Connect with us

Esclusiva

[ESCLUSIVA] Andrea Manfredonia, Ag. Palombi: “Simone è tifosissimo laziale, la convocazione è stato un nuovo punto di partenza”

Published

on

 


Giovani aquile crescono! Dal presentimento della scorsa stagione, alla conferma di questa prima parte di campionato. A suon di gol e ottime prestazioni Simone Palombi, attaccante classe 1996, sta attirando su di sè tanti sguardi indiscreti, tanto da meritare la prima convocazione con la prima squadra di Stefano Pioli. Il giusto premio dopo tanti sacrifici, una soddisfazione immensa, espressa direttamente dal capocannoniere della Primavera biancoceleste sulla sua pagina facebook: “E dopo 11 anni di lavoro è arrivata la prima convocazione in prima squadra! A San Siro, contro il Milan, non potevo chiedere di più! Un sogno che piano piano diventa realtà. Con questi colori addosso non ho paura di niente!!”. Palombi, insomma, si vive il meraviglioso presente, ma che ne sarà del suo futuro? A svelarlo in esclusiva a Laziopress.it ci pensa il suo Agente, Andrea Manfredonia.

Prima convocazione con la Lazio di Stefano Pioli nella gara di Coppa Italia contro il Milan. Che emozione è stata?

“E’ stata una grande soddisfazione. Simone ha fatto tutta la trafila nelle giovanili di questo club ed è tifosissimo laziale. La convocazione è stato un punto di arrivo e un nuovo punto di partenza per lui. E’ un esempio per tutti quei ragazzi che si approcciano a questo sport e che si trovano nel settore giovanile della Lazio. Arrivare in prima squadra grazie al suo rendimento e al livello che ha raggiunto è senza dubbio motivo di orgoglio per lui, per la sua famiglia, ma anche per noi che lo seguiamo da tanto tempo”.

Tantissimi infortuni si stanno abbattendo sulla squadra di Mister Pioli, anche in attacco. Si apre per Palombi uno scenario importante?

“Io mi auguro possa essere il suo anno perchè se lo merita. Sta facendo molto bene e questo è sotto gli occhi di tutti. Per quello che sta dimostrando sono convinto che possa far parte della rosa della prima squadra. Mi auguro che riesca ad esordire entro la fine dell’anno e togliersi questa grande soddisfazione, in vista del ritiro con la prima squadra della prossima stagione. Penso che abbia tutte le carte in regola per far parte di questa rosa ed essere a disposizione di Mister Pioli”.

Il passaggio dalla Primavera alla prima squadra, senza altre esperienze in mezzo, non è poi così frequente. Palombi ha un contratto con la Lazio fino al 2017. State già pensando ad un eventuale prestito per la prossima stagione, magari in Serie B? Potrebbe calcare le orme di Danilo Cataldi?

“Prima di tutto vogliamo vedere come si concluderà questa stagione. Sicuramente ci confronteremo a breve con la società per parlare del futuro del ragazzo. Il percorso di Cataldi è stato senza dubbio positivo. Un’esperienza simile alla sua ti dà la possibilità di crescere, di metterti in vetrina, di fare un anno importante in Serie B per poi tornare alla base con un bagaglio tecnico e di esperienza che ti consente di essere totalmente pronto per la prima squadra. Vediamo cosa succederà e insieme alla Lazio valuteremo il da farsi. Simone è pronto a tutto, sia per la prima squadra sia per andare a giocare fuori. Vedremo insieme alla società la soluzione migliore per tutti”.

C’è qualche calciatore a cui si ispira?

“Il suo punto di riferimento nella rosa attuale è Klose. Cerca di rubare con gli occhi quanto più possibile da un vero campione che ha fatto la storia del calcio non solo in Germania. Per quanto riguarda i grandi miti del passato invece si ispira molto a Beppe Signori che è stato il suo idolo sin da quando era bambino. Si tratta ovviamente di due grandissimi giocatori!”

Esordio con gol anche nell’Under 19 azzurra. E’ l’anno di Palombi?

“Tutti ci aspettavamo esattamente la stagione che sta facendo. Simone è stato bravissimo a farsi trovare pronto e a confermare ciò che aveva fatto vedere anche nelle scorse stagioni nel calcio dei più piccoli. Ora ci stiamo avvicinando sempre più al professionismo e  la Nazionale è senza dubbio l’altra grande soddisfazione di questa stagione. I numeri parlano chiaro. Pochi calciatori, poi entrati nel calcio dei grandi, sono riusciti a farli prima di lui nelle scorse stagioni. Siamo soltanto a metà stagione. Ci aspettiamo che possa continuare su questa strada e togliersi grande soddisfazioni. La convocazione in prima squadra è senza dubbio un buon punto di partenza per il futuro. Come gli ho scritto dopo la convocazione il meglio deve ancora venire”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Verona, l’ex Teodorani: “Divario evidente tra le squadre. Biancocelesti favoriti”

Published

on

 


Domenica sarà LazioHellas Verona. Mentre l’Olimpico si prepara ad attendere la sfida, Carlo Teodorani è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress per parlare del match che vedrà impegnati in casa i biancocelesti. Queste le parole dell’ex giocatore dell’Hellas Verona, che ha ricoperto il ruolo di difensore nelle stagioni 2001-2005 e 2005-2007.

Come arrivano Lazio e Verona alla sfida di domenica?
Il Verona scenderà in campo con un atteggiamento positivo, ma il divario tra le due squadre è evidente. Sicuramente, tra le due, vedo la Lazio favorita”.

Su cosa dovranno puntare gli uomini di Cioffi per mettere in difficoltà la Lazio?
Il Verona ha una buona fase difensiva, per mettere in difficoltà la Lazio dovrà cercare di puntare sui soliti 3-4 giocatori determinanti, capaci nelle ripartenze”.

Quest’anno l’Hellas ha puntato molto sui giovani. Finora chi ti ha colpito di più della rosa?
È ancora molto presto per dirlo. Il rendimento è stato sempre molto altalenante in queste partite e penso che i giovani abbiano ancora bisogno di tempo. Aver deciso di puntare sui millennials è sicuramente una scelta ponderata, frutto di un progetto a lungo termine”.

Dalla polemica sulla classe arbitrale alle ultime vicende che hanno visto protagonista Ciro Immobile. Un tuo commento.
Purtroppo queste vicende fanno parte del calcio. Immobile è una persona intelligente e in grado di affrontare questi episodi”.

Pronostico Lazio-Hellas Verona?
Penso che sarà una partita con molti gol, visto il calibro degli attaccanti. Azzardo un 3-1”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW