Connect with us

Per Lei Combattiamo

Podavini: “Lazio fantastica. Cataldi subito in Nazionale!”

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


podavini7

Molti ex biancocelesti stanno facendo sentire la loro soddisfazione per questa Lazio. Una schiera di consensi, quella raccolta da Pioli e i suoi ragazzi, che sottolineano il momento fantastico per gioco e risultati. Uno di questi ex calciatori ha parlato in esclusiva a”I Laziali Sono Qua”: Gabriele Podavini, ex terzino destro della Lazio dal 1982 al 1987 che effettuò il cross per il famoso gol di Giuliano Fiorini in Lazio-Vicenza del 21 giugno 1987.

Gabriele innanzitutto benvenuto. Oggi, grazie ai due risultati di ieri sera, per noi laziali è una splendida giornata.
“A chi lo dici! Sembra di vivere una favola. Ad avercene di momenti così esaltanti”!
Cosa ti è piaciuto di più ieri nella Lazio?
Il fatto che ormai sia diventata una squadra di calcio a caratteri cubitali. Stiamo assistendo a scene fantastiche. Ogni volta che i ragazzi segnano un gol si abbracciano e vedi la gioia nei loro occhi. Credo che, oltre alle individualità, vada riconosciuto a Pioli di aver creato un grande gruppo, aspetto fondamentale per qualsiasi obiettivo”.
Ecco. Lo dice una persona che ha preso parte ad una delle più grande imprese della storia della Lazio e che sa cosa vuol dire fare gruppo…
“Secondo me da questo punto di vista ci sono delle similitudini tra la mia Lazio e quella di oggi. Vedo la voglia di aiutarsi, di gettare il cuore oltre l’ostacolo. Penso all’amicizia che c’è tra Felipe Anderson e Keita, due giocatori concorrenti nello stesso ruolo lì davanti, ma che non vivono d’invidia o di gelosia”.
Alla luce dei risultati e delle prestazioni delle ultime settimane, secondo te quali sono le squadre favorite per il secondo e terzo posto?
“Adesso come adesso non posso che dirti che la Lazio sicuramente sarà tra queste. Gioca il calcio più bello della Serie A ed è la principale candidata al secondo posto. Se la vedrà col Napoli, che metto leggermente dietro, con la Roma e con la Fiorentina”.
Gabriele, dei tanti allenatori che hai avuto nel corso della tua esperienza in biancoceleste, a quali sei rimasto più legato e chi ti ricorda Stefano Pioli?
“Gli allenatori che mi sono rimasti più nel cuore sono stati Simoni e Fascetti, due allenatori che facevano del lavoro, dell’umiltà e della dedizione la loro filosofia calcistica. Pioli mi sembra appartenere a questo tipo di categoria”.
Da ex difensore che opinione ti sei fatto della difesa della Lazio?
Ammiro molto Stefan Radu, un terzino fluidificante simile a me per caratteristiche. Mi piace anche Dusan Basta, ma il vero valore aggiunto è Stefan De Vrij. Un difensore giovane, elegante e potente. Ne vedo pochi forti come lui”.
E’ esagerato paragonarlo a Nesta?
“Beh, Nesta è stato uno dei difensori più forti della storia del calcio italiano, ma il paragone non è così azzardato. Certo, De Vrij deve dimostrare ancora tanto, ma a 23 anni e con un solo anno in Italia è davvero impressionate il suo rendimento”.
Prima di salutarti, ci dici cosa pensi di Danilo Cataldi e se ritieni che sia già pronto per la Nazionale di Conte?
“Cataldi sta dimostrando che l’età a volte non conta. Quando lo vedi giocare sembra di vedere un veterano, uno con dieci anni di più di carriera. Fossi in Conte lo porterei subito in Nazionale. Di giovani così forti in Italia non ce ne sono tanti”.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | E Provedel si prende subito la porta

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Luis Maximiano ha rimediato il rosso più veloce dal 1994. Ha chiesto perdono, era teso per il debutto. Sarri non vuole bruciarlo, però ora è difficile che Provedel torni in panchina dopo il Torino. Tra i pali su Arnautovic è stato superlativo, coraggioso in uscita su De Silvestri e perfetto con i piedi per impostare da dietro.

Potrebbe non rimanere l’ultimo arrivato: come riporta Il Messaggero, Sarri chiede ancora un terzino sinistro. C’è Valeri low cost, ma il sogno del mister è Emerson Palmieri, che però è conteso da Nizza e West Ham. Il club inglese ha anche sondato Acerbi in prestito, ma il centrale vuole l’Inter, anche se Lotito lo cederebbe gratis all’estero. Tutto fermo per Akpa Akpro, si valuta il futuro di Luka Romero. Adamonis rimarrà a Roma come terzo portiere, Furlanetto invece finisce al Renate.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW