Connect with us

Esclusiva

[ESCLUSIVA] Castagna, Ag. Anderson: “Felipe può dare ancora di più”

Published

on

 


Castagna AndesronLa Lazio lo ha fortemente voluto, è stata brava ad aspettarlo e lasciarlo sereno e ora ha tra le mani un vero gioiellino. E’ il calciatore del momento, quello che tutti accusavano di non essere pronto, quello costato troppo, quello non adeguato al calcio italiano. Quello di cui oggi tutti parlano. E’ si, perchè Felipe Anderson, piano piano, si sta prendendo le sue rivincite a suon di assist e gol. Servivano prestazioni importanti, serviva continuità. Con determinazione e sacrificio, lavorando a testa bassa, il brasiliano ha dimostrato di avere talento. Coinvolto in questi ultimi giorni in delicate vicende personali, il calciatore ha comunque scelto di partire alla volta di Torino insieme alla squadra, per affrontare questa sera gli Ottavi di finale di Coppa Italia. Chi lo conosce bene parla di un giocatore tranquillo, determinato e con ancora ampi margini di miglioramento. Per saperne di più, Laziopress.it ha contattato in esclusiva l’agente di Anderson, Stefano Castagna.

Con il tempo Anderson sta dimostrando il suo valore. Cosa è cambiato rispetto alla scorsa stagione e possiamo ritenere mister Pioli uno dei fattori che hanno permesso al giovane di esplodere?

” Sicuramente anche l’allenatore ha influito positivamente su Felipe. Gli ha dato fiducia e lo sta aiutando a crescere. Dobbiamo tenere in considerazione che arrivare a vent’anni in un Paese lontano dal tuo e ambientarti in un campionato così diverso da quello brasiliano non è semplice. Tra l’altro va ricordato che lui è arrivato qui a seguito di un infortunio. Aveva tolto le stampelle da pochi giorni e non aveva alle spalle la preparazione necessaria. Insomma le difficoltà non erano poche. Però lui ha lavorato tanto, con grande intelligenza e sapevamo che il secondo anno sarebbe stato importante. Quando è stato chiamato in causa nei primi mesi di questa stagione, anche se per pochi minuti, ha sempre dato il suo contributo con buone prestazioni. Poi il mister gli ha dato la possibilità di giocare di più e lui è stato bravo a trovare la continuità che tutti si aspettavano. Pioli è riuscito a creare un feeling importante con il ragazzo e ha trovato la chiave giusta per consentirgli di esprimere il suo valore”.

Dopo quel calcio di rigore sbagliato contro il Ludogorets nella gara di andata dei sedicesimi di Europa League della scorsa stagione, quanto è stato difficile riprendere sicurezza?

“Sicuramente si tratta di episodi che non fanno bene. Se avesse realizzato quella rete probabilmente molto sarebbe stato diverso. Però nella carriera di un ragazzo anche quelle sono esperienze importanti, che se prese nel modo giusto aiutano a fortificare. Felipe è molto intelligente e sono convinto che quel rigore sbagliato gli sia servito per crescere ancora e lo abbia reso caratterialmente più forte. Tutto fa esperienza, e ciò che ha vissuto lo scorso anno gli servirà anche per affrontare al meglio questa stagione”.

Parliamo di un ragazzo molto giovane. Sia il mister, Pioli, che il Ds, Tare ci hanno parlato di un calciatore con ampi margini di miglioramento. Può dare secondo te ancora di più a questa Lazio?

“Assolutamente si. Può crescere ancora molto. Se continua a lavorare così, con questa intensità e con questa convinzione può migliorare ancora tanto e fare ancora di più per questa squadra”.

A suon di ottime prestazioni sta attirando molti occhi su di sè. C’è già chi fa valutazioni di mercato e i tifosi biancocelesti iniziano a temere una sua possibile partenza a fine anno. Possono essere tranquilli?

“Le valutazioni, i prezzi, le offerte le fanno il mercato. E’ ovvio che se dovesse continuare a giocare a questi livelli, conoscendo bene il calcio, qualche proposta potrebbe arrivare a fine stagione. Alcune squadre probabilmente lo stanno già seguendo e tenendo monitorato. Però a quel punto bisognerebbe vedere la volontà della Lazio. Lui non deve pensare al mercato, ma soltanto a continuare a giocare come sta facendo, con questa voglia e questa intensità. Felipe a Roma sta bene. Se dovessero arrivare offerte da squadre importantissime poi le valuteremo insieme alla società. La cosa fondamentale per lui e per la sua carriera è che continui a giocare così e che sia sereno”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW