Connect with us

Per Lei Combattiamo

Lotito, il Re Mida del calcio italiano

Published

on

 


Sorride Claudio Lotito. E lo fa con una soddisfazione doppia adesso che guarda tutti dall’alto. È la rivincita di quello che fino a qualche settimana fa veniva additato come l’uomo cattivo del calcio italiano. La sua Lazio vola e tutta Italia deve ammettere che forse aveva ragione lui nonostante le bizzarre frasi in latino, i modi non sempre convenzionali e qualche uscita di troppo. Una gestione quasi familiare, con poche persone fidate segnate nell’organigramma. Una catena di comando molto corta dove ogni decisione passa inevitabilmente da lui: Claudio Magno. Sapeva che il tempo gli avrebbe dato ragione e ha aspettato i cadaveri dei suoi nemici che uno alla volta sono passati trasportati dal fiume. Da quel lontano 2004 ad oggi sono cambiate tante cose. Dai 9 giocatori acquistati tutti in un giorno a un mercato pianificato grazie anche alla competenza del Ds Tare. Anche su di lui la maggior parte si è dovuta ricredere. I giocatori vengono scelti in base ai famosi tre parametri: moralità, compatibilità economica e qualità tecnica. Una modalità di scelta che gli è valso il soprannome di Lotirchio. Oggi però, numeri alla mano, la rosa che ha allestito vale almeno il doppio. Riavvolgendo il nastro di questa stagione e tornando all’estate scorsa tanto che prima i tifosi non si abbonavano per protesta ora corrono allo stadio per urlare forza Lazio. Otto vittorie consecutive, una finale di Coppa Italia e una di Supercoppa già in tasca e l’obiettivo di centrare un posto in Champions. Si sente un imperatore e qualche pollice verso non gli farà certo cambiare idea. Ha la schiena dritta e in passato non si è piegato nemmeno alle minacce. Sabato sfiderà la Juventus, una gara che ha un valore anche fuori dal campo visto che con il numero uno dei bianconeri, Agnelli c’è in atto una diatriba in seno alla Federcalcio, dove Lotito siede da questa estate alla destra della poltrona più importante. Si è sobbarcato il fardello di rifondare il pallone di casa nostra portando a casa diversi punti importanti, vedi il tetto salariale, il pagamento dell’iva e il primo passo verso lo Ius Soli sportivo. Proprio ieri la Camera ha approvato la proposta di legge. C’è il suo zampino anche nel sì di Conte per la panchina della Nazionale. Quello che tocca in questo periodo diventa oro. Eh sì perché anche la Salernitana di cui è patron in appena 4 anni ha fatto un salto triplo che la sta portando dritta dritta in serie B. Non è sempre stato tutto rose e fiori in terra campana ma il suo modo di agire è stato sempre lo stesso. E i tifosi granata sognano come quelli biancocelesti. Mica male per uno che veniva deriso e considerato il giullare del pallone.

(Il Messaggero)

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

CalcioMercato

Calciomercato Lazio, Escalante potrebbe lasciare la Cremonese: su di lui un club spagnolo

Published

on

 


Mentre sono in corso i Mondiali di calcio, il campionato di Serie A è fermo. La ripresa è fissata il 4 gennaio 2023, due giorni dopo l’apertura della finestra di calciomercato invernale. In questa sessione, sembra che Gonzalo Escalante, calciatore della Lazio in prestito con diritto di riscatto alla Cremonese, potrebbe lasciare il club di Cremona: come riporta l’esperto di mercato Nicolò Schira infatti, il centrocampista argentino classe ’93, potrebbe salutare la Cremonese. Su di lui ha messo gli occhi un club spagnolo: si tratta del Cadice, squadra che milita ne La Liga spagnola. Il club penultimo in classifica avrebbe mostrato interesse per Gonzalo Escalante. Lunedì 2 gennaio, 33 giorni all’apertura del calciomercato invernale.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW