Connect with us

Per Lei Combattiamo

Zeman sulla strada della Lazio

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Così diversi, così uguali. Zdenek Zeman e Stefano Pioli ancora di fronte per la sesta volta, quella più importante. Il Cagliari si gioca una fetta importante di salvezza, la Lazio di Champions: i precedenti sorridono al biancoceleste che ha vinto tre volte (compreso il 4-2 dell’andata griffato dalla doppietta di Klose) mentre il boemo ha trionfato in una sola occasione. Tra l’altro tra i ko ce n’è uno pesante perché, nella sua seconda esperienza sulla panchina della Roma perse 3-2 contro il Bologna, subendo la doppietta di Gilardino e la rete di Diamanti negli ultimi venti minuti dopo aver condotto gran parte della gara con il doppio vantaggio (16 settembre 2012).
Zeman romanista è una ferita che molti laziali, che lo avevano accolto come il profeta nel 1994, ancora non hanno rimarginato. Quella Lazio arrivò seconda con i gol di Signori, le prodezze di Rambaudi e Boksic, poi un terzo posto l’anno successivo, la vita al Fleming quartiere storicamente biancoceleste. L’esonero del gennaio del 1997 dopo aver lanciato Nesta, Di Vaio e Nedved, non lo ha mai digerito tanto da attraversare il Tevere e passare dall’altra parte. Lui che aveva definito il «derby una partita come le altre» perdendo 3-0 dal trasteverino Mazzone, sulla panchina giallorossa. E, da quel momento, anche quelli che avevano raccolto le firme per spingere Cragnotti a non esonerarlo, hanno cominciato a mal sopportare quell’innato amore per Totti. Quattro derby su quattro persi contro Eriksson lo avevano reso nuovamente simpatico ai laziali che pero, nonostante la seconda esperienza romanista di tre anni fa, non sono mai riusciti ad odiarlo. Perché Zeman è Zeman, tecnico idealista a volte un po’ troppo offensivo, ma comunque portatore sano di un calcio divertente. A volte per gli altri, ma pur sempre spettacolare. Sabato pomeriggio ancora 4-3-3, dogma irrinunciabile, Cagliari all’assalto per cercare punti salvezza. Nessuna deroga allo spartito anche perché l’interregno di Zola ha prodotto più danni che miglioramenti. Pioli si è sempre ispirato a quel modulo che, come ha codificato il tecnico boemo, è «quello che copre meglio il campo di gioco». Alcune scelte iperoffensive dell’attuale allenatore biancoceleste ricordano lo Zeman laziale anche se poi da buon difensore, Pioli ha trovato una sintesi che ha permesso alla sua squadra di subire solo una rete nelle ultime sei partite. Sarà ancora una volta Zeman contro la «sua» Lazio, contro il suo passato che poteva essere diverso senza quell’esonero. Non ci sarà spazio per i sentimenti: conta solo il Cagliari ma Pioli vuole fare un altro scherzo al maestro per sognare la coppa dalle grandi orecchie.

(Il Tempo)

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

CalcioMercato

Lazio, fissato l’arrivo di Mario Gila: ecco quando approderà nella Capitale

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Inizierà domani l’avventura alla Lazio di Mario Gila. Il difensore spagnolo classe 2000, centrale di difesa di piede destro, è stato acquistato dal club biancoceleste: nelle casse del Real Madrid andranno 5 milioni di euro. TuttoMercatoWeb

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW