Connect with us

Per Lei Combattiamo

02/04/2006 – L’ultimo gol di Di Canio con la maglia della Lazio…

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

 


Domenica 2 aprile 2006, allo Stadio Olimpico va di scena Lazio-Empoli. Sta per arrivare Calciopoli, ma nessuno lo sa ancora. Gli uomini di Rossi sono lanciati verso la zona Uefa, competizione che si vedranno togliere a fine a stagione, e ricevono l’Empoli, in cerca di punti salvezza. L’inizio premia le aquile, visto che dopo 8′ conducono già 2-0 grazie a Pandev e Behrami. I toscani però non ci stanno e rimontano con Tosto e Tavano. La gara sembra bloccata sul 2-2 ma ecco che all’80’ Paolo Di Canio deposita in rete la palla del 3-2, facendo esplodere l’Olimpico. Quel gol non servirà a vincere, l’autogol di Oddo in extremis pareggerà i conti, ma passerà comunque alla storia: sarà infatti l’ultimo gol dell’attaccante con la maglia della Lazio. Il numero 9 chiuderà la sua seconda avventura a Roma con 14 gol, che sommati ai 4 della sua prima esperienza (1988-1990) saranno 18. Scontato ed inutile specificare come al primo posto delle sue reti ci siano le due segnate nel derby, una nel 1989 l’altra nel 2005.

Di seguito il tabellino:

LAZIO: Peruzzi, Oddo, Siviglia, Cribari, Zauri, Behrami (68′ Di Canio), Dabo, Liverani, Mauri (52′ Manfredini), Pandev (77′ Bonanni), Rocchi. A disposizione: Ballotta, Stendardo, Belleri, Mudingayi. Allenatore: D.Rossi.

EMPOLI: Balli, Raggi, Coda, Pratali, Tosto (84′ Ascoli), Buscè, Moro (71′ Ficini), Almiron, Lucchini (56′ Lodi), Tavano, Vannucchi. A disposizione: Dossena, Vanigli, Zanetti, Serafini. Allenatore: Cagni.

Arbitro: Sig. Ayroldi (Molfetta).

Marcatori: 7′ Pandev, 8′ Behrami, 25′ Tosto, 64′ Tavano, 80′ Di Canio, 90′ Oddo (aut).

Ammoniti: Pandev per comportamento non regolamentare e Moro per gioco scorretto.

Spettatori: 25 mila circa. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

Caso Juventus, il ministro dello sport Abodi: “Non sarà la sola, bisogna fare pulizia”

Published

on

 


Il ministro dello sport Andrea Abodi è intervenuto alla presentazione del Codice di Giustizia sportiva Figc oggi al Coni parlando anche del caso Juventus e della necessità di “fare pulizia”. Queste le sue parole:

“Il caso Juventus? Si tratta di un club che probabilmente non rimarrà il solo e questo ci permetterà di fare pulizia. Abbiamo bisogno di sapere presto cosa sia successo e che vengano assunte decisioni per ridare credibilità al sistema, nel principio dell’equa competizione. Ed è evidente che negli ultimi anni non è successo”.  


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW