Connect with us

Per Lei Combattiamo

MI RITORNI IN MENTE di Franco Recanatesi

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 mi ritorni in mente recanatesi

Cosa mi ritorna in mente dopo la vittoria col Palermo?

° Che sollievo il gol di Candreva! E che meraviglia di gol! Io ci credevo perché avevo visto una squadra che ci credeva. E un Candreva rinato.
° Dopo quattro mesi di digiuno, Candreva ha regalato alla Lazio 6 punti in otto giorni e l’ha rimessa in corsa per il… No, non voglio più parlare di terzo posto, porta sfiga.
° Grazie Toro, il mio vecchio Toro! Da bambino tifavo per i colori granata, come gran parte dei bambini. Era il Grande Torino di Mazzola, Ossola, Bacigalupo. A 11 anni andai a vedere la mia prima partita, Lazio-Palermo (guarda caso!) e mi innamorai dei colori biancocelesti. Grazie Toro, hai fermato la Fiorentina consentendo alla Lazio di scavalcarla in classifica.
° Ho sentito e letto di qualcuno che ipotizza addirittura di acchiappare la Roma. Ora dista 8 punti, vincendo il derby diventano 5, se continua a pareggiare le andiamo alle costole e nello sprint finale ci saranno tutti, Lulic, Gentiletti, Djiordjevic. I sogni son desideri…
° Sbrigati Gentiletti, quanto ha bisogno di uno come te questa difesa dove c’è sempre qualcuno che balla il liscio.
° Ledesma, un esempio per tutti. Soprattutto per Keita.
° I laziali sanno quanto io sia ammirato da Keita, ma non vedo nei rari spezzoni di partita che il tecnico gli concede, quel furore, quella voglia di imporsi che dovrebbe animare un campioncino retrocesso a panchinaro.
° Keita a parte, il giocatore della Lazio più sottovalutato è Luis Cavanda. A me Cavanda piace moltissimo, ha corsa e tecnica che pochi giocatori di fascia possiedono. Se Pioli ci si dedica un po’ di più diventa un difensore di primissima categoria.
° Cataldi sempre più sicuro e sempre più bravo. Voglio vedere cosa succede quando torna Lulic.
° Intanto vediamo cosa succede domenica contro il Sassuolo quando Pioli avrà a disposizione Candreva, Felipe Anderson, Mauri e Klose per il trio offensivo. Buon segno quando i giocatori creano questo tipo di imbarazzi al proprio allenatore. A meno che Pioli non li metta in campo tutti insieme, come accadde nel primo tempo del derby facendo girare la testa alla truppa del sergente Garcia. Ma in quel caso dovrebbe rinunciare .a Cataldi
° Il coro dedicato a Pioli dalla Curva Nord è una novità e una incoronazione per l’allenatore. Pioli è entrato nel cuore dei tifosi con la sua immagine professionale, pulita, trasparente. Non so se, come Tare sostiene, la Lazio potrà lottare per lo scudetto entro due o tre anni, ma so che nel caso Pioli è l’uomo giusto per pilotare questo progetto.
° La partita della Lazio sempre fra le ultime a SkyCalcioShow. Non fa ascolto? Eppure Lotito è un testimonial fortissimo, meglio di Banderas per il Mulino Bianco.
° Ilaria D’Amico ha dedicato più spazio al compleanno di Marchegiani che all’intervista di Pioli. Vabbeh, stavolta passi… Auguri Luca, con gratitudine da tutto il popolo laziale.
° Mi ero rammaricato leggendo il numero degli spettatori paganti (abbonati esclusi) di Lazio-Palermo, 9.800. Poi vado a vedere quelli delle altre partite: 8.400 a Milano, 3.900 a Firenze, 3.800 a Verona, 1.100 a Empoli. Mi consolo ma mica tanto: com’è caduto in basso il nostro campionato.
° Anche perché processi, litigi e dirigenti inadeguati stanno sgonfiando il pallone. L’ultimo è Arrigo Sacchi, quello che ha detto “ci sono troppi neri nel calcio italiano”. Con la solito intelligente sarcasmo, Gene Gnocchi ha ribattuto che “allora ci sono troppi neri anche nei cori gospel”. Sacchi, se non sbaglio, ha un ruolo federale, ma nessuno ha chiesto una censura come avvenne (e fu comminata) per Tavecchio e ora per Lotito.

FRANCO RECANATESI 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Pedro: “Futuro? Ho ancora un anno di contratto con la Lazio, poi vedremo cosa accadrà”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Una grande stagione quella di Pedro al suo primo anno di Lazio. L’attaccante ex Roma ha trovato fin da subito il modo di farsi amare dai tifosi biancocelesti, a suon di gol, assiste e reptazioni di grande livello. Sarri lo ha voluto fortemente, e lo spagnolo ha ripagato la sua fiducia. Con la stagione ormai alle porte, è tempo di pensare al futuro: Pedro ha ancora un anno di contratto con la Lazio e dunque rimarrà anche la prossima stagione. Rimane d vedere se la società capitolina sceglierà poi di proseguire con lui, o se le strade si separeranno. Nel frattempo, in attesa dell’inizio del ritiro di preparazione al prossimo campionato, Pedro si gode le vacanze alle Canarie, dove è stato ospite del Parlamento delle Isole Canarie che lo ha premiato come ambasciatore dello sport.

Queste le sue dichiarazioni in merito al proprio futuro, rilasciare a Tv Canaria:

Sono molto orgoglioso di rappresentare la mia terra, è un privilegio. Quando vengo qui noto l’affetto e la speranza che le persone hanno nei miei confronti. Non sai mai cosa accadrà nella vita. È vero che ho una situazione familiare difficile con i miei figli a Barcellona e io in un altro paese. Al momento ho un anno in più di contratto con la Lazio. Vedremo cosa accadrà in futuro”

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW