Connect with us

Per Lei Combattiamo

FOCUS – Parma-Lazio, quando nacque la stella di Felipe Anderson

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

 


7 dicembre 2014. La Lazio è di scena a Parma. La squadra di Pioli non vince in campionato da un mese (l’ultimo successo è il 4-2 al Cagliari del 3 novembre, ndr), e come se non bastasse si presenta al Tardini senza l’infortunato Candreva. Contro c’è una squadra in crisi: Cassano e compagni sono infatti in piena zona retrocessione, la qualificazione in Europa League dell’anno prima, sfumata solo per motivi burocratici, è lontana. Pioli per la sfida nella sua città natale sceglie di sostituire Candreva con Felipe Anderson. Un Felipe che sembra rinato, galvanizzato anche dal gol segnato pochi giorni prima in Coppa Italia contro il Varese. E fin dai primi minuti si capisce che il brasiliano, rispetto a quello della stagione precedente, è un altro. I difensori crociati non lo prendono mai. Ma nonostante questo, la squadra di Donadoni passa in vantaggio con Palladino. I capitolini però sono più maturi. Così Mauri sul gong della fine del primo tempo pareggia i conti (con questa rete il capitano laziale stabilisce un record, segnando a tutte le squadre dell’attuale Serie A). Un gol pesante da digerire per i padroni di casa. Nel secondo tempo la gara è bloccata, l’1-1 non sembra schiodarsi. Fino al 59′, quando Gobbi perde un brutto pallone e Djordjevic ne approfitta puntando la porta di Mirante. Il serbo è intelligente nell’alzare la testa e vedere quel numero 7 da solo in mezzo all’area, posizionato meglio di lui. Così l’ex Nantes si mette il vestito da assist-man e per il ragazzo che è cresciuto con Neymar  è un gioco da ragazzi battere Mirante da pochi passi e siglare il suo primo gol in Serie A, il secondo in pochi giorni: non male per uno che l’anno prima ne aveva segnato solo 1 in 20 presenze. Ma questo è un altro Felipe Anderson e le gare successive non faranno altro che confermare la nascita della sua stella. Così a distanza di quasi 5 mesi l’ex Santos vede questa sfida con il Parma in modo diverso, stasera infatti non dovrà dimostrare niente a nessuno. La sua stella è già accecante. Nel calcio i dettagli fanno la differenza, niente è più vero di questo: FA7 avrebbe spaccato ugualmente a suon di accelerazioni la Serie A se Candreva non si fosse infortunato e se in quella partita di inizio dicembre Gobbi non avesse perso quel pallone? Ma questo a noi non interessa, ci basta volare in Champions con le sue magie…

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Formello

FORMELLO – Scarico per i titolari e breve fase tattica

Published

on

 


Dopo la sconfitta di ieri arrivata ieri all’Allianz Stadium, nella gara che ha sancito l’eliminazione della Lazio dalla Coppa Italia per mano della Juevntus, i biancocelesti sono subito tornati in campo, in preparazione del match che vedrà impegnati gli uomini di Sarri lunedì sul campo dell’Hellas Verona. A Formello nel pomeriggio i titolari di ieri hanno svolto lavoro di scarico, mentre le riserve hanno lavorato dal punto atletico, prendendo poi parte ad una breve fase tattica.

Successivamente è stata la volta della consueta partitella a campo ridotto, prima con le stesse squadre della parte tattica, poi anche mischiate.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW