Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

Pioli sfida il tabù Genoa e carica: “Ripartiamo”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Domani Lazio-Genoa, Pioli in conferenza stampa ha caricato i suoi. Bisogna cancellare il ko di Cesena e battere il tabù Genoa.

La gara di Cesena

“Se l’abbiamo superata è attraverso il lavoro. Abbiamo valutato tutto ciò che ci è capitato la scorsa settimana e abbiamo capito che non abbiamo giocato da Lazio. Ci è già successo e siamo sempre ripartiti alla grande. Ci inceppiamo a volte perché manca la continuità. Anche in giornate non eccezionali però dobbiamo riuscire a tornare a casa con un risultato positivo. È importante non cambiare il nostro atteggiamento e sapere che siamo una buona squadra. Anche il Real Madrid ieri si è inceppato, ma rimane una squadra molto forte”.

Il Genoa

“C’è voglia di ripartire e dimostrare a noi stessi e ai nostri tifosi che siamo la Lazio. Abbiamo bisogno di una risposta importante e dobbiamo tornare a vincere”.

Felipe Anderson

“Felipe sta assolutamente bene fisicamente e si è allenato alla grande tutta la settimana. Non credo però che possa essere al 100% viste le tre settimane di pausa”.

De Vrij

“Faremo le nostre valutazioni e se dovessi pensare che metterlo in campo può essere un rischio eviterei di farlo. Ci alleniamo ancora oggi pomeriggio e domani mattina e ho tempo per vedere effettivamente come sta. In settimana non ha mai accusato alcun fastidio. Uso tutti gli allenamenti per far girare i calciatori che ho a disposizione e ovviamente ho provato anche la coppia De Vrij Mauricio. Penso però che non è fondamentale il compagno con cui giochi, ma tutte le regole che devono seguire. Mauricio si sta integrando bene”.

Mercato

“Il giorno prima della partita mi piace parlare della gara, ma sono felice di poter chiarire riguardo al presunto incontro con gli attaccanti. Vedo i miei giocatori ogni giorno e a cena preferisco vedere altre facce. Non abbiamo fatto alcun summit! Sul mercato dovevamo intervenire per aggiunge un elemento importante in difesa e con Maurizio è stato fatto. L’infortunio di Djordjevic ci ha messo di fronte ad una difficoltà evidente, ma io credo Perea. Ho chiesto che lui rientrasse dal prestito e questo ha fatto la società. Poi non dimentichiamo che li davanti abbiamo un campione del mondo. Ho apprezzato l’impegno della società per provare ad aggiungere un tassello in più ma sappiano che nell’ultima parte del mercato non è semplice. Io sono convinto che stiamo apposto così”.

Klose

“È un professionista. Quando si lamentava perché diceva di avere bisogno di più gare di fila per trovare la continuità probabilmente aveva ragione. È un campione, e un’arma in più. Inoltre io continuo a dire che anche Keita potrà essere un attaccante forte”.

La gara di domani

“Sarà una gara combattuta. Dovremo mettere in campo carattere e giocare un calcio preciso e pulito. Dobbiamo fare meno errori possibile e muoverci tanto, cercando di non dare punti di riferimento a un avversario molto attento. Dobbiamo giocare come sappiamo, con le nostre qualità, le nostre caratteristiche e il nostro approccio. Vogliamo giocare su certi ritmi ed è essere propositivi. Dobbiamo essere compatti in entrambe le fasi di gioco e dobbiamo mettere sotto pressione il Genoa”.

Cosa non va ripetuto della gara dell’andata

“Dobbiamo sfruttare le occasioni che creiamo, a differenza della partita dell’andata. Nel primo tempo avevamo creato molto, ma non siamo stati concreti. Domani dovremo invece esserlo. Stiamo preparando la partita per mettere in campo la nostra miglior possibile prestazione. La stessa cosa vorranno fare loro. Noi dobbiamo essere concentrati su di noi e fare bene”.

Morrison

“Non so se arriverà prima da noi. Queste sono scelte che spettano alla società. Se il ragazzo non può giocare farlo venire prima per ambientarsi sarebbe un vantaggio”.

Ciani e il Bordeaux

“Si sta curando li e sta seguendo un protocollo preciso. Non c’è altro”.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo | Lazio, Lotito-Sarri: firma vicina

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Aveva fame dopo la partita contro il Verona Maurizio Sarri. Voleva solo tornare a casa e mangiare. Per il futuro c’è tempo. Neanche troppo. Chissà se a pancia piena deciderà di sottoscrivere l’accordo che Lotito gli ha già presentato. Un rinnovo fino al 2025 che darebbe un segnale di continuità dopo un anno considerato di costruzione. Chiudere al quinto posto era l’obiettivo del tecnico, non proprio quello della società. Il presidente si aspettava qualcosa di più, non per questo non ha apprezzato il lavoro di Sarri durante tutta la stagione ed è pronto a continuare con lui. In settimana ci sarà un nuovo incontro per delineare gli ultimi dettagli. «Posso prendere qualsiasi tipo di decisione. – ha confidato dopo la gara con l’HellasLe politiche societarie le fa la società.  Siamo una delle poche non in mano ai fondi ma in mano a una famiglia. Questa è una cosa che mi fa impazzire. Si può fare un bel lavoro perché l’ambiente è bello e il gruppo si è compattato in maniera straordinaria specialmente negli ultimi mesi». Le basi sono state gettate, quindi. Cosa manca per la firma? «Se siamo contenti tutti e due andiamo avanti e facciamo contratti», parola di Maurizio. E la dirigenza sta facendo di tutto per accontentare il suo allenatore. Le premesse del calciomercato sono buone. Sono già circolati molti nomi, quasi tutti funzionali al progetto. Sarri ha chiesto un vice Immobile, Caputo è decisamente in pole, è un nome fatto dall’allenatore, il sogno rimane sempre quello di poter arrivare a Mertens. L’attaccante belga, che ha trascorso nove stagioni al Napoli, è in scadenza di contratto. C’è stato un contatto con il suo ex mister. Se dovesse lasciare Castel Volturno, tra le ipotesi c’è anche quella di venire a Roma. A parte Mertens e Caputo non si può escludere un attaccante giovane, magari che sappia anche giocare sull’esterno. A proposito di calciatori che si svincolano. Entro la fine del mese si cercherà di definire gli acquisti di Romagnoli e Vecino. Il primo ha chiesto un po’ di tempo per riflettere, ormai la distanza tra domanda e offerta è minima. Anche se Lotito preferirebbe prima liberarsi dell’ingaggio di Acerbi. Fronte Vecino si sta trattando solo sulla cifra e la durata del contratto: l’uruguaiano classe 1991 vorrebbe 2 milioni per quattro anni. Per la porta il nome più allettante è quello di Carnesecchi, anche se già l’Atalanta non lo regalerà. Lo spagnolo Patric ha rinnivato fino al 2027: bisogna solo ratificare e mettere nero su bianco: intesa da 1,3 milioni più bonus. Il Tempo/Daniele Rocca

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW