Connect with us

Gossip

L’altro volto di Maradona

Published

on

 


maradona3_94984_immagine_obig

Il mito dell’eterna giovinezza, così come l’ossessione continua e costante per la bellezza, sono due concetti ormai noti da tempo. Già sul finire dell’Ottocento, infatti, Oscar Wilde incentrò su di essi la trama del suo romanzo “Il ritratto di Dorian Gray”. E ancora oggi le star dello show business continuano imperterrite a foraggiare le tasche dei chirurghi estetici di mezzo mondo pur di mantenere intatto il loro antico splendore, anche a costo di trasformarsi in inespressive bambole di cera con la bocca storta, la fronte spianata e gli occhi fuori dalle orbite.

Un richiamo, quello per il bisturi, al quale neanche il mondo del calcio è riuscito a resistere, tanto che, secondo i beninformati, l’ultimo ad aver ceduto al suo fascino è stato Diego Armando Maradona. Sì, proprio lui, l’ex Pibe de oro, che in molti considerano il più grande giocatore di sempre e che insieme ai babà e a San Gennaro è uno dei simboli di Napoli e della napoletanità.

A lanciare lo scoop, qualche giorno fa, è stato il sito argentino PrimiciasYa.com che ha pubblicato le foto dell’ex calciatore raggiante al fianco della compagna Rocio Oliva. E in effetti, a ben guardare, il suo volto sembra davvero diverso: niente borse sotto gli occhi, meno rughe e addio doppio mento.

Diego-Maradona.jpg_1866065402

Tutto merito del chirurgo, ma non solo. Sempre secondo il portale argentino, infatti, a spingere il cinquantaquattrenne a sottoporsi al lifting facciale in una clinica di Cuba è stata proprio la fidanzata Rocio, con la quale pare sia tornato il sereno dopo i litigi degli ultimi mesi. A confermarlo d’altronde era stato lo stesso Maradona che a Mundo Deportivo aveva dichiarato. “Io e Rocio ci siamo riconciliati e viviamo un gran momento”. Momento che l’ex calciatore aveva voluto celebrare regalandosi un nuovo tatuaggio sul petto, all’altezza del cuore: la scritta “perra” che, per chi non lo sapesse, in italiano significa “cagna” e che secondo indiscrezioni sarebbe l’aggettivo con cui Diego chiama la sua dolce metà nell’intimità… Il tattoo, però, da solo non basta e visto che tra i due la differenza di età è di trent’anni e che, ahimè, per il cervello non si può ancora fare nulla, meglio correre ai ripari – o meglio dal chirurgo – perché ok che l’amore è cieco, ma fino a un certo punto.

A vederci bene, poi, è soprattutto il fisco italiano, al quale Maradona deve ancora 39 milioni di euro: 6 per le presunte evasioni e il resto per gli interessi maturati nel corso degli anni. E considerato che di recente la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio del Pibe de oro con l’accusa di diffamazione ai danni dell’ex presidente di Equitalia, Attilio Befera, questo nuovo volto, oltre ad avergli regalato una seconda giovinezza, potrebbe servire a Maradona per nascondersi meglio, se e quando Equitalia tornerà a bussare alla sua porta. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

foto

Il Midtjylland provoca la Lazio sui social: “Bei ricordi”

verymery93@hotmail.it'

Published

on

 


Partono le provocazioni in vista del match di Europa League di stasera, che hanno scatenato i tifosi biancocelesti. Nel tabellone fotoshoppato  pubblicato dal Midtjylland sulla propria pagina ufficiale di istagram, compare un fotoriquadro danvanti al Colosseo con i cinque giocatori della squadra danese e cinque palloni in ricordo delle 5 reti che segnarono contro la Lazio lo scorso 15 settembre. “Bei ricordi davanti a stasera”, il commento sotto la foto.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FC Midtjylland (@fcmidtjylland)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW