Connect with us

Per Lei Combattiamo

Beppe Signori: “Giuro sui miei figli, che ho sempre scommesso legalmente e non ho mai venduto o truccato partite”

Published

on

 


Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM che, nel giorno del suo 47° compleanno, ha contattato Beppe Signori, lo storico bomber biancoceleste.
Beppe innanzitutto benvenuto e tanti auguri.
Grazie, siete stati gentilissimi a contattarmi per farmi gli auguri di buon compleanno.
Per il nostro “Re” questo ed altro. Sei stato e sei tuttora un grande beniamino per tutti noi. A proposito di questo, che rapporto avevi ed hai con la gente laziale?
Splendido. Non potrò che ringraziare in eterno i tifosi biancocelesti per tutto l’affetto che mi hanno donato nel corso degli anni. Ricordo quella manifestazione che fecero per non farmi andare al Parma. Furono scene che non avevo mai visto per nessuno. Penso che sia stata l’unica volta che una tifoseria scese in piazza in quel modo. Porto quel momento nel mio cuore.
C’è un aneddoto particolare che ti va di raccontare del tuo periodo alla Lazio?
Ce ne sono tanti, ma ricordo con grande affetto il periodo trascorso insieme a Paul Gascoigne. Con Gazza era impossibile annoiarsi. Pensate che una volta rubò di nascosto il fischietto d’allenamento a Zeman e lo mise al collo di un tacchino (ride, ndr). Ecco questo era Paul.
Che idea ti sei fatto della Lazio di oggi?
Credo che abbia delle enormi potenzialità. Inoltre ha un grande allenatore come Pioli, che tra l’altro conosco molto bene dato che ha allenato qui a Bologna. E’ stata un po’ sfortunata ad avere diversi infortuni che ne hanno un po’ limitato l’ascesa. Diciamo che l’obiettivo più realistico è Europa League. Per la Champions dipenderà molto dalle squadre che ha davanti, quindi dalla Roma e dal Napoli, senza dimenticarsi della Fiorentina.
Quali calciatori ti piacciono di più della rosa di oggi?
Ritengo Candreva un grandissimo centrocampista, Klose una leggenda vivente, Felipe Anderson un giovane di grandissime speranze e Basta il terzino che mancava da tempo.
C’è nel calcio di oggi un attaccante in cui ti rivedi?
Forse in Giuseppe Rossi della Fiorentina. E’ mancino come me ed è uno molto rapido e veloce.
A quali personaggi del mondo Lazio sei rimasto più legato?
Ai miei ex compagni di squadra Rambaudi, Gregucci, Bergodi e Cravero.
Con quali attaccanti della nostra storia avresti voluto giocare?
Con Bruno Giordano e Vincenzo D’Amico. A mio avviso Bruno è stato uno dei più grandi attaccanti italiani di sempre, mentre Vincenzo era un giocatore di grandissimo talento.
Da bomber a bomber, che opinione hai di Miro Klose?
Klose è un grande giocatore, uno di quegli attaccanti che quando ha sui piedi la palla giusta non la sbaglia mai. Saremmo stati molto bene insieme. Abbiamo caratteristiche diverse che ci avrebbero completato.
Hai qualche rimpianto?
Non aver potuto giocare la finale dei Mondiali del 1994. Forse lì ho peccato un po’ di presunzione. Non per niente, ma perchè non me la sentii di giocare come centrocampista, cosa che mi chiedeva di fare il Mister Sacchi.
Beppe ti rinnoviamo i nostri auguri. Ti va di dire qualcosa ai nostri ascoltatori?
Ci tengo a dire una cosa, visto che siete una trasmissione molto ascoltata. Vi ringrazio del fatto che non mi avete fatto domande in merito alle note vicende che mi hanno coinvolto negli ultimi 4 anni. Mi riferisco al calcioscommesse. Giuro sui miei figli che non ho mai venduto o comprato partite. Se parliamo di scommesse confermo che ho giocato, ma l’ho fatto sempre legalmente e senza sotterfugi. Un conto è scommettere per proprio conto, un conto è farlo per truccare le partite. Lo dico perchè ne ho sentite tante in questi anni e non ho mai voluto replicare, ma quando sento certi giornalisti che dicono “Signori in galera” non ci sto.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Partita per la Pace, il comunicato. Presenti anche Lotito e Immobile alla conferenza stampa

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


Domani, giovedì 29 settembre alle 15, si terrà presso la sede di Radio Vaticana a Roma, la conferenza stampa di presentazione della 3a edizione della Partita per la Pace, benedetta da Papa Francesco. La Partita avrà il sostegno delle più grandi stelle del calcio mondiale. La Partita per la Pace si terrà il 14 novembre, allo Stadio Olimpico di Roma, e sarà organizzata come evento interreligioso benefico dal Pontificio Movimento Scholas Occurrentes. Lo slogan della partita sarà “We Play For Peace”. Questa edizione sarà molto speciale e sentita, sia per l’urgenza di un appello per la pace, sia perché sarà l’occasione anche per ricordare e celebrare Diego Armando Maradona, che nelle altre edizioni ha supportato e partecipato all’evento, ed è stato capitano della squadra di Scholas. Durante la conferenza stampa saranno forniti i dettagli dell’evento, relativi alla partita e ai momenti dedicati all’omaggio spettacolare ed innovativo a Diego Armando Maradona. Alla conferenza stampa parteciperanno l’ex calciatore Ciro Ferrara, compagno di squadra di Maradona nel Napoli e testimonial dell’iniziativa, e le squadre della Capitale: la S.S. Lazio sarà presente con il suo Presidente, Claudio Lotito, e il capitano Ciro Immobile; per l’A.S. Roma parteciperà, tra gli altri, il calciatore Marash Kumbulla. Sarà presente anche il Direttore Mondiale di Scholas, José María del Corral.

Comunicato stampa Partita per la Pace

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW