Connect with us

Per Lei Combattiamo

“Lotito dovrà spiegare le accuse”

Published

on

 


 

Il presidente degli arbitri Nicchi replica così alle proteste della Lazio «Vogliono il sorteggio integrale? Forse hanno dimenticato Calciopoli»

La Lazio si arrabbia, gli arbitri rispondono. «Le accuse di Claudio Lotito? Nel prossimo Consiglio federale voglio delle spiegazioni». Di sicuro Marcello Nicchi, presidente dell’Associazione italiana arbitri (Aia), non ha gradito la posizione presa dal numero uno biancoceleste nel commentare l’operato del signor Andrea Gervasoni durante la sfida tra Lazio e Genoa giocata lo scorso lunedì all’Olimpico.
«Gli arbitri ce l’hanno con me – aveva spiegato Lotito subito dopo la gara – eppure da consigliere federale ho fatto tanto per la loro associazione. Da qualche tempo io e la Lazio siamo penalizzati, è chiaro: gli arbitraggi delle nostre partite sono sotto gli occhi di tutti. Ora voglio il sorteggio integrale». «Non commento le accuse né questa idea di modificare il sistema di designazione – ha dichiarato Nicchi contattato da Il Tempo – ma tutti ricordano bene cosa successe qualche anno fa con il sorteggio». Inequivocabile il riferimento allo scandalo Calciopoli, stagione 2004/05, quando peraltro il sorteggio (abolito poi nel luglio 2005) non era integrale ma mitigato dal sistema delle griglie.
Eppure Lotito non arretra. Al contrario, secondo il presidente della Lazio «la stragrande maggioranza dei presidenti della serie A» vorrebbe il sorteggio integrale. «Venerdì scorso nell’ultimo Consiglio di Lega Preziosi (il patron del Genoa che già dieci giorni fa aveva inviato un messaggio a Nicchi sul tema arbitrale, ndr) e molti altri hanno sottolineato come il sorteggio sia una necessità imprescindibile ai fini della certezza del giudicato e per evitare qualsiasi esercizio di dietrologia ex post», ha spiegato Lotito trovando il pronto appoggio del collega Maurizio Zamparini: «Sarebbe una soluzione equa», ha osservato il numero uno del Palermo, da sempre favorevole al sorteggio.
Un’eventuale modifica del sistema di designazione arbitrale, del resto, dovrebbe passare al vaglio del Consiglio federale, come ricordato ieri anche dal presidente della Federcalcio Carlo Tavecchio, intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva nel tentativo di stemperare gli animi. «Gli arbitri sono spesso oggetto di forti critiche – ha dichiarato il numero uno del calcio italiano – ma è il mestiere più brutto e difficile al mondo. I direttori di gara sono sempre in buona fede, gli errori ci possono stare: ecco perché la Figc non può non difendere l’Aia. Al contempo, però, rispettiamo anche i club perché rappresentano nostre risorse: la questione del sorteggio degli arbitri sarà portata nelle sedi opportune e il Consiglio federale prenderà atto delle segnalazioni, come ha fatto nel caso della tecnologia applicata al calcio».
Dunque il problema sollevato da Lotito finirà presto in via Allegri. Anche se, come al solito, non tutte le società di serie A sono d’accordo con il presidente della Lazio. Tra queste ci sono Juventus e Roma, decisamente contrarie all’idea del sorteggio integrale degli arbitri. Secondo il club giallorosso, in particolare, le gare «delicate» per questioni di classifica (scudetto, Europa o salvezza non fa differenza) o per motivi «ambientali» (come i derby) non possono essere assegnate con un’estrazione a sorte ma devono essere dirette da arbitri preparati, capaci di gestire la tensione e le pressioni esterne, dunque con un’esperienza internazionale. La parola passa ora al Consiglio federale: l’ennesima battaglia del calcio italiano è appena cominciata.

Il tempo 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo| Lazio, vicini a quota 35.000 spettatori per domenica. Possibile chance dal 1′ per Cancellieri

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


L’abbraccio della squadra a Luis Alberto che ieri ha spento 30 candeline a Formello: «Festeggio con la mia seconda famiglia» a confermare che il mago è sereno dopo un’estate tormentata. Nel frattempo oggi prevista la risonanza alla coscia di Immobile per capire se ci siano margini per un recupero in extremis, il capitano vorrebbe prendere parte al match di domenica a tutti i costi. Nel frattempo si scalda Cancellieri, Sarri potrebbe optare per l’ex Verona per non rischiare Ciro, anche in vista dei prossimi impegni che la Lazio si troverà ad affrontare in pochi giorni.

Nell’allenamento di ieri Lazzari ancora a parte ma già nella seduta odierna dovrebbe agreggarsi al gruppo. Da verificare anche le condizioni dei nazionali (Marusic, Hysaj, Gila, Vecino e Milinkovic). L’Olimpico si appresta a vivere un’altra grande giornata,  sono già poco meno di 35.000 gli spettatori per la sfida di domenica. Oltre ai 26.193 abbonati, quasi ottomila tifosi hanno comprato il biglietto. Oggi il presidente Lotito, alla prima uscita ufficiale da senatore e Immobile saranno presenti in Vaticano alla presentazione della «Partita della Pace».

Il Tempo

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW