Connect with us

Per Lei Combattiamo

Orgoglio e umiltà. Così la Lazio si è presa Roma

Published

on

 


Roma è così, un po’ laziale, di più romanista. Ed ora che la sveglia (il sorpasso) è cosa fatta, lo choc è forte. Capitale sottosopra, dunque: per la forza dei numeri, del gioco, del gruppo, dell’orgoglio. La Lazio di Stefano Pioli nasce quasi di nascosto nei giorni in cui la Roma di Rudi Garcia annuncia al mondo che questo sarà l’anno buono. Pioli fa imparare l’inno biancoceleste a memoria ai suoi ragazzi, Garcia comincia a costruirsi un castello di alibi, urla al complotto, vede trappole ovunque, ma non nel suo spogliatoio. Americani da una parte, Lotito e basta dall’altra: lo spread fra le due proprietà appare incolmabile, quella a stelle e strisce sale sulla giostra di Boston e dintorni e guarda al nuovo stadio, il più bello d’Europa (prima pietra a breve, si dice), il club biancoceleste si aggrappa alla sua di storia, rispolvera la maglia del meno 9, campionato ’86/’87, e, da quando la indossa a gennaio, non sbaglia più un colpo. Pioli tecnico moderno Lazio 58 punti, Roma 57. «Voglio il massimo da questa stagione…», così Pioli, un passato vissuto in provincia con il grande salto soltanto sfiorato. Pioli sfiorò Roma, la Roma, dopo i primi due fallimentari anni di gestione Usa, ma, alla fine, prevalse l’orientamento per un tecnico con la faccia da duro e il passaporto francese. Pioli, il salto su una panchina di prima fascia l’ha così compiuto fra lo scetticismo generale un anno dopo il matrimonio mancato con il club di Trigoria e l’ha fatto come terza scelta, dopo Allegri e Donadoni, sull’altra sponda del Tevere. Oggi, Pioli viaggia con la forza di cifre che sanno di miracoloso per chi ha sempre buttato l’occhio frettolosamente dentro Formello: otto vittorie di fila, come Maestrelli e Delio Rossi, ad una dal record di Eriksson, miglior attacco (un gol in più della Juve), stessi punti dei bianconeri nel 2015, sei giocatori con almeno sette reti all’attivo (Klose, Mauri, Felipe Anderson, Parolo e Candreva). Ma, soprattutto, una filosofia coraggiosa, un modo di giocare divertente, un atteggiamento lontano dalla superbia. Il 24 maggio c’è il derby Il cuore di Roma giallorosso accusa il colpo da ko. A Ponte Milvio, sulla Cassia, più sù, si brinda. La Capitale è così, un po’ laziale, di più romanista, ma, queste, sono le ore in cui la minoranza si fa rumorosa. «Li ha rovinati il selfie del Pupone. Col pallone non si scherza», sorride il laziale. Il 24 maggio c’è il derby: stadio Olimpico, Lazio contro Roma. Garcia, Totti, James Pallotta, numero uno romanista contro Pioli, Mauri, Lotito, patron biancoceleste, mai così in silenzio come da quando una telefonata lo ha smascherato: sembrava una sfida impari, si è rivelata una storia all’italiana, anzi alla romana.

(La Stampa)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Champions League

Lazio-Celtic, Gila in mixed zone: “Abbiamo risposto sul campo, penso che il mister possa essere soddisfatto”

Published

on

 


Nel post partita di LazioCeltic il giocatore biancoceleste Mario Gila è intervenuto in mixed zone:

Giocare oggi è stata una soddisfazione molto grande, soprattutto per la vittoria della squadra dopo la partita di Salerno. Oggi avevamo bisogno dei tre punti e ora aspettiamo la vittoria di Madrid per la qualificazione. Sono contento per la mia prestazione, dopo che è passato tanto tempo senza giocare, però sono momenti dove ti devi preparare e devi seguire per essere pronto. Mi sento bene anche se non sono ancora nella mia condizione fisica perfetta. Sarri chiedeva un po’ di personalità e voglia di giocare durante la partita e penso che noi abbiamo risposto bene anche rispetto alla squadra che abbiamo affrontato oggi. Credo che l’allenatore possa essere contento.

Fraioli

Ci sta mancando ancora la continuità ma queste opportunità vanno sfruttate. A livello difensivo rispetto all’inzio dell’anno penso che abbiamo ritrovato un po’ di solidità difensiva, anche se non siamo ancora la squadra dello scorso anno. Dobbiamo fare ancora un po’ di strada. Rispetto alla gara di Salerno la squadra era più pronta e una prestazione di questo livello migliora molto la situazione. A livello personale mi sento meglio. Ora sento che posso avere più opportunità e minuti, se esistono gerarchie potrei avere più opportunità”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da LazioPress.it (@laziopress.it)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW