Connect with us

Per Lei Combattiamo

F. Anderson: “Tornerò quello di prima. La Seleçao? Il mio grande sogno.” Poi sul paragone con CR7…

Published

on

 


Un mese e mezzo da sogno per Felipe Anderson, iniziato con il siluro in Coppa Italia contro il Varese, passando per i gol in campionato contro Parma, Sampdoria, Inter, Roma e Atalanta, fino all’infortunio e il successivo arresto del padre. Ora, però, “Felipetto” è tornato e vuole riprendersi la Lazio. Non ci sarà domenica contro il Palermo, ma si sta allenando forte e ha già messo il Sassuolo nel mirino. Intervistato dal portale placar.abril.com.br, il talento laziale ha parlato così del suo momento alla Lazio e dei suoi progetti futuri:

Sei appena tornato da un infortunio al ginocchio rimediato nel tuo momento migliore alla Lazio, come ti senti dopo aver trascorso tre settimane lontano dal campo?

“Un infortunio è sempre un imprevisto, per di più è arrivato in un momento d’oro per me. Ma fortunatamente non era niente di grave e sono tornato in fretta. Dopo due, tre partite ritroverò il ritmo e l’intensità: sono sicuro che tornerò quello di prima”.

La tua prima stagione in Italia non è andata bene, quest’anno invece hai fatto la differenza. Che cosa è cambiato in Felipe Anderson dalla stagione 2013/2014?

“La differenza è stata tutta nell’adattamento a un nuovo calcio. Per capire il calcio italiano serve tempo, è molto diverso da quello brasiliano. All’inizio della scorsa stagione venivo da un infortunio e da quattro mesi trascorsi lontano dal campo. Ho appreso molto dal punto di vista dell’intensità di gioco e della tattica. Qui i difensori non ti lasciano respirare. Poi ho avuto modo di parlare molto con l’allenatore e con i giocatori più esperti della squadra, come Klose, Biglia e Mauri, che è il capitano della squadra. Mi hanno dato molti consigli, adesso so cosa devo fare”.

Dopo la partita contro la Sampdoria, Sinisa Mihajlovic ti ha paragonato a Cristiano Ronaldo. Come hai reagito a questo complimento?

“Le sue parole mi hanno fatto molto piacere, sono il risultato di un duro lavoro che mi è stato riconosciuto. Ma devo migliorare ancora molto per arrivare al suo livello (ride, ndr). Credo che il complimento sia dovuto al fatto che siamo entrambi molto veloci, ma il nostro stile di gioco è differente. Io somiglio più a Kaká e a Ganso. Cristiano Ronaldo è completo, il migliore del mondo. Io dovrei entrare più spesso in area di rigore ed essere più incisivo sotto porta”.

Grazie a quello che hai fatto in questi mesi, sei diventato uno dei protagonisti della Lazio?

“Sì, mi sento importante, ma la Lazio ha tanti grandi giocatori. Per continuare a crescere devo restare umile e ascoltare i miei compagni”.

Indossare la maglia della Seleçao è nei tuoi programmi?

“È il mio grande sogno. Voglio farmi trovare pronto quando arriverà quel momento”.

Per il tuo ruolo ci sono diversi candidati. Tu dove ti trovi meglio?

“Io sono un giocatore versatile. Ho delle caratteristiche che mi permettono di cambiare posizione di partita in partita. Posso agire a destra, a sinistra o al centro. Alla Lazio ho la possibilità di svariare molto”.

Pensi che al Santos abbiano avuto poca pazienza con te?

“Ho sempre sognato di giocare in Europa. La scelta di arrivare alla Lazio è stata frutto di una lunga riflessione. A 20 anni sentivo il bisogno di andare via per diventare un giocatore più completo. Il Santos ha cambiato la mia vita, la mia carriera. È stato un piacere giocare nel miglior club del mondo. Un giorno indosserò ancora quella maglia”.



 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Massimo Maestrelli e la Curva intitolata a papà Tommaso: “Chiamale se vuoi… Emozioni” | FOTO

Published

on

 


Oltre al successo della Lazio contro lo Spezia per 4-0, la giornata di ieri è entrata di diritto nella storia biancoceleste. Prima del match contro i liguri, è stata intitolata ufficialmente la Curva Sud a Tommaso Maestrelli, allenatore della Lazio vincitrice del primo Scudetto. Al taglio del nastro, oltre al Presidente della Lazio Claudio Lotito, era presente anche il figlio di Tommaso, Massimo Maestrelli, che ha ricevuto un targa commemorativa.

Questa mattina, lo stesso Massimo, ha ricordato la giornata di ieri attraverso Instagram. L’immagine pubblicata è accompagnata dal messaggio in ricordo di papà Tommaso: “E chiamale se vuoi… Emozioni, Babbo”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Max (@max_mauri)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW