Connect with us

Per Lei Combattiamo

Lazio, il monte ingaggi più basso. La corsa Champions è low cost

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


 

Appena 55 milioni. Pioli si gode Felipe capocannoniere e Marchetti saracinesca

Assai meno di Juve (119 milioni) e Roma (98), di Inter (75) e di Milan (94), e sensibilmente meno del Napoli (73 milioni) che, nonostante il gap di 5 punti, continua ad essere la più autorevole concorrente al posto in Champions: gli unici numeri nei quali la Lazio è oggi inferiore alle big del campionato sono quelli relativi al monte ingaggi. Quello biancoceleste è a quota 55 milioni e l’idea è di ottimizzare ulteriormente eliminando le risorse che, seppure molto ben pagate (come Ederson o Cana, entrambi a 1,7 milioni a stagione), non sono prese quasi mai in considerazione da Stefano Pioli. Demolito l’assunto secondo cui più spendi e più vinci (52 punti, 1,057 milioni a punto, la Roma 1,849), ecco la Champions low-cost della Lazio: più giochi e più vinci, ricetta che sta vincendo la sfida con le leggi ataviche del calcio e che ha convinto pure chi da sempre bazzica i ricchissimi top-club pur avendo vissuto anche le giornate amare della scorsa stagione. «La mia ambizione è ancora enorme, voglio portare la Lazio in Champions League», così Miro Klose al quotidiano tedesco Kicker. Cioè, se ci crede lui che è un habitué in termini di obiettivi centrati, allora tutti sono autorizzati a farlo. Del resto oggi la Lazio sul campo è più big delle big, impossibile non rendersi conto di una crescita che sembra inarrestabile: secondo miglior attacco del campionato con 51 gol (la Juve ne ha segnati 4 di più ma ne ha fatti 7 tutti insieme al Parma) con ben 9 giocatori a rete, Felipe Anderson capocannoniere a quota 9 cui seguono Mauri e Klose (entrambi 8), Djordjevic (7), Candreva e Parolo (tutti e due a 6 reti); un gol subito nelle ultime 6 gare, Marchetti è inviolato da 424’ e ha già messo nel mirino il record suo (516’) e quelli di Pulici (606’) e Marchegiani (744’). Il che dà una media globale di 1,8 punti a partita e una relativa al girone di ritorno ancora più esplosiva: 2,3 punti, frutto di 7 vittorie e 2 sconfitte (18 gol fatti e solo 5 subiti). La squadra funziona alla grande, meglio di una big. «Ho ancora un anno di contratto con la Lazio – ha ribadito Klose – per adesso non ho avuto nessun contatto con club tedeschi. La mia sarà una decisione spontanea, di pancia, per questo non ho ancora deciso. A fine stagione prenderò la decisione con la mia famiglia, dovremo riflettere su diverse cose: se e dove continuare a giocare per esempio». Il periodo buio di inizio anno è alle spalle, adesso Miro gioca sempre e spesso lo fa bene, come se a quasi 37 anni avesse ripreso il passo del campione. Oggi è in progressione, proprio come la sua Lazio. Come può mollarla proprio adesso, soprattutto se l’anno prossimo avrà l’occasione di tornare al calcare il palco della Champions?

Corriere della Sera 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | E Provedel si prende subito la porta

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Luis Maximiano ha rimediato il rosso più veloce dal 1994. Ha chiesto perdono, era teso per il debutto. Sarri non vuole bruciarlo, però ora è difficile che Provedel torni in panchina dopo il Torino. Tra i pali su Arnautovic è stato superlativo, coraggioso in uscita su De Silvestri e perfetto con i piedi per impostare da dietro.

Potrebbe non rimanere l’ultimo arrivato: come riporta Il Messaggero, Sarri chiede ancora un terzino sinistro. C’è Valeri low cost, ma il sogno del mister è Emerson Palmieri, che però è conteso da Nizza e West Ham. Il club inglese ha anche sondato Acerbi in prestito, ma il centrale vuole l’Inter, anche se Lotito lo cederebbe gratis all’estero. Tutto fermo per Akpa Akpro, si valuta il futuro di Luka Romero. Adamonis rimarrà a Roma come terzo portiere, Furlanetto invece finisce al Renate.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW