Connect with us

Extra Lazio

EXTRA LAZIO – Ve lo ricordate Freddy Rincon? E’ ricercato in tre Paesi per narcotraffico internazionale

Published

on

 


Chi si ricorda di Freddy Rincon, ex centrocampista colombiano a metà degli anni ’90? L’Interpol benissimo, ma per questioni che col calcio e con la nazionale colombiana centrano poco. Per Rincon esiste infatti un mandato d’arresto per legami con il narcotraffico, sospettato di riciclaggio di denaro sporco in un’indagine aperta a Panama nel 2007. Il mandato è internazionale è coinvolge tre stati: Panama, Colombia e Brasile.

Dal canto suo Rincon si difende apparentemente in tranquillità direttamente dal Brasile dove lavora come commentatore sportivo: “Storia vecchia, non c’è problema e non hanno prove contro di me”. La realtà però è che in questo momento è ufficialmente ricercato dall’Interpol per le presunte relazioni pericolose su cui stanno indagano le autorità di Panama nell’ambito di un’indagine sul narcotraffico aperta nel 2007. Nel mirino degli inquirenti Rincon è finito per via di un investimento di circa 200mila dollari in una società di cui si serviva un noto delinquente colombiano (Montano) per spedire droga negli Usa. Ma non solo. Sotto la lente finirono diversi acquisti di proprietà dell’ex centrocampista con soldi, secondo le autorità, riciclati dallo stesso Montano. “Ci siamo conosciuti da piccoli – dichiarò Rincon – perché siamo entrambi di Buenaventura. Ma non ci siamo più visti né frequentati”.
Nonostante il caos intorno a lui Rincon non ha perso la calma: “E’ una storia vecchia che qui in Brasile è già stata chiarita. Io continuo a vivere tranquillo e muovermi liberamente senza nessun tipo di problema”.
sportmediaset.mediaset.it 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

Extra Lazio

È morto Roberto Maroni: l’ex ministro ed ex segretario della Lega aveva 67 anni

Published

on

 


Roberto Maroni, ex ministro ed ex segretario della Lega, è morto questa mattina: aveva 67 anni. Maroni, che dal 2013 al 2018 aveva ricoperto anche la carica di presidente della Regione Lombardia, era malato da tempo.

Più volte ministro – Nato a Varese nel 1955, Roberto Maroni ha ricoperto il ruolo di segretario federale della Lega Nord dal 1º luglio 2012 al 15 dicembre 2013. È stato due volte ministro dell’Interno (dal 1994 al 1995, ricoprendo anche l’incarico di vicepresidente del Consiglio e dal 2008 al 2011) e ministro del Lavoro e delle Politiche sociali dal 2008 al 2011.

Segretario della Lega – Nell’aprile del 2012 Maroni ha fatto parte, con Roberto Calderoli e Manuela Dal Lago, del triumvirato che fino al congresso della Lega Nord è stato incaricato di sostituire la carica di segretario del partito lasciata da Umberto Bossi. Tre mesi dopo, al congresso del partito, viene eletto segretario, rimanendo in carica fino a quando gli è subentrato Matteo Salvini.

Presidente della Regione Lombardia – Nel 2013, alle Regionali in Lombardia, è stato eletto presidente con il 42,8% dei voti. Non si è poi ricandidato alle elezioni successive del 2018. SkyTG24

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW