Connect with us

Per Lei Combattiamo

Tanti auguri a Ivan de la Peña, il (fugace) talento divenuto meteora

Published

on

 


‘Míralo, es un fenómeno no?’ A Barcellona sono in estasi, c’è un ragazzino della cantera che ha le movenze del campione. Se ne accorge perfino Johan Cruyff, uno che di calcio se ne intende. Seguito da Guardiola, che di quei catalani ne è il capitano. Assist a palate, sublime rapidità nel gioco di prima, legge i movimenti dei compagni come il più scorrevole dei libri. Un talento, chiaro e semplice. Viene da Santander, perla della Cantabria. Gioca tra le due linee. Mediapunta direbbero in Spagna, più precisamente volante de creación. Già, ma chi è? Il suo nome è Ivan, il soprannome è Piccolo Buddha (per via della testa rasata). E il cognome, a questo punto, potete aggiungerlo da soli. Perché mai? Facile: quel ragazzino è stato uno dei più grandi bidoni dell’era Cragnotti. Oggi Ivan de la Peña compie 39 anni, di cui solamente 3 trascorsi da stella in ascesa. Nel 1998 – dopo aver vinto ben 6 trofei da protagonista con la maglia del Barcellona – sbarca alla Lazio per 30 miliardi di lire (più altri 6 al giocatore). ‘Farò tanti assist!’ I tifosi laziali gongolano e lui si presenta così. Occhio a Van Gaal però, che avverte: ‘Attenti, il ragazzo soffre l’intensità per 90’…‘ Ma nessuno se ne cura e la Lazio lo preleva praticamente per due lire. Son ben 200 i tifosi a Fiumicino: ‘Aò, guardalo: sembra er Duce…’ Qualcuno ironizza sulla sua testa rasata nonostante abbia soltanto 22 anni. A Formello, invece, di tifosi ce ne sono più di 2000. Apoteosi biancoceleste. ‘Altro che Helguera, noi c’avemo De la Pena.’ Come Helguera? Certo, nell’estate del 1997  Franco Sensi aveva acquistato un giovanissimo Ivan Helguera dall’Albacete per 5 miliardi. Lo spacciò per fenomeno.

Risultato? Un disastro totale, neanche 10 presenze. Poi andrà a Madrid e vincerà tutto col Real. Dettagli, forse un fenomeno lo era davvero, ma alla Roma fu un flop. E i laziali speravano nella legge del contrappasso. Niente di tutto questo: de la Peña fu un disastro totale. Piedi raffinati, buona tecnica. Ma lento, estremamente prevedibile e compassato da far paura. Sembra la moviola di 90esimo minuto. Inoltre, l’autonomia di gioco non supera i 50′. Eriksson se ne accorge presto, chiama il Mancio e gli dice ‘Guarda, vai tu in regia che Ivan…‘ Punti di sospensione che dicono tutto. A fine stagione saranno 14 le presenze, con un solo gol realizzato in Champions League contro il Panionios. E’ una Lazio che va a cent’allora, non c’è spazio per chi va a 50. Nel 1999 approda al Marsiglia e delude, poi ritorna a Barcellona ma non è più lo stesso ragazzo. Un fenomeno? Non più. Infine – dopo una sola presenza nella stagione 2001-2002 – viene ceduto all’Espanyol, dove chiude la carriera con 213 presenze e 9 gol. Ah, vince anche una Coppa del Re, l’ultimo atto di una carriera costellata di ombre. Cantabriano di nascita, catalano nell’essenza calcistica, divenuto bidone per etichetta. Forse De la Pena non è mai stato un fenomeno, o forse si. Le esperienze di Lazio, Marsiglia ed Espanyol dicono di no. E quei fugaci attimi di puro calcio a Barcellona? Misteri, straschini di talento che il football non riesce a spiegare. Per la Lazio, comunque, il Piccolo Buddha resterà sempre il più grande bidone dell’era Cragnotti. Anzi il secondo. Prima di lui c’è un altro spagnolo, ma questa è un’altra storia. Nel frattempo, tanti auguri Ivan.

di Francesco Pietrella – @frapietrella

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Per Lei Combattiamo

CdS | Sarri ha ritrovato Patric. Marcos Antonio fermo

Published

on

 


Il programma della Lazio prevede la permanenza a Belek dal 12 al 17 dicembre. E’ prevista un’amichevole con il Galatasaray, un’altra è da fissare entro il 17, forse contro l’Hatayspor. Un terzo test dovrebbe essere effettuato intorno al 20 dicembre.

fraioli

Ieri a Formello la Lazio ha completato il terzo giorno di allenamento con Patric di nuovo impiegato di nuovo impiegato in partitella dopo i tormenti fisici. Lo spagnolo è stato sorpassato da Casale nelle gerarchie e si candida per gennaio.
Assente ieri Marcos Antonio, febbricitante.

foto Fraioli

Come riportato dal Corriere dello Sport

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW