Connect with us

Extra Lazio

FLOYD MAYWEATHER vs MANNY PACQUIAO: un affare da 400 milioni di dollari per il match del secolo

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Credo che lunedì abdicherò e rinuncerò ai titoli in mio possesso. Non credo che il mio ultimo match avrà una corona in palio”. Lo ha detto Floyd Mayweather in conferenza stampa a Las Vegas, sorprendendo i reporter presenti, che hanno chiesto maggiori dettagli al campione del mondo Wbc, Wba e Wbo dei welter. “Non so se lo farò lunedì – ha detto ancora Mayweather -, ma presto lo farò, prima voglio parlarne con la mia equipe. Non sono così ambizioso, detengo tre titoli ma è ora che altri pugili si battano per conquistarli. Io mi tengo queste cinture e le appenderò alle pareti di casa, ma presto abdico”. Ma c’è la possibilità di una rivincita con Pacquiao? “Per favore, mi fate godere questa vittoria? – ha risposto l’americano -. L’ultima cosa a cui voglio pensare adesso è Manny Pacquiao”. Mayweather, che ha 38 anni e pensa di disputare un ultimo match per eguagliare il record di Rocky Marciano (49 incontri da professionista, tutti vinti) ha poi rivelato di non sentire più così forte la passione per la boxe. “In realtà credo che non ne sentirò la mancanza – ha spiegato -. Oggi la seguo anche perchè ci sono ottimi atleti nella mia palestra, ma non assisto più a incontri e so che non ne sentirò la mancanza. Amavo andare a tutti gli incontri ma adesso non è più così, ho perso tutto questo amore per lo sport”.

Mayweather batte Pacquiao ai punti in ‘match del secolo’ – Il pugile americano Floyd Mayweather è il re assoluto della categoria dei pesi welter ed è entrato nella leggenda dei grandi di tutti i tempi. Alle sei di oggi, sul ring di Las Vegas, ha vinto anche il ‘match del secolo’ contro l’ultimo grande avversario che mancava al suo elenco di vittime, quel Manny Pacquiao, temibile filippino già campione del mondo in otto categorie. Davanti a 17 mila spettatori del Grand Arena e a milioni di altri sintonizzati sulle tv a pagamento di mezzo mondo (in Italia l’ha data in chiaro Dee Jay Tv), e sulla distanza di 12 riprese, Mayweather ha vinto ai punti con giudizio unanime dei tre giudici di gara americani.

E’ stato l’incontro di boxe più ricco della storia, 400 milioni di dollari di giro d’affari, borsa di 160 milioni per ‘money’ Mayweather che è già il più pagato sportivo di sempre, e di 120 per ‘Pacman’. Non era solo un incontro di boxe. Si trovavano davanti anche due storie e due filosofie di vita: il ricco e spregiudicato Mayweather, dall’infanzia difficile e che ora vive in uno sfarzo imbarazzante, che dice di essere più grande di Alì, che ha usato un paradenti d’oro da 25mila dollari, imbattuto da 47 incontri, ora da 48, a un passo dal record di 49 che appartiene a Rocky Marciano.

Di fronte, il picchiatore buono dell’Asia, tutto casa e Chiesa, nato in miseria e che dona parte dei suoi soldi ai bisognosi, fa il deputato e in patria già lo vedono un giorno presidente. Due uomini di forte caratura atletica, benchè non giovanissimi, 38 anni Mayweather, 36 Pacquiao. Ma non si può dire che le aspettative della vigilia sul piano della boxe pura siano andate soddisfatte, almeno per coloro che nel pugilato apprezzano soprattutto il combattimento autentico.

L’americano ha vinto per la sua classe atletica, per il modo elegante in cui tiene la scena, per il formidabile gioco di gambe che ne ha fatto un imprendibile ballerino del ring, ma i colpi da lui assestati al rivale filippino sono stati in verità pochi e nemmeno esaltanti. Pacquiao da parte sua non ha fatto quanto avrebbe potuto per vincere, la sua caratteristica foga di attaccante a testa bassa non si è quasi mai espressa, sia perchè l’avversario letteralmente gli correva intorno, sia perchè lui stesso è andato a cercare Mayweather da fermo, senza quasi mai trovarlo, a parte un gancio alla quarta ripresa molto ‘sentito’ da Mayweather. Risultato, quasi nessun corpo a corpo fra i due, pochi scambi degni di un campionato del mondo assoluto che riuniva il titolo sotto le diverse sigle, Wbc e Wba detenute dall’americano e Wbo dell’asiatico. A fine match, deluso Pacquiao, ‘May non ha fatto nulla per vincere’. Raggiante Mayweather, per lui, smaltiti i festeggiamenti, è già tempo di pensare al record di Marciano.

ansa.it

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

Extra Lazio

GP Ungheria | Ferrari, Immobile: “Strategia sbagliata!” – FOTO

scud85@libero.it'

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Il centravanti biancoceleste Ciro Immobile con una stories sulla sua pagina Instagram ha voluto dire la sua su quanto visto durante il GP di Formula 1 svolto questo pomeriggio  in Ungheria.  Le due Rosse di Maranello hanno raggiunto il quarto posto Sainz e il sesto posto con Leclerc soprattutto Per il monegasco si è trattato di un vero e proprio harakiri visto che era al comando con un distacco significativo prima che rientrasse ai box per montare gomma hard. Strategia che non ha pagato e che lo ha condannato ad un anonimo sesto posto. Altra batosta, specialmente a livello psicologico, che rischia di pesare per il proseguo del Mondiale.

 

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW