Connect with us

Per Lei Combattiamo

Simeone promette: “Lazio, un giorno ti allenerò”

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

 


Diego Simeone lancia un messaggio d’amore alla Lazio. Un giorno l’allenerà. Ai microfoni di “Lazialità”, infatti, fa questa promessa, parlando anche della sua Lazio del 2000.

“La Lazio costituisce un punto incredibile della mia carriera, uno dei posti in cui sono restato più tempo: ho passato quattro anni meravigliosi. La gente mi ha voluto sempre bene e pian piano sono riuscito a farmi apprezzare come giocatore, facendo gol importanti che la gente non dimenticherà mai. A Roma ho avuto un gruppo di compagni e allenatori che hanno cambiato la filosofia del calcio italiano. Prima di noi avevano vinto sempre la Juventus e il Milan. Poi con il nostro arrivo è cambiata la storia e abbiamo permesso anche agli altri, quelli che abitano vicino a noi, di poter fare altrettanto (ride, ndr)”. Corsi e ricorsi storici: la certezza del Cholo di tornare alla Lazio – “Ho tanti amici a Roma. Sono sicuro che un giorno allenerò la Lazio, perché così è la vita. Come mi è capitato di tornare a un club come l’Atletico Madrid, dove sono stato e ho dato l’anima per far bene, così mi è successo e succederà alla anche alla Lazio. Se ho la certezza di tornare? Sicuro! Sono convinto che, in tutti quei posti in cui sono passato da giocatore, tonerò. È la mia vita, perché sia nel calcio che nella vita mi comporto allo stesso modo”. Colleghi in campo e in panchina: Simeone e Mancini, tecnico dell’Inter, prossima avversaria della Lazio in campionato – “Mancini è una persona diversa da tutti e ha un carattere forte, che ha dovuto modificare poco per passare da giocatore ad allenatore. Lui ti fa capire subito quello che sente, è molto sincero. La sincerità è il modo migliore in cui manifesta la sua personalità. Sapevo che sarebbe diventato un grande allenatore, già si vedeva in campo. Era molto vicino a Eriksson, parlava molto con lui e sapevamo che erano in grado di capire cosa succedesse alla squadra. È diventato subito il secondo del mister, poi da allenatore ha allenato anche noi. Gli ho rubato molte cose, perché mi piaceva come si comportava”. Attimi indimenticabili: lo scudetto del 2000 – “Il momento più bello è stato aspettare il finale di Perugia-Juventus nello spogliatoio, il 14 maggio del 2000 (alza gli occhi al cielo). A pensarci ancora oggi mi viene la pelle di gajina (trad. «d’oca»). È stato incredibile, perché sapevamo che ce l’avremmo fatta. Noi eravamo convinti che qualcosa sarebbe successo, perché meritavamo quel titolo”. Il rimpianto più grande in biancoceleste – “La Champions, senza dubbio. Avevamo una squadra che poteva fare meglio. Quell’anno abbiamo vinto lo scudetto, la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana, ma abbiamo perso la Champions League contro il Valencia. Andammo a giocare in Spagna con tanti giocatori infortunati e non ci voleva. Abbiamo vinto tantissimo, tutto: meno la Coppa dei Campioni. Forse, avremmo potuto vincere qualcosa in più”. Pronostico prossima vincitrice della Liga – “Non so chi potrà vincere il campionato spagnolo. Possibilmente, il Barcellona”. Pronostico prossima vincitrice della Champions League – “Non lo so, ma credo che alla fine possa vincere anche una squadra non blasonata”. La promessa al popolo laziale – “Tornerò alla Lazio, è solo questione di tempo. Oggi sono felicissimo all’Atletico Madrid, ma la vita è lunga e un giorno sarò lì con voi, vestito tutto di nero, come piace a me”

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Formello

FORMELLO – Fase tattica e lavoro atletico: oltre ai nazionali assenti Basic e Immobile

Published

on

 


Prosegue a Formello la preparazione della Lazio agli ordini di mister Sarri, con i biancocelesti che tra meno di un mese ripartiranno in campionato dalla trasferta di Lecce. Per la seduta odierna di nuovo in gruppo Gila e Zaccagni, che erano tra la lista degli assenti di ieri. Oltre a Milinkovic-Savic e Vecino oggi tra gli assenti c’è ancora Toma Basic, assieme stavolta a Ciro Immobile. Dopo una lunga sessione di torello, è stato il turno della fase tattica, seguita dalla consueta partitella finale, alla quale non ha preso parte Gila. Al termine della seduta il gruppo ha svolto lavoro atletico, al quale Patric, Romagnoli, Marcos Antonio e Gila hanno preso parte con intensità minore.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW