Connect with us

Per Lei Combattiamo

Troppa Juve per questa Lazio. Tevez e Bonucci archiviano la pratica Scudetto

Published

on

 


Grande prova di forza della Juventus che costringe la Lazio dei record a tornare nella capitale a mani vuote. La squadra di Pioli va sotto di due reti nella prima mezzora di gioco, accusa il colpo e non riesce più a rialzare la testa. Klose e compagni mancano così l’opportunità di centrare la 9^ vittoria consecutiva, fermandosi ad 8. I bianconeri, invece, si riprendono così il primato di miglior attacco del campionato e guadagnano ulteriori tre lunghezze sulla Lazio, seconda, archiviando di fatto la pratica Scudetto.

PRIMO TEMPO. Pioli schiera i suoi con il 4-3-3. L’assenza di Parolo impone l’aggiunta di un centrocampista in più per dare maggiore dinamicità in mezzo al campo e così Lulic viene inserito tra i titolare nel ruolo di mezzala sinistra, andando a completare il reparto insieme a Biglia e Parolo. In avanti l’esclusione eccellente è quella di Candreva, con il tridente composto da Anderson e Mauri a sostegno di Klose. Allegri, dal canto suo, risponde con un classico 3-5-2. In avanti il tandem d’attacco è composto da Tevez e Matri, preferito a Morata. La prima fase di gioco vede entrambe le squadre studiarsi a vicenda, attente a non concedere il fianco all’avversario, con la Lazio che dimostra di tenere bene il campo, per nulla intimorita dai campioni d’Italia della Juve. La prima chance di sbloccare il match è per i bianconeri al 13′ con Marchisio che dai 35m lascia partire una conclusione velenosa sulla quale, però, Marchetti è attento e blocca. Risponde la Lazio pochi minuti dopo con Mauri su punizione, ma il mancino velleitario termina ampiamente alto. Al 17′ si sblocca il match: Tevez parte in posizione regolare, entra in area e trafigge Marchetti. Dopo il gol del vantaggio, la Juventus prende possesso del campo mentre Mauri e compagni, invece, sembrano ancora storditi. Al 25′ Klose raccoglie un pallone vagante in area e calcia in porta, ma il suo destro è deviato e termina alto. La Lazio non c’è e Bonucci fa quel che vuole: il difensore juventino al 28′ si fa tutto il campo e batte Marchetti dal limite. I capitolini cercano con insistenza il gol che potrebbe riaprire il match e così al 36′ Cataldi, non trovando spazi, ci prova dalla lunga distanza, ma Buffon è attento e blocca la sfera. Al 40′ è di nuovo Cataldi a tentare da fuori, ma il suo tiro questa volta finisce in curva. La squadra di Allegri, forte del discreto margine di vantaggio acquisito, si chiude nella propria metà campo, aspettando la Lazio e ripartendo in contropiede. Al 49′ Pirlo prova la famosa “maledetta” su punizione, ma il tiro è centrale e trova Marchetti pronto.

SECONDO TEMPO. Nella seconda frazione di gioco i due tecnici non operano alcun cambio e, così, rientrano in campo gli stessi 22 che avevano chiuso il primo tempo. La Lazio mantiene il possesso della sfera, senza però trovare lo spiraglio giusto per mettere in difficoltà la difesa bianconera che chiude bene tutti gli attacchi biancocelesti. Al quarto d’ora Vidal recupera palla su Cataldi, triangola con Tevez e tenta il tiro a giro, ma la conclusione termina lontana dal palo alla sinistra di Marchetti. Al 20′ Candreva su punizione dal limite impegna Buffon, ma il tiro, violento, è troppo centrale. Pochi minuti dopo è Biglia a scaricare verso la porta un tiro di rara violenza, ma anche questo altrettanto centrale, con Buffon che blocca in due tempi. La Juventus amministra saggiamente il vantaggio, annullando con maestria gli sterili attacchi biancocelesti. Al 44′ piove sul bagnato in casa Lazio: Tevez va via sulla sinistra e Cataldi si merita il rosso, stendendolo da dietro. A 2′ dal termine grande occasione per Anderson che sfrutta un rimpallo al limite dell’area e, cadendo, calcia in porta, ma Buffon neutralizza la sfera e la fa sua. Il match termina con la vittoria della Juventus che s’impone per 2-0.



 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

CalcioMercato

Calciomercato Lazio, Escalante potrebbe lasciare la Cremonese: su di lui un club spagnolo

Published

on

 


Mentre sono in corso i Mondiali di calcio, il campionato di Serie A è fermo. La ripresa è fissata il 4 gennaio 2023, due giorni dopo l’apertura della finestra di calciomercato invernale. In questa sessione, sembra che Gonzalo Escalante, calciatore della Lazio in prestito con diritto di riscatto alla Cremonese, potrebbe lasciare il club di Cremona: come riporta l’esperto di mercato Nicolò Schira infatti, il centrocampista argentino classe ’93, potrebbe salutare la Cremonese. Su di lui ha messo gli occhi un club spagnolo: si tratta del Cadice, squadra che milita ne La Liga spagnola. Il club penultimo in classifica avrebbe mostrato interesse per Gonzalo Escalante. Lunedì 2 gennaio, 33 giorni all’apertura del calciomercato invernale.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW