Connect with us

Per Lei Combattiamo

CorSera: “Il Milan è su Pioli”. Lotito deve blindare anche lui

Published

on

 


Come Eriksson? Magari, penserà Pioli. Che per ora ha messo nel sacco ben 6 vittorie facendo due terzi del filotto record realizzato dal «dream team» allenato dal tecnico svedese nel 98-99, una striscia di 9 successi consecutivi interrotta da uno 0-0 contro il Cagliari. Il calendario dice che la Lazio di Pioli ce la può fare, soprattutto se continua lo stato di forma globale (e particolare di Felipe Anderson) in barba allo stop rompi-ritmo imposto dagli impegni delle Nazionali. Ci sarà da vincere a Cagliari (4 aprile), poi con l’Empoli in casa (il 12) e poi la sfida dello Juventus Stadium (il 18 alle 20.45), proibitiva solo sulla carta visto che la squadra di Tevez si ritroverà la Lazio proprio a cavallo del quarto di Champions contro il Monaco. Si può fare, insomma. Non che serva questo record a sancire la bontà della guida tecnica di Pioli, ormai le prove sono arrivate in dosi massicce. Tante da dare alla stagione i connotati dell’anno uno di un progetto a medio lungo termine con vista addirittura sullo scudetto. E tante, considerata l’inadeguatezza dell’attuale compenso (600 mila euro, terzultimo in serie A) in relazione a resa sul campo e posizione di classifica, da riportare a galla la questione contratto, al momento legato all’accesso alle coppe europee per espressa volontà di Pioli. In realtà è bastato un attimo per confermare una sintonia scontata con la Lazio, di fatto il tecnico resterà sulla sua panchina senza problemi e già si discute della formula che potrebbe, in un certo senso, avvicinare ancora di più l’allenatore ai suoi giocatori: un quid fisso (con ritocco fino al milione di euro) più gli immancabili bonus a rendimento, cioè secondo più o meno lo stesso format usato nel prolungamento di Felipe Anderson. La questione vera, però, è la lunghezza. Due esempi: ieri l’Atletico Madrid ha rinnovato fino al 2020 il contratto del Cholo Simeone dando respiro al proprio progetto; Eriksson restò in biancoceleste dal 97 al gennaio 2001, quasi quattro anni a disposizione per costruire la cavalcata scudetto. Ecco, ora che la Lazio un progetto ce l’ha (non a caso si è riacceso il canale per la sponsorizzazione con Azerbaijan «Land of Fire»), per quanto tempo proverà a blindare il suo tecnico prima che qualche big in confusione (tipo il Milan) provi a sfilarglielo? Lotito solo una volta (con Delio Rossi) si è spinto più in là di un biennale. Stavolta però serve più tempo. E più coraggio.

Corriere della Sera

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Lazio Women

Il difensore del Chievo Verona, Boglioni: “Bella sfida contro la Lazio Women. Sarà il campo a parlare”

Published

on

 


In vista della partita odierna tra Chievo Verona Women e Lazio Women, il difensore Paola Boglioni ha rilasciato un’intervista a calciofemminileitaliano.it, parlando della sfida contro le biancocelesti. Queste le sue parole: «La partita di domenica contro la Lazio sarà un’altra bella sfida. Siamo consapevoli del livello dell’avversario e della positività che portano con loro, ma, come sempre, sarà il campo a parlare. La settimana sta procedendo al meglio, con l’entusiasmo di voler dire la nostra».

  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW