Connect with us

Per Lei Combattiamo

DIRITTI TV – Sky piange, le retrocesse valgono di più delle neopromosse. Ecco i numeri

Published

on

 


La “rivoluzione” delle piccole squadre di provincia, sempre più numerose in serie A, rischia di avere ripercussioni molto pesanti su tutto il sistema-calcio, a partire dai Diritti TV. La serie A, proprio nella stagione in cui si sta riscoprendo competitiva in Europa con la Juventus in finale di Champions League, il Napoli e la Fiorentina in semifinale di Europa League, in vista del prossimo anno perde tanto appeal per quello che succede in zona retrocessione e in serie B. L’addio di CesenaParma e Cagliari non sarà indolore: si tratta di tre squadre molto importanti, il Cesena che con i suoi 100.000 abitanti e una media di 16.500 spettatori allo stadio catalizza l’interesse di tutta la Romagna sulla serie A; il Parma che con i suoi 190.000 abitanti e una storia gloriosa rischia di sparire addirittura dal panorama calcistico, infine il Cagliari che con 160.000 abitanti aveva uno dei bacini d’utenza più grandi di tutto il campionato con milioni di tifosi in Sardegna ma anche sparsi in giro per l’Italia e per il mondo (dopo Juve, Inter, Milan, Napoli, Roma e Fiorentina, il Cagliari aveva il bacino d’utenza più grande della serie A, addirittura superiore a quello di Palermo, Lazio, Udinese, Sampdoria e Genoa). Una retrocessione che fa male, dopo 11 anni di massima serie per gli isolani.

A fronte di questi addii eccellenti, in serie A arrivano Carpi (70.000 abitanti e una media di 2.900 spettatori nel trionfale campionato di B) e Frosinone (46.000 abitanti e una media di 5.000 spettatori nell’altrettanto trionfale campionato di B). E se ai playoff dovesse spuntarla lo Spezia (90.000 abitanti, 6.200 spettatori in media) la frittata sarebbe completa. A prescindere dall’aspetto sportivo. La contemporanea salvezza di EmpoliSassuolo e Chievo Verona ha fatto il resto. Ben 5 squadre della prossima serie A – Carpi (70.000), Empoli (48.000), Frosinone (46.000), Sassuolo (41.000), Chievo (2.500) – non riescono a raggiungere il numero di abitanti della sola Parma. E la media degli spettatori nei loro stadi è ancor più sconfortante.

Insomma, la riflessione viene da se’: vuoi vedere che Lotito aveva ragione? Acclarato che il Presidente della Lazio non stava tramando qualcosa di losco per impedire a Carpi e Frosinone di salire in serie A (le dichiarazioni che hanno fatto tanto scalpore erano di molti mesi fa, oggi proprio Carpi e Frosinone sono riuscite ad ottenere la promozione nella massima serie senza alcun tipo di ostacolo), oggi un po’ tutto il mondo calcistico – a partire dagli appassionati e dagli spettatori della serie A – si chiede che interesse potranno avere tante partite di A che fino a qualche anno fa si disputavano in C1 e che avranno una cornice di pubblico mediocre, pochissimi spettatori televisivi, probabilmente anche un tasso tecnico non particolarmente elevato e comunque un blasone certamente non esaltante. Vi immaginate l’attesa per il big match del sabato sera su Sky? Boban, Vialli e Bergomi pronti a commentare dallo stadio comunale Matusa Frosinone-Chievo Verona, poi il “derbissimo” emiliano Carpi-Sassuolo mentre ParmaCesena e forse anche Bologna (a meno che non vinca i playoff) andranno a marcire nelle serie minori, così come il Modena che rischia addirittura la Lega Pro, tanto per rimanere in Emilia Romagna. E che dire di Brescia e Varese, anch’esse piombate in Lega Pro dove militano ancora (playoff e playout permettendo) le varie MantovaPadovaCremoneseReggianaRiminiAscoliPisaSienaLecceFoggiaCatanzaroCosenzaReggina e Messina (potremmo scomodare persino Taranto e Siracusanei Dilettanti).

Intanto, sempre proiettandoci al prossimo anno, con SalernitanaBolognaCagliariBariNovaraCesenaCataniaPerugiaPescaraVicenza, Livorno e forse anche il Parmala serie B rischia di diventare addirittura più entusiasmante e avvincente della serie A. Almeno per il calore e le presenze sugli spalti, la bellezza degli impianti sportivi, il blasone, la storia, le città e (particolare non di poca importanza) i bacini d’utenza dei tifosi, fondamentali per distribuire gli introiti dei Diritti.

calcioweb.eu 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Tempo| Lazio, vicini a quota 35.000 spettatori per domenica. Possibile chance dal 1′ per Cancellieri

edo9923@hotmail.it'

Published

on

 


L’abbraccio della squadra a Luis Alberto che ieri ha spento 30 candeline a Formello: «Festeggio con la mia seconda famiglia» a confermare che il mago è sereno dopo un’estate tormentata. Nel frattempo oggi prevista la risonanza alla coscia di Immobile per capire se ci siano margini per un recupero in extremis, il capitano vorrebbe prendere parte al match di domenica a tutti i costi. Nel frattempo si scalda Cancellieri, Sarri potrebbe optare per l’ex Verona per non rischiare Ciro, anche in vista dei prossimi impegni che la Lazio si troverà ad affrontare in pochi giorni.

Nell’allenamento di ieri Lazzari ancora a parte ma già nella seduta odierna dovrebbe agreggarsi al gruppo. Da verificare anche le condizioni dei nazionali (Marusic, Hysaj, Gila, Vecino e Milinkovic). L’Olimpico si appresta a vivere un’altra grande giornata,  sono già poco meno di 35.000 gli spettatori per la sfida di domenica. Oltre ai 26.193 abbonati, quasi ottomila tifosi hanno comprato il biglietto. Oggi il presidente Lotito, alla prima uscita ufficiale da senatore e Immobile saranno presenti in Vaticano alla presentazione della «Partita della Pace».

Il Tempo

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW