Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

Pioli: “Purtroppo Mauri e de Vrij non ci saranno. Nesta? E’ il benvenuto”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 pioli conferenza napoli

FORMELLO –

INFORTUNATI
“Purtroppo queste situazioni fanno parte del nostro lavoro. Noi la prendiamo come un’occasione per dimostrare che siamo squadra, che siamo cresciuti e anche la prestazione di mercoledì va in questa direzione. Purtroppo Mauri e De Vrij non faranno parte della partita perché non hanno recuperato dai loro malanni. Ma sono tranquillo, ho tanti altri giocatori e saremo pronti per dare il massimo.”

LAZIO-NAPOLI

“Vale tanto come sempre. È uno scontro diretto. Noi siamo al terzo posto e loro sono diretti avversari. Il Napoli già da diversi anni affronta incontri di questo valore, ma noi ci arriviamo bene. L’avversario è forte e ha qualità, ma ne abbiamo anche noi.”

CALCIOMERCATO
“Questi sono discorsi particolari. Ci sono squadre che sulla carta si sono rinforzate, ma si gioca sempre in 11 e sarà in campo a dare le risposte. Io non mi sono mai fidato di quello che dice la carta. Chi sta intervenendo molto lo fa perché aveva molto da aggiustare.”

I GIOCATORI DELLA PRIMAVERA
“Vorrei avere tutti i giocatori a disposizione e già questo sarebbe un risultato importante è un grande rinforzo. La società si sta muovendo sul mercato. Io penso solo al Napoli, loro al resto. I ragazzi della Primavera sono giovani e di prospettiva, ma noi ora abbiamo bisogno di giocatori pronti.”

LA GARA CON LA JUVENTUS
“La partita con la Juventus ci ha insegnato tanto. È la gara che ci piacerebbe rigiocare perché ci siamo fatti prendere dalla troppa voglia di fare la gara. Da lì però abbiamo tratto tanti insegnamenti. Parliamo di un avversario che mette in difficoltà tutti.”

LE PAROLE DI NESTA
“I complimenti di Nesta fanno piacere, sempre. Io non avrei alcun problema a confrontarmi con lui e fargli vedere magari i nostri allenamenti. Se lo desidera è il benvenuto.”

GARA PER IL TERZO POSTO. SE LO SAREBBE ASPETTATO ALL’INIZIO DI CAMPIONATO?
“Da subito ho avuto la sensazione di avere per la mani una squadra competitiva. Il campionato è lungo e all’inizio si facevano tanti pronostici. Se ne fanno ancora tanti oggi perché ci sono parecchie squadre che possono entrare in questa competizione. Noi siamo lì meritatamente e faremo di tutto per mantenere questa posizione.”

KEITA
“Sono arrivate risposte interessanti da tutti i giocatori impiegati mercoledì. Abbiamo ottenuto un risultato importante contro un avversario ostico per chiunque. Keita ha fatto dei miglioramenti sostanziali, ha grande talento e qualità. È migliorato ma può crescere ancora molto. In 90 minuti di gioco un singolo giocatore rimane in possesso palla massimo 3 minuti. Nei restanti deve essere a disposizione della squadra e Keita lo sta capendo.”

LA GARA DI DOMANI 
“Si affrontano due squadre simili per mentalità. Sia noi che loro cercheremo di essere aggressive e propositive. I nostri avversari hanno caratteristiche simili alle nostre, ma avrà la meglio chi giocherà la gara migliore sotto il punto di vista tecnico.”

LA TATTICA
“Giocare bene dal punto di vista tecnico e sbagliare meno passaggi possibile è fondamentale. Loro sono letali in fase di ripartenza. Quando affronti una squadra di qualità é importante mettere sotto pressione il portatore di palla. Dovrà essere una gara precisa.”

CATALDI
“Ha giocato la prima gara mercoledì dopo tanto tempo. Non ha ancora la condizione fisica per scendere in campo dal primo minuto. Danilo ha le qualità giuste per fare bene. Ben vengano i giovani.”

FIRMEREBBE PER UN PAREGGIO?
“Noi dobbiamo entrare in campo per vincere. Se lo fai è facile che a fine gara il risultato sia positivo. Per noi questa è una grande occasione. Queste situazioni possono capitare. Noi non ci siamo mai attaccati alla fortuna o la sfortuna. La squadra che schiererò domani sarà competitiva e lo sarà anche la panchina. La nostra mentalità non deve cambiare.”

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Scudetto Milan, rubata la medaglia di Pioli: “Restituitemela, è l’unica che ho”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 Episodio sgradevole durante i festeggiamenti per il diciannovesimo titolo rossonero. Il tecnico: “Me l’hanno strappata dal collo, aiutatemi a ritrovarla”.

REGGIO EMILIA – La festa per lo scudetto vinto dal Milan non è rovinata. Ma l’episodio è sgradevole. Al tecnico rossonero Stefano Pioli è stata rubata la medaglia ricevuta durante la premiazione. “Mi hanno strappato la medaglia nelle celebrazioni: se potete fare un appello vi ringrazio, è l’unica che ho”.

Il furto della medaglia di Pioli è avvenuta mentre si stavano svolgendo i festeggiamenti. I tifosi hanno cantato in continuazione il coro “Pioli is on fire”, sulle note della celebre canzone “Freed from desire”. Prima della premiazione dei rossoneri, Ibrahimovic aveva innaffiato di prosecco Pioli, poi si era acceso un sigaro. “Non mi sono mai sentito così bene – aveva detto poco prima del fattaccio Pioli – io mi conosco e so quanto è importante sentirmi apprezzato come mi sono sentito nell’ambiente Milan. E questo mi ha permesso di fare quello che ho fatto e ai miei giocatori di darmi il cuore e la testa. Siamo un squadra di fenomeni, non abbiamo mai mollato. Ci abbiamo creduto sempre e siamo stati più continui dell’Inter”. Restituite quella medaglia a Pioli, se l’è meritata. Repubblica.it 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW