Connect with us

Per Lei Combattiamo

PAGELLE LAZIO – Mauri e Lulic dove eravate? Basta e Candreva i migliori

Published

on

 


LAZIO

Marchetti 5,5: si fa trovar pronto nelle uscite. Rischia poco nel primo tempo. Sul secondo gol della Roma parte leggermente in ritardo e non riesce ad evitare il peggio.

Basta 6: non una partita eccellente quella terzino serbo che, nonostante tutto, non demerita. Non trova molti varchi a destra, finisce pari il duello con Holebas. Va vicino al gol ad inizio secondo tempo con un tiro di prima intenzione che esce alla destra di De Sanctis di un soffio.

De Vrij 5,5: solita sicurezza del centralone olandese. Guida il reparto difensivo con la solita sicurezza che lo ha contraddistinto durante la stagione. Sul secondo gol, come il resto del reparto, si fa trovare impreparato.

Gentiletti 5: il difensore centrale quest’oggi sbaglia molti lanci, specialmente nel primo tempo. Il cartellino giallo del primo tempo per un fallo su Keita lo condiziona per il resto del match. Si fa superare da Ibarbo sull’azione del primo gol.

Lulic 4,5: ci si aspettava di più dall’uomo che ha segnato la storia dei derby romani. Bruttissimo fallo su Iturbe con conseguente (per fortuna) cartellino giallo. Pioli capisce che non è il caso di tenerlo ulteriormente in campo e, al decimo della ripresa, lo sostituisce.

55’ Cavanda 6: entra al posto di Lulic e fa un “signor partita”. Sfrutta la sua velocità per andare sul fondo più e più volte.

Biglia 5,5: rientro lampo e condizione fisica non esaltante. Sbaglia alcuni appoggi facili e non ripete le sue solite prestazioni.

’78’ Cataldi 5,5: entra e non incide più del dovuto. Il primo derby per lui è un amarezza infinita. Pochi palloni e, quindi, poche opportunità per incidere nel match.

Parolo 6: solita sostanza al centrocampo. Solito mix di corsa e qualità per il numero 16 biancoceleste che, come spesso accade, rientra tra i migliori in campo. Nel final di gara si spegne, un po’ per via della stanchezza, un po’ per via del risultato.

Mauri 4,5: dal capitano ci si attendeva senza dubbio qualcosina in più. E’ da alcune settimane che mancano le sue verticalizzazioni ed i suoi inserimenti. Prova decisamente insufficiente la sua.

’76 Djorjdevic 6: entra e dopo pochi minuti va in goal. E’ anche lui, però, il marcatore di Yanga-Mbiwa sulla punizione del secondo goal giallorosso.

F.Anderson 5,5: il gioiellino brasiliano di casa Lazio è il giocatore che più preoccupava la squadra di Garcia. Alcune scorribande sulla fascia, ma niente di più. Si fa vedere solamente nell’azione del goal: suo il cross per Klose.

Candreva 6,5: è il migliore dei suoi. Si prende le sue responsabilità, in quasi tutte le occasioni supera il suo diretta avversario. E’ il pericolo numero uno e, per questo, si merita il voto più alto. Anche lui, nel finale, si spegne un po’ ma, la sua prestazione, rimane comunque più che positiva

Klose 5: sulla coscienza ha il gol mangiato nei primi minuti del match. Il panzer tedesco fallisce in modo assurdo un occasione, servita da Candreva, a pochi metri dalla porta. Salva parzialmente la sua partita sfornando l’assist decisivo per Djorjdevic.


ROMA

De Sanctis 6

Holebas 6

Yanga-Mbiwa 6,5

Manolas 6,5

Torosidis 5,5

De Rossi 6

Nainggolan 6

Keita 6

68′ Pjanic 6

Florenzi 6,5

Totti 5

61′ Ibarbo 6,5

Iturbe 7

84′ Doumbia SV 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Il Messaggero | Com’è cambiata la Lazio di Sarri

Published

on

 


Ricordate il primo Maurizio Sarri show? Tornate indietro di 13 mesi, proprio a Lazio-Spezia, prima panchina del nuovo tecnico biancoceleste all’Olimpico. Fiera del gol, il 28 agosto 2021, finì con un rocambolesco 6-1. Spregiudicata, la creatura originaria di Maurizio sembrava talmente sicura di sé da concedere all’avversario persino il lusso di una rete di vantaggio. Come la settimana prima a Empoli, all’esordio. L’approccio era quasi Zemaniano, la fase difensiva ancorata al vecchio 3-5-2 di Simone Inzaghi, l’equilibrio fra i reparti un miraggio. I tifosi però non chiedevano altro che gioco, erano abbagliati dalla bellezza di quella Lazio. Pagata però troppe volte (vedi Bologna, Verona e non solo) a caro prezzo, nel girone d’andata del campionato passato. Il baricentro così alto e gli attacchi con la difesa oltre il centrocampo non reggevano. Sarri pian piano è tornato indietro, così è ricominciata la scalata sino al quinto posto. Dalla fine del girone di Europa League, in 21 giornate, la Lazio è riuscita a tenere un ritmo da Champions, con una media punti di 1,86, 2,05 gol fatti e 1,24 subiti a incontro.

Fraioli

LA METAMORFOSI – Nel mezzo del cammino, è iniziato un nuovo percorso. Un giocattolo perfezionato poi con il mercato estivo. Adesso Sarri considera molto di più il turnover, ha utilizzato 20 giocatori in questo primo scorcio. Così in sette giornate di Serie A, la media punti (2 esatti) e quella dei gol subiti (0,71) fanno capire davvero il cambiamento e il salto. Sarri in un anno ha trasformato la Lazio, ha plasmato il materiale in suo possesso: «Non posso ricreare il Napoli con una squadra che ha altre caratteristiche e non ha quel palleggio». Allora si riparte da dietro: l’attuale seconda miglior difesa della serie A ha subito sette gol in meno (5) con un baricentro nettamente più basso e guardingo; nei primi 30’ la porta di Provedel è rimasta inviolata perché c’è solidità in mezzo e maggiore concentrazione dal fischio d’inizio. Il possesso palla ha una media di 27’14’’ a incontro: in quel Lazio-Spezia del 28 agosto era schizzato addirittura al 55’8’’, il doppio. Se il tiki-taka diventa sterile però non ha alcun senso. Ecco altre vie per arrivare al risultato, senza cadere negli sbagli del passato: il 4-0 dello Zini è un esempio, nonostante i 18 tiri subiti, 10 nello specchio. I biancocelesti ora sanno soffrire e versare lo champagne a piccole dosi, al momento giusto: hanno realizzato sì due gol in meno (13 a 15) e, più in generale, vantanouna media di 1,86 reti, più bassa rispetto all’anno scorso. Ma la potenza dell’attacco è nulla senza il controllo. Felipe Anderson e Zaccagni segnano meno (3 reti in due), ma si sacrificano molto di più, fanno avanti e indietro.

LE ARMI – E pensare che, dopo la batosta di Herning, in tanti avevano già rinviato Sarri a processo. C’è ancora chi lo accusa di non aver mai più rivisto il suo calcio. Forse c’è un errore di fondo, forse Maurizio non è poi così integralista come le leggende tramandano. Al Chelsea e alla Juve ha vinto con un calcio più concreto. Alla Lazio sta facendo lo stesso, esaltando anche la sua coppia d’oro: il lancio di Provedel (40 passaggi a partita) è quasi dovuto, quando hai Milinkovic padrone in terra e in cielo e, in profondità, il cecchino Ciro. I numeri del tandem dallo sbarco di Sarri fanno spavento: 50 gol e 25 assist insieme (13 e 17 il serbo, 37 e 8 il bomberazzurro) in poco più di un anno. Solo il 28 agosto una tripletta contro lo Spezia per Immobile, stavolta in dubbio. Sergej – insieme a Marusic squalificato col Montenegro – è invece tornato in anticipo ieri a Formello. Meno male perché il serbo è sì l’assistman indiscusso del campionato, ma anche quello che ha già percorso 11,691 chilometri, più di chiunque altro alla Lazio. La scorsa settimana, Sarri ha rimesso a lucido Pedro, che ha giocato una sola gara ancora dal 1’, ma ha trovato 4 gol da subentrato. Anche Luis Alberto dalla panchina (3 degli ultimi 5 timbri) sta diventando un valore aggiunto. In realtà, quando i ritmi siabbassano e c’è spazio, il Mago è sempre un autentico fenomeno. La novità di Sarri in quest’avvio è aver fatto digerire allo spagnolo questo ruolo precario, al momento senza nuovi litigi nello spogliatoio. Luis Alberto parte titolare solo se l’avversario lo consente, altrimenti tocca a Vecino. L’uruguagio stavolta potrebbe patire le fatiche nazionali e il lungo viaggio. Il Mago è rientrato, fiuta una maglia con lo Spezia contro cui realizzò tre assist (angolo compreso) e un centro in versione grande Torero. Domenica la corrida si sposta da Siviglia all’Olimpico a pranzo. Erano in 20mila alla prima di Sarri il 28 agosto 2021, stavolta – complici i 26193 abbonati più 5600 biglietti già venduti – saranno quasi il doppio. Ironia del destino, il tecnico è squalificato, ci sarà il vice Martuscello in panchina al suo posto. Anche questo è cambiato: Maurizio farà parte del pubblico nello show. Il Messaggero\Albero Abbate

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW