Connect with us

Per Lei Combattiamo

Cribari: “La Lazio più forte dell’era Lotito”

Published

on

 


S.S. Lazio v Villarreal CF - UEFA Europa League

I tifosi della Lazio sono particolari, non si legano solamente a grandi campionti, ma a qualunque giocatore abbia dimostrato di tenere veramente alla propria maglia. Uno di questi è stato senza dubbio Cribari, tutti ricordiamo quando scese in campo a pochi giorni dal brutto infortunio allo zigomo, mettendo a repentaglio la propria salute per non lasciare soli i compagni di squadra. Oggi, nel giorno del suo compleanno, è stato intervistato ai microfoni di 1900tv:

Hai visto Lazio-Napoli?

“Ho letto tanto cose, ma purtroppo in Brasile non l’hanno fatta vedere. Ho potuto visionare qualche immagine e i commenti”

Cosa ne pensi di questa Lazio?

“C’è un nuovo allenatore e si sa che questo è l’organico più forte dell’era Lotito. Pioli si sta dimostrando all’altezza di questo club”

Cosa ricordi del tuo periodo alla Lazio?

” C’è tanta nostalgia, sono stati cinque anni bellissimi sotto il profilo professionale e umano. Ho imparato tanto, una volta che stai dentro il mondo la Lazio impari a non mollare mai, come dice l’inno della squadra. Posso solo dire grazie per gli anni per cui sono stato lì”.

Parli molto bene l’italiano, sei andato in qualche scuola?

“Non l’ho studiato, sono stato 13 anni in Italia e ho imparato giorno dopo giorno dal 1998, quando giocavo con l’Empoli. Parlo spesso con amici italiani”

Cosa ne pensi della mancata convocazione di Felipe Anderson con il Brasile?

“E’ stato anche convocato con la Nazionale che potrebbe andare alle Olimpiadi l’anno prossimo. Tanti in Brasile si aspettavano una convocazione da parte di Dunga. Ha iniziato la sua carriera alla Lazio con un po’ di fatica, poi piano piano è venuto fuori. Lui potrà fare molto bene. Hanno parlato molto della possibilità della convocazione, ma meno dell’esclusione. La cosa mi ha colpito, mi dispiace. Qualche volta in Brasile dimenticano troppo velocemente i giovani che vanno in Europa che tentano la fortuna. Proprio per questo la spedizione mondiale è andata male”

Per lei Felipe Anderson è un campione?

“In prospettiva potrebbe diventarlo, ma è ancora giovane e deve dimostrare ancora tanto. Ha delle qualità, ma deve mantenere la concentrazione e continuare la sua crescita, solo così potrà diventare fra i migliori d’Europa”

Perché hanno scelto Dunga come ct del Brasile?

“E’ stato preso perché è un disciplinatore e poi perché negli ultimi anni ha avuto la possibilità di studiare il calcio europeo. Noi siamo rimasti alle tattiche del 2002, però ora il calcio è cambiato. Molti in Brasile hanno dimenticato di studiare e di vedere l’aspetto moderno del calcio”

Accosteresti Anderson a Mauro Zàrate?

“Zàrate lo metto fra i cinque giocatori più forti con cui ho giocato insieme, a livello tecnico era eccezionale. Lui cadeva in depressione molto facilmente. Bisogna vedere se Felipe Anderson riuscirà a mantenere la concentrazione necessaria per crescere”

Hai ricevuto offerte per giocare ultimamente?

“Ho finito il contratto con i Rangers, ma non ho avuto offerte che mi hanno motivato ad andare in giro per il mondo. Ora voglio stare vicino alla mia famiglia, a mia moglie e ai miei figli. Mi sto allenando ancora, però sto riflettendo sul futuro fuori dal campo”

Ci fai tre nomi di giovani brasiliani che secondo te potrebbero avere un futuro con la maglia del Brasile?

“Qui in Brasile faccio fatica a fare dei nomi: penso a Lucas Silvia appena acquistato dal Real Madrid, Marquinhos del Psg e Felipe Anderson”.  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Partita per la Pace, il comunicato. Presenti anche Lotito e Immobile alla conferenza stampa

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


Domani, giovedì 29 settembre alle 15, si terrà presso la sede di Radio Vaticana a Roma, la conferenza stampa di presentazione della 3a edizione della Partita per la Pace, benedetta da Papa Francesco. La Partita avrà il sostegno delle più grandi stelle del calcio mondiale. La Partita per la Pace si terrà il 14 novembre, allo Stadio Olimpico di Roma, e sarà organizzata come evento interreligioso benefico dal Pontificio Movimento Scholas Occurrentes. Lo slogan della partita sarà “We Play For Peace”. Questa edizione sarà molto speciale e sentita, sia per l’urgenza di un appello per la pace, sia perché sarà l’occasione anche per ricordare e celebrare Diego Armando Maradona, che nelle altre edizioni ha supportato e partecipato all’evento, ed è stato capitano della squadra di Scholas. Durante la conferenza stampa saranno forniti i dettagli dell’evento, relativi alla partita e ai momenti dedicati all’omaggio spettacolare ed innovativo a Diego Armando Maradona. Alla conferenza stampa parteciperanno l’ex calciatore Ciro Ferrara, compagno di squadra di Maradona nel Napoli e testimonial dell’iniziativa, e le squadre della Capitale: la S.S. Lazio sarà presente con il suo Presidente, Claudio Lotito, e il capitano Ciro Immobile; per l’A.S. Roma parteciperà, tra gli altri, il calciatore Marash Kumbulla. Sarà presente anche il Direttore Mondiale di Scholas, José María del Corral.

Comunicato stampa Partita per la Pace

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW