Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

Stefano Di Chiara: “Sono contento per Cataldi, ma ci abbiamo messo due anni per farlo giocare”

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Grande esclusiva della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM, che ha contattato Stefano Di Chiara, ex difensore della Lazio dal 1973 al 1976, attualmente allenatore.

Stefano tu sei un laziale doc. Sei nato e cresciuto nelle nostre Giovanili, hai vinto il Campionato Primavera 1975-76 e sei arrivato ad esordire in Prima Squadra. Che differenze ci sono tra il tuo calcio e quello attuale?
Enormi. Era un’altra epoca, tempi migliori. Al giorno d’oggi, dalla politica in giù, quindi anche nel calcio, governa chi non dovrebbe governare. Ci tengo a sottolineare un aspetto. In quegli anni i Derby Primavera si giocavano tra 11 romani laziali e 11 romani romanisti. Oggi tutto questo non esiste più. Non si dà più il giusto valore ai giocatori italiani e si prendono troppi stranieri già a partire dai Settori Giovanili. Gente come Morrone e Carosi, non ti insegnavano solo a giocare, ma anche a vivere. Ti trasmettevano lo spirito di appartenenza al club.
Sei contento che un laziale come Danilo Cataldi stia giocando in pianta stabile tra i titolari?
Assolutamente sì, ma anche qua avrei molto da ridire. Ci abbiamo messo due anni per farlo giocare. Perchè i giovani talenti non si fanno giocare subito? Si parla di processo di maturazione, ma se non ti fanno giocare, come fai a maturare?
Qual è stato il momento più bello che hai vissuto da laziale?
Lo Scudetto del 1974. Non ero protagonista data la giovane età, ma spesso e volentieri anche noi ragazzi ci allenavamo con i titolari. Mi dispiace solo che siano state mal gestite diverse situazioni. Con una Prima Squadra così forte, e una Primavera come la nostra, si poteva creare un ciclo vincente. C’era gente come Giordano, Manfredonia, Agostinelli…
Veniamo al 30 aprile del 1986, giorno di quel famoso Roma-Lecce 2-3 che costò lo Scudetto alla Roma. Sia tu che tuo fratello Alberto eravate in campo per il Lecce. Non solo. Tuo fratello, a differenza tua di fede romanista, segnò anche uno dei tre gol.
Sì, anche se devo dire una cosa. Alberto andò alla Roma e divenne uno di loro a causa della mia cessione alla Pistoiese. Vi spiego. All’epoca non c’erano i procuratori. Io ero rappresentato da mio padre, che ci rimase molto male per la mia cessione, concretizzata dopo la morte di Maestrelli. Si legò al dito questa cosa e appena ebbe l’opportunità la fece pagare all’allora dirigenza della Lazio. Svelata questa storia, ci tengo a sottolineare che quel Lecce retrocesse con tre campioni del mondo in rosa: Barbas, Pasculli e Causio. Tanto per far capire il livello di quella Serie A rispetto a quella mediocre di oggi. Con tre campioni del mondo in squadra retrocedevi. La Roma arrivò troppo sicura di sè e pagò questo atteggiamento.
Venendo all’attualità, come vedi la Lazio di oggi?
Sono contento di questa domanda, perchè devo riconoscere che la Lazio sta andando oltre le più rosee previsioni. E’ stato fatto un ottimo mercato in estate. De Vrij, Basta, Parolo, Djordjevic, l’inserimento definitivo di Cataldi… Certo per il terzo posto sarà dura, ma può giocarsela. Inoltre ha trovato in Pioli un ottimo tecnico, uno che ha fatto tanta gavetta, cosa che ormai non fa più nessuno e che invece a mio avviso è fondamentale.
Da ex difensore e allenatore, cosa pensi di De Vrij?
Sta dimostrando di essere un ottimo centrale. Era stato eletto miglior difensore del Mondiale e sta confermando di essere un prospetto di campione. Se non altro perchè, nonostante i 23 anni, dimostra di avere una certa personalità, una parola che sembra bandita al giorno d’oggi.
A chi sei rimasto più legato del mondo Lazio?
A Bruno Giordano. Ogni tanto scherziamo su quanti gol avrebbe potuto fare con i difensori di oggi, minimo tre/quattro a partita. Se penso che Ranocchia è il capitano dell’Inter mi viene da ridere. Ma vi immaginate difensori di questo livello che marcano gente come Riva, Boninsegna o Chinaglia? E fanno pure i capitani!

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Toma Basic presente alla finale di Coppa di Croazia per seguire il suo ex club

edo9923@hotmail.it'

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Toma Basic era oggi presente al Poljud di Spalato, dove è andata in scena la finale di Coppa di Croazia tra il Rijeka e l’Hajduk Spalato terminata 1-3, a testimoniarlo una storia pubblicata su Instagram dal calciatore biancoceleste stesso. L’Hajduk Spalato che ha oggi conquistato la finale, è una ex squadra del centrocampista croato, nella quale egli ha militato dal 2015 al 2018, prima di trasferirsi in Francia al Bordeaux.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW