Connect with us

Per Lei Combattiamo

Abatantuono: “Dove sono i Soldi? Non credo che Berlusconi sia diventato povero all’improvviso”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM che, per parlare di Lazio-Milan, ha contattato Diego Abatantuono, il grande attore e showman televisivo, da sempre tifosissimo del Milan.

Diego nel ringraziarti per essere intervenuto nonostante i tuoi impegni lavorativi, ci dici che aria tira a Milano in vista della partita di domani sera?

La realtà è che non tira proprio aria (ride, ndr). Diciamo che nel corso degli anni siamo stati viziati, ma ultimamente c’è molta tristezza e malinconia nel mondo rossonero. Mi viene da ridere quando sento che Berlusconi fa le strigliate di capo ai giocatori e ai suoi collaboratori. Ma non li ha scelti lui? Prendiamo Inzaghi. Un bravissimo ragazzo, simpatico, ma mi ricordate che esperienza ha per allenare a certi livelli? Non si può ripetere l’era Sacchi in questo modo, per un motivo molto semplice. Sacchi aveva dimostrato anche in Serie minori di essere un grande allenatore. Credo che non basti aver giocato nel Milan per poterlo allenare.

Credi che questo ridimensionamento dipenda dal fatto che non girino più tanti soldi come prima?

I soldi girano e ci sono. Dipendi dove li metti. Non credo che Berlusconi sia diventato povero all’improvviso. Se uno vuole continuare a rimanere con il fiore all’occhiello deve continuare ad investire in questo senso. Probabilmente con il passare degli anni si invecchia e cambia la mentalità. La cosa che poi non capisco è il motivo per cui i collaboratori del Presidente non gli facciano presente che sta sbagliando strategia.

Veniamo alla partita di domani sera. Sei preoccupato?

Non sono preoccupato, sono rassegnato. Se aveste visto le ultime partite del Milan sapreste a cosa mi riferisco. Non è una questione di sbagliare una partita, non c’è proprio un gioco. Poi, per carità, può capitare anche di vincere una partita, ma è veramente dura. Prendiamo ad esempio Menez. Uno che nella Roma giocava a metà, in Francia giocava a metà, qui sta giocando a metà. Ci manca solo che riprendano Balotelli e comprino Osvaldo. Allora sì che viene fuori un bel casino (ride, ndr).

Ti piace come squadra la Lazio?

Mi piace molto. Ha un’identità di gioco ben definita e ogni domenica lo dimostra. Lo abbiamo visto anche contro il Napoli. Nonostante le assenze ha fatto una grande partita.

Cosa vuoi dire per chiudere questa intervista?

Speriamo che non vinca il migliore, perchè siete nettamente più forti voi (ride, ndr). 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Pedro: “Futuro? Ho ancora un anno di contratto con la Lazio, poi vedremo cosa accadrà”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Una grande stagione quella di Pedro al suo primo anno di Lazio. L’attaccante ex Roma ha trovato fin da subito il modo di farsi amare dai tifosi biancocelesti, a suon di gol, assiste e reptazioni di grande livello. Sarri lo ha voluto fortemente, e lo spagnolo ha ripagato la sua fiducia. Con la stagione ormai alle porte, è tempo di pensare al futuro: Pedro ha ancora un anno di contratto con la Lazio e dunque rimarrà anche la prossima stagione. Rimane d vedere se la società capitolina sceglierà poi di proseguire con lui, o se le strade si separeranno. Nel frattempo, in attesa dell’inizio del ritiro di preparazione al prossimo campionato, Pedro si gode le vacanze alle Canarie, dove è stato ospite del Parlamento delle Isole Canarie che lo ha premiato come ambasciatore dello sport.

Queste le sue dichiarazioni in merito al proprio futuro, rilasciare a Tv Canaria:

Sono molto orgoglioso di rappresentare la mia terra, è un privilegio. Quando vengo qui noto l’affetto e la speranza che le persone hanno nei miei confronti. Non sai mai cosa accadrà nella vita. È vero che ho una situazione familiare difficile con i miei figli a Barcellona e io in un altro paese. Al momento ho un anno in più di contratto con la Lazio. Vedremo cosa accadrà in futuro”

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW