda gara di Hernanes contro la sua ex squadra. Al momento la media del brasiliano è perfetta: 1 gol nell’unico confronto. Una rete, infine, anche per Icardi e Osvaldo (assente però domani).

TAGLIAVENTO-LAZIO. Spaventosi i numeri dell’arbitro con i laziali: 21 partite, 7 vittorie, 2 pareggi e ben 12 sconfitte. L’ultimo successo capitolino risale all’ottobre del 2012 (Lazio-Milan 3-2), da allora con Tagliavento sono arrivati cinque ko consecutivi.

TAGLIAVENTO-INTER. Positivo, infine, il bilancio tra queste due parti: 21 partite, 13 vittorie, 3 pari e 5 ko.



 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

MOVIOLA | Lazio-Verona: bravo Colombo nella gestione dei cartellini. Sul 3-3 possibile fallo su Kamenovic

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

E’ l’arbitro Andrea Colombo, sezione di Como, a dirigere l’ultima partita della Lazio in stagione. Il 32enne gestisce bene la gara, soprattutto per quanto riguarda i cartellini gialli che vengono sventolati ogni qualvolta serva. Ecco la moviola di Lazio-Verona, finita 3-3:

Al 10′ un replay mostra una forte e continua trattenuta ai danni di Luiz Felipe nel corso della punizione calciata da Cataldi dalla destra. Mentre il pallone percorre rapidamente tutta l’area di rigore, l’italiano viene trattenuto vistosamente. L’arbitro non vede, il VAR non interviene.

Dubbi sul gol del 3-3 del Verona: Hongla colpisce Kamenovic in scivolata dopo che il difensore della Lazio ha preso il pallone che beffa l’uscita di Strakosha.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW