Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – Carrozzieri: “Sabato occhio a Muriel e Klose. Samp e Lazio possono raggiungere i loro obiettivi europei”

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Ci sarà aria d’Europa e di dominio cittadino sabato sera a Marassi tra Sampdoria e Lazio. I doriani infatti cercheranno il successo per difendere il 6° posto, ultimo utile per entrare in Europa League, dall’assalto del Genoa. Candreva e compagni, invece, vorranno espugnare il Ferraris per rubare, almeno per una notte, il 2° posto alla Roma, in attesa del derby. Sarà dunque un match combattuto, dove vincerà chi sbaglierà meno.

Così la redazione di Laziopress.it ha sentito in esclusiva l’ex difensore della Sampdoria, Moris Carrozzieri.

“Sabato sarà una sfida tra due ottime squadre -afferma ai nostri microfoni l’attuale ds del Giulianova-, che stanno facendo meritatamente un grande campionato”.

Quali saranno i giocatori decisivi da una parte e dall’altra?

“Per la Sampdoria dico Muriel, ci ho giocato (a Lecce nel 2012, ndr) ed è veramente forte. Inoltre anche un attaccante come Eto’o merita sempre la massima attenzione. Per la Lazio punto invece su Klose”.

Sampdoria e Lazio riusciranno a raggiungere i loro rispettivi obiettivi europei (Europa League e Champions)?

“Penso di sì. Sono guidate da due grandi allenatori e costruite da due ottimi ds e presidenti, penso che abbiano tutte le carte in regola per raggiungere i rispettivi obiettivi europei. Per la Lazio sarà ovviamente fondamentale il derby”.

Le loro fortune sono state costruite anche in difesa. Da ex difensore, si aspettava un simile positivo rendimento da Alessio Romagnoli e Stefan de Vrij?

“Sì. Sono due ottimi giovani, ma più giocheranno e più miglioreranno: comunque il presente e il futuro è sicuramente dalla loro parte”.

La Sampdoria le ha permesso nel 2003 di fare il doppio salto dalla C alla Serie A, prelevandola dal Teramo: quella doriana può essere considerata la sua squadra del cuore?

“Assolutamente, fui preso da Marotta e Paratici. Furono determinanti per la mia crescita, così come Novellino che non esitò a darmi fiducia nonostante la mia giovane età e scarsa esperienza”.

In chiusura, ora ricopre il ruolo di direttore sportivo al Giulianova: in futuro la vedremo ancora in questa veste?

“Assolutamente. Voglio rimanere nel mondo del calcio, mi trovo molto bene in questo nuovo ruolo. Spero di continuare”.

 

 

 

  
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA | L’ex Bologna Castellini: “Sarri mi piace, la Lazio darà fastidio. Il Bologna ha bisogno di Mihajlovic”

Published

on



@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 
 
 


Fra qualche giorno Lazio e Bologna daranno il via al loro campionato, sfidandosi sul campo dell’Olimpico domenica 14 agosto per accaparrarsi i primi tre punti della stagione. Per l’occasione, abbiamo raggiunto Marcello Castellini, ex difensore del Bologna, per una breve intervista.

Finalmente ricomincia il campionato e la Lazio affronterà il Bologna, sua ex squadra. Cosa si aspetta da questo match?

E’ l’inizio del campionato, quindi sicuramente saranno partite non attendibilissime, nel senso che le squadre purtroppo ancora non sono complete. Il mercato sarà aperto fino alla quarta giornata e sarà così per tutte le squadre, quindi diciamo che sarà un inizio difficoltoso e altalenante per tutti, come abbiamo visto in Coppa Italia, dove molte squadre di Serie A hanno faticato. Sarà una partita complicata sotto tutti i punti di vista sia per la Lazio che per il Bologna.

Per quanto riguarda il Bologna, pensa che il progetto della società avrà continuità?

E’ chiaro che ad oggi la condizione fisica di Mihajlovic sta falsificando un pochino quello che è il percorso del Bologna. Speriamo che il mister come abbia superato il primo step superi anche il secondo, che è il più importante, e riprenda in mano una squadra che ha bisogno di lui sia come persona che come allenatore. Credo che il Bologna abbia bisogno di una figura importante come lui, speriamo torni il prima possibile.

Come pensa che si piazzerà il Bologna in questa stagione?

Sono un po’ di anni che si parla di questo famoso decimo posto. Reputo questo campionato ancora più difficile di quello dell’anno scorso, specialmente con il mercato che sta facendo la società: al momento ha venduto giocatori molto forti e ancora non ha preso giocatori perlomeno conosciuti. Magari quei due/tre ragazzi saranno una sorpresa, ma c’è bisogno di qualcosa di più importante. Ad oggi non vedo la squadra da decimo posto, la vedo leggermente indebolita rispetto allo scorso anno. 

Nella sua carriera ha militato anche nella Sampdoria, che affronterà la Lazio alla quarta giornata. Come vede il percorso dei biancocelesti nelle prime cinque partite, in cui incontreranno anche big come Inter e Napoli?

La cosa più interessante della Lazio è che è al secondo anno di Sarri, quindi sarà più facile seguirlo rispetto allo scorso anno. Sono stati acquistati giocatori interessanti e, anche se la Lazio non parte fra le favorite per piazzarsi lì davanti, penso che nel corso della stagione potrà dare molto fastidio. E’ una squadra interessante e a me Sarri piace molto, si vedrà molto di più la sua mano quest’anno. 

Pensa che la Lazio potrà migliorare la posizione in classifica della scorsa stagione?

Migliorare non saprei, altre squadre hanno fatto una campagna acquisti interessante e si sono rinforzate, vedi la Roma o la Fiorentina. Secondo me, però, con un anno di maturazione in più migliorerà decisamente la qualità in campo.

L’anno scorso la squadra ha avuto problemi nel reparto arretrato. Lei ha giocato come difensore centrale, come giudica i nuovi acquisti in difesa? 

Romagnoli è un giocatore di esperienza, non è semplice giocare nel campionato italiano, specialmente dietro. E’ il ruolo più difficile da ricoprire, ma la Lazio ha preso dei giocatori interessanti e secondo me si vedranno dei miglioramenti.

Un’ultima domanda sulla stagione che sarà. Quest’anno ci sarà una lunga sosta invernale per via dei Mondiali, che piega pensa che prenderà il campionato italiano?

Sarà una novità. La preparazione delle squadre è chiaramente diversa da quella degli altri anni e nel periodo di sosta si potrà fare un ricarico di lavoro con i presenti. E’ un percorso che tutti affronteranno per la prima volta, è anche difficile farsi un’opinione in merito.

 
 
 
 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS




RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW