Connect with us

Esclusiva

[ESCLUSIVA] On. Gasparri sugli hooligans: “Il primo colpevole è Marino. Sproporzionato il trattamento con i laziali a Varsavia”

Published

on

 


gasparri

Roma messa a ferro e fuoco da una vera e propria invasione di hooligan del Feyenoord che non ha risparmiato neanche i monumenti più celebri di Roma, come la Barcaccia. La fontana di piazza di Spagna è stata letteralmente presa d’assalto dai tifosi che hanno circondato il bacino in marmo, di recente restaurato, accendendo anche fumogeni colorati. La redazione di LazioPress.it, ha raggiunto in esclusiva l’on. Maurizio Gasparri per sapere cosa ne pensasse di quanto accaduto:

Buonasera Onorevole, in riferimento a ciò che è accaduto ieri a Roma con i tifosi del Feyenoord, secondo lei di chi è stata la colpa? 

La colpa oggettivamente è stata di tutti. Dopodiché il capo della città è il sindaco. Deve avere un calendario degli eventi, di problemi che ci possono essere e allertare  in maniera adeguata le varie autorità preposte. Il primo colpevole è Marino e cerca un alibi rispetto al suo fallimento e al suo disastro. Poi certo non è stata programmata una azione adeguata e capisco le difficoltà nelle opere di contenimento, ma hanno goduto di un eccesso di libertà d’azione.

I numeri dicono circa 500 tifosi, di questi 19 condannati, 6 arresti. Rispetto a quello che era successo ai tifosi laziali a Varsavia, in quel caso 149 tifosi fermati, 22 processati per atti sicuramente in linea di massima minori a ciò che è successo a Roma. Che ne pensa?

Non ricordo i dettagli di cosa fecero quei tifosi laziali a Varsavia e non ricordo gli eventi specifici. Al netto di questo fatto, li ci fu una severità notevole, che invece in Italia non c’è stata. Sicuramente dobbiamo prendere esempio da chi ha agito in quella maniera, poi mi auguro tutte le cose siano state chiarite. Non so come siano finiti i vari contenziosi dei vari italiani fermati e processati. Non ho seguito gli eventuali sviluppi. Non c’è dubbio che c’è stata una sproporzione tra quanto avvenne li, e quanto è avvenuto a Roma.

Lei oggi ha twittato in merito agli eventi, dicendo che vogliamo delle scuse ufficiali e vengano a Roma?

Non c’è dubbio. Deve venire il Premier olandese a piazza di Spagna e davanti alla fontana, scusarsi con l’Italia. Leggo invece che non vogliono nemmeno risarcire i danni, è una cosa intollerabile. I paesi vivono anche della loro dignità, e quindi il nostro Governo deve pretendere le scuse ufficiali dell’Olanda, nella forma del Premier che viene a Roma e davanti alle telecamere chiede scusa a Roma e all’Italia, per il comportamento di questi banditi olandesi che sono piombati nella nostra città. E’ il minimo. Se non se la sente il premier venga la regina, in Olanda c’è ancora la regina e l’accogliamo. Anche con una carrozza la facciamo andare, con i cavalli.

 

Ma tutto questo cosa c’entra con il calcio?

Ma purtroppo a volte il calcio è un recipiente di frustrazioni e violenza, e il calcio non è solo questo per fortuna. Però oggettivamente ci sono stati, in tanti posti nel mondo i fatti degli hooligans. Anche a Roma c’è stato un omicidio, ricordiamocelo un anno fa. Quindi non è che questi fenomeni siano inediti o riguardino solo l’Olanda. Diventa il terminale di frustrazioni e violenza, di bande criminali. Il calcio non è per fortuna solo questo, ma a volte diventa anche un attrazione per persone che non dovrebbero andare in uno stadio, ma in un carcere.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW