Connect with us

Per Lei Combattiamo

Il Presidente Lotito in conferenza stampa a Formello: “Con il Napoli penalizzati”

Published

on

 


mauricio conferenza

In Sala Stampa a Formello assieme al responsabile della comunicazione Stefano De Martino ed a Mauricio, il presidente della SS Lazio Claudio Lotito ha risposto così ai vari argomenti proposti.

“Abbiamo dimostrato che la società mantiene gli impegni che si prefissa. Abbiamo migliorato il reparto difensivo grazie all’inserimento di un giocatore che abbiamo monitorato per oltre un anno. Abbiamo provato a prenderlo in estate ma abbiamo virato su De vrij. Mauricio è un giocatore con caratteristiche complementari per la nostra difesa e in Portogallo ha messo in mostra le sue qualità. E’ venuto alla Lazio per fare il salto di qualità. La Lazio è considerato un club appetibile, nella trattativa per Mauricio il presidente dello Sporting era tranquillo perché sa che paghiamo tutti gli impegni che prendiamo. Dico questo perché dal primo luglio le società hanno l’obbligo di mostrare i pagamenti verso le società estere, noi lo abbiamo sempre fatto. Dal punto di vista tecnico è inutile che vi decanti le qualità: è un investimento sia per il presente che per il futuro. Con lui avremo un reparto completamente innovato visto che puntiamo su una prospettiva futura, con l’età media che si è abbassata molto. Questo dimostra la programmazione razionale della nostra società. Non facciamo la collezione di giocatori, ma lavoriamo per rendere competitiva questa squadra. Mauricio ha un carattere forte, potrà dare la scossa anche a tutto il reparto”.

La maglia dei -9 è andata polverizzata oggi…
“Ce l’aspettavamo, abbiamo lottato per riuscire a fare questo. Abbiamo trovato degli interlocutori seri che ci hanno permesso di rilanciare il marchio. Abbiamo già predisposto un’ulteriore richiesta di questa maglia storica. Spero che i tifosi si identifichino in questi valori”.

Ci sono possibilità per Hoedt a gennaio?
“Nella trattativa con Hoedt siamo stati chiari, anche l’AZ ha apprezzato la nostra correttezza. Fino all’ultimo abbiamo tenuto in piedi la possibilità di portarlo qui ora. La loro condizione non corrispondeva con le nostre prospettive. Una volta c’era ‘lascia o raddoppia’, invece ora la Lazio ha dimostrato di sapersi muovere sul mercato. Siamo una società con i conti in ordine e quindi con prospettive rosee. Stiamo puntando molto sui giovani, stiamo valorizzando il settore giovanile. Per questo sarà fondamentale anche l’Academy”.

Smentisce il possibile acquisto di Balotelli?
“Le voci sono tante, quando sono arrivato qui la gente scappava. Ora tanti vogliono venire alla Lazio. Chi vuole venire da noi deve rispettare i nostri parametri”.

Vuole commentare gli ultimi arbitraggi?
“Non è mio costume, per motivi personali e istituzionali, entrare nel merito della classe arbitrale. Ho sempre cercato di difenderla. Insieme al presidente Tavecchio, sono stato portatore dell’inserimento della tecnologia, che partirà con il goal-non goal. Vogliamo mettere certezza nel giudicato senza invalidare il ruolo dell’arbitro ed eliminare ogni tipo di dietrologia. Le partite poi le vediamo tutti”…

Quante possibilità ha la Lazio di arrivare terza?
“Non sono abituato ai proclami, dipende da molte cose, dai fattori imponderabili. Nelle ultime partite non abbiamo raccolto quanto meritavamo, la Lazio è una squadra che può confrontarsi alla pari con tutti. La tifoseria sta sostenendo la squadra, cosa che invece non ha fatto l’anno scorso. La società sta facendo tanti sforzi, è in crescita. Vogliamo attirare sempre più interesse per i calciatori, cercando di sopperire quelle che sono le differenze di bilancio tra noi e le altre squadre. Fatturiamo tra i 90 e 100 milioni l’anno, altre squadra invece 300. Se noi fatturassimo quella cifra, vinceremmo tutto. Lo dico con certezza. Abbiamo un grande consenso all’esterno e poco all’interno del raccordo anulare. Abbiamo consenso a livello internazionale e nelle istituzioni”.

Cosa pensa degli scontri fuori lo stadio e della conseguente chiusura dei settori per le società romane?
“Io e il presidente FIGC Tavecchio per prima cosa abbiamo voluto togliere la norma sulla discriminazione territoriale. Dopo Lazio-Tottenham venimmo accusati di una cosa che non aveva sentito nessuno, tranne alcuni ispettori. Sono andato a discutere il caso con l’Uefa e mi dimostrarono che 28 persone su 45.000 spettatori avevano proferito dei cori razzisti. Come si può chiudere uno stadio intero per colpa di pochi individui? E’ inconcepibile anche il provvedimento ultimo adottato dal Ministero degli Interni, che alla fine ha punito soltanto la Lazio. Ci è stata chiusa la Curva perché sono state trovate delle macchine di un’altra tifoseria con all’interno delle bombe e poi due tifosi della Lazio che si erano resi protagonisti di scontri. Allora c’è stata l’esigenza di dare un segnale che lo Stato esiste. E’ obbligatorio fare delle valutazioni, la società non può rispondere di tutti i cittadini che si proclamano di essere tifosi della Lazio. Questi provvedimenti sono disastri economici. Quelle somme sono state sottratte all’erario. Sono favorevole alla repressione, all’utilizzo di norme che prevengano certi episodi, ma devono essere represse le persone che delinquono e non quelle che non c’entrano nulla”.

Teme il Milan nonostante le difficoltà dei rossoneri?
“Non credo che il Milan sia in difficoltà, è soltanto un fatto apparente. Ha capacità di recupero, l’ha sempre dimostrato. Uno può allestire anche una squadra competitiva, ma il risultato non dipende solo da quello. Ogni partita va giocata, abbiamo perso con squadre tecnicamente inferiori, mentre con il Napoli la partita è stata a senso unico e siamo usciti sconfitti. Dobbiamo giocare con la consapevolezza di dover esprimere le nostre qualità al 100%”.

Ci dobbiamo aspettare altre presentazioni in ottica mercato?
“Abbiamo una squadra completa in tutti i reparti, spesso ad inizio stagione si è sottolineata la rosa extra-large criticandola. Ripeto: non facciamo la collezione delle figurine Panini, prendiamo giocatori funzionali per un progetto che è proiettato nel futuro. Siamo in crescita esponenziale, con il nostro passo da montagna cerchiamo di salire sempre più in alto aggiungendo un tassello dopo l’altro. Ne vedrete i risultati. Senza proclami e con umiltà cerchiamo di rendere la squadra molto competitiva e sono sicuro che tra qualche anno saremo l’eccellenza assoluta”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo| Lazio, vicini a quota 35.000 spettatori per domenica. Possibile chance dal 1′ per Cancellieri

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


L’abbraccio della squadra a Luis Alberto che ieri ha spento 30 candeline a Formello: «Festeggio con la mia seconda famiglia» a confermare che il mago è sereno dopo un’estate tormentata. Nel frattempo oggi prevista la risonanza alla coscia di Immobile per capire se ci siano margini per un recupero in extremis, il capitano vorrebbe prendere parte al match di domenica a tutti i costi. Nel frattempo si scalda Cancellieri, Sarri potrebbe optare per l’ex Verona per non rischiare Ciro, anche in vista dei prossimi impegni che la Lazio si troverà ad affrontare in pochi giorni.

Nell’allenamento di ieri Lazzari ancora a parte ma già nella seduta odierna dovrebbe agreggarsi al gruppo. Da verificare anche le condizioni dei nazionali (Marusic, Hysaj, Gila, Vecino e Milinkovic). L’Olimpico si appresta a vivere un’altra grande giornata,  sono già poco meno di 35.000 gli spettatori per la sfida di domenica. Oltre ai 26.193 abbonati, quasi ottomila tifosi hanno comprato il biglietto. Oggi il presidente Lotito, alla prima uscita ufficiale da senatore e Immobile saranno presenti in Vaticano alla presentazione della «Partita della Pace».

Il Tempo

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW