Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – Oddo: “Che emozione il derby in cui ho segnato! In futuro vorrei allenare la Lazio”

marco.cervino4@gmail.com'

Published

on

 


La Champions League e il Mondiale sono le due competizioni più prestigiose da poter vincere per un calciatore, e rappresentano il sogno di ogni bambino, che sin da piccolo comincia a giocare a pallone. A conquistare questi due trofei è stato l’ex capitano  della Lazio, Massimo Oddo. Una carriera fantastica che lo ha visto indossare anche le maglie di squadre come Milan e Bayern Monaco. Con la maglia biancoceleste ha giocato per quattro stagioni e mezzo, con 172 presenze e 17 reti, conquistando una Coppa Italia, e, nell’ultimo anno, ha ereditato la fascia di capitano da Liverani. Nel 2006 è stato uno degli eroi nella fantastica cavalcata degli azzurri di Lippi, per la conquista della Coppa del Mondo a Berlino, in finale contro la Francia. L’anno successivo con la maglia rossonera conquista la Champions League in finale ad Atene contro il Liverpool, e nel 2011, dopo l’esperienza in Germania, sempre con il Milan vince il suo primo scudetto. Attualmente allenatore della primavera del Pescara, è pronto ad intraprendere una nuova avventura. La redazione di Lazio Press.it  lo ha contattato in esclusiva in vista di Sampdoria – Lazio, e per ricordare i bei tempi trascorsi a Roma.

Il suo ricordo più bello nei suoi anni alla Lazio?

Ho passato dei momenti bellissimi con questa maglia. Ma il ricordo più bello è senza dubbio la vittoria della Coppa Italia in finale contro la Juventus”.

Tra i vari derby che ha giocato, quello che ricorda con più gioia?

Ovviamente quello in cui ho segnato ( 3-o, 10 dicembre 2006). Una bella vittoria con una Lazio sicuramente sfavorita in partenza, ma che giocò alla grande meritando la vittoria”.

Nel marzo del 2006 realizzò una doppietta decisiva contro la Sampdoria. Si ricorda quel giorno?

Si certamente, non ne ho fatte molte di doppiette, è stata una bella soddisfazione, soprattutto perché giocavamo in casa davanti al nostro pubblico”.

Era una grande Lazio quella allenata da Delio Rossi. Che giudizio ha del suo ex allenatore?

Era una Lazio fatta di tanti giovani promettenti e qualche giocatore di esperienza! Un giusto mix che ha fatto penso più delle proprie potenzialità al tempo! Delio Rossi? Un bravissimo allenatore, uno dei migliori che abbia avuto”.

Cosa pensa di Pioli? La sua Lazio sta facendo benissimo.

Si è sotto gli occhi di tutti. Ha creato una squadra con una precisa identità. Si vede la sua mano e la squadra gioca davvero bene”.

Che partita sarà Sampdoria – Lazio? Ce la farà a vincere nonostante le varie assenze?

Le assenze sicuramente pesano. Non sarà facile anche perché la Sampdoria è un ottima squadra, ma Pioli ha una rosa di grande qualità. Ha tutto per farcela!”

Ha intrapreso la carriera da allenatore. Il suo futuro è quello? Le piacerebbe allenare la Lazio un giorno?

Mi diverto e faccio esperienza. Vedremo se sarò bravo! Chi non vorrebbe allenare la Lazio..io di sicuro!

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lucas Leiva: “Il derby di Roma è speciale, spero vinca la Lazio. Immobile? Difficile trovargli un vice”

Published

on

 


Il giorno tanto atteso è arrivato. Oggi è il giorno del Derby. Alle 18:00, nella 13° giornata di Serie A, si affronteranno Roma e Lazio. Una partita che non ha bisogno di presentazioni, che va oltre la classifica ed il percorso fin qui svolto. La redazione di LazioPress.it, in vista della stracittadina, ha intervistato, in esclusiva, l’ex centrocampista della Lazio Lucas Leiva. Queste le sue parole sul derby, sulla squadra di Sarri e su uno dei grandi assenti di quest’oggi: Ciro Immobile.

Sei rimasti nei cuori di tutti i tifosi della Lazio. Cosa ti manca di più della Capitale e della Lazio?

“Io e la mia famiglia abbiamo passato cinque anni fenomenale a Roma. Abbiamo lasciato tanti amici. Mi manca la città ed i miei compagni, però sono contento di esser tornato nella mia squadra del cuore”.

Hai visto una crescita della Lazio in questo avvio di stagione? A quale obiettivo possono ambire i biancocelesti?

“La Lazio è cambiata tanto, con tanti giocatori nuovi, quindi hanno bisogno di tempo. La Lazio è una società che aspetta, quindi devono anche adattarsi all’ambiente. Speriamo che possano fare bene in campionato”.

Quale è il derby che hai nel cuore?

“I derby che ho vinto rimangono sempre nel cuore. Il derby di Roma sicuramente è speciale e spero tanto che la Lazio vinca un’altra volta”.

Nel tuo ruolo, Sarri ha scelto Cataldi.

“Cataldi sta crescendo tanto e sono contento perché è un ragazzo d’oro che lavora tanto e vive per la Lazio. Sarri ha voluto cambiare tanti giocatori, non vedo nessun problema.

Penso che potevo aiutare tanto ancora, però come ho detto, tornare in Brasile per aiutare la mia squadra del cuore, è stata la scelta giusta”.

Si ferma Immobile e la Lazio fa fatica a vincere. È fondamentale avere un suo vice?

“Immobile è un giocatore importante per come gioca la Lazio. E’ normale che fanno fatica a vincere senza di lui. Trovare un vice non è facile, anche perché deve accettare la panchina e sappiamo che Immobile vuole giocare tutte le partite”.

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

   

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:    

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW