Connect with us

 

Per Lei Combattiamo

FOCUS – Djordjevic, l’uomo da cui ripartire. Ora a Napoli il serbo vuole un gol pesante, un gol da Champions

jacoposimonelli@yahoo.it'

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Il day after di una sconfitta è sempre brutto, figurarsi quello di un derby che valeva supremazia cittadina e 2° posto. Il ko di ieri con la Roma fa male e rischierà di farlo ancora di più se domenica sera la Lazio dovesse perdere a Napoli, salutando così anche il 3° posto che vorrebbe dire preliminari di Champions League. Ma dopo ogni sconfitta, pesante o non, si deve sempre trovare un modo per ripartire. Quello di ieri ha un nome e cognome: Filip Djordjevic. Sono stati 5 giorni difficili per l’ex Nantes. Mercoledì, contro la Juventus,  la sfortuna si è accanita contro di lui. Quel doppio palo preso ancora trema. Poteva diventare l’eroe di giornata, invece lo è diventato Matri poco dopo. Un colpo pesante, duro da digerire. Ma il serbo è un tipo tosto, non si arrende. Non lo ha fatto nemmeno ieri, quando Pioli gli ha preferito Klose. Ma le cose non sono andate per il verso giusto. Così dopo il gol di Iturbe, l’allenatore emiliano ha deciso di gettarlo nella mischia. Djordjevic è entrato al 76′ con la voglia di spaccare il mondo e pochi minuti dopo ha colpito: cross di Felipe Anderson, sponda di Klose e tap-in vincente del numero 9. E’ stata una liberazione, dopo la sfortuna di mercoledì e degli ultimi mesi. Il gol gli mancava dal 5 gennaio (contro la Sampdoria, ndr), complice il grave infortunio che lo ha tenuto ai box per tanto tempo. Filip non ha esultato, ha preso subito la palla in fondo alla rete e l’ha portata a centrocampo. Voleva vincerla. Purtroppo poi è arrivato il gol di Yanga-Mbiwa a rovinare tutto, ma l’impatto sulla gara del 27enne non è stato dimenticato. Ora la Lazio deve prepararsi alla trasferta di Napoli, sarà una battaglia. Djordjevic è pronto, stavolta vuole segnare un gol pesante, un gol da Champions.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

MOVIOLA | Lazio-Verona: bravo Colombo nella gestione dei cartellini. Sul 3-3 possibile fallo su Kamenovic

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

E’ l’arbitro Andrea Colombo, sezione di Como, a dirigere l’ultima partita della Lazio in stagione. Il 32enne gestisce bene la gara, soprattutto per quanto riguarda i cartellini gialli che vengono sventolati ogni qualvolta serva. Ecco la moviola di Lazio-Verona, finita 3-3:

Al 10′ un replay mostra una forte e continua trattenuta ai danni di Luiz Felipe nel corso della punizione calciata da Cataldi dalla destra. Mentre il pallone percorre rapidamente tutta l’area di rigore, l’italiano viene trattenuto vistosamente. L’arbitro non vede, il VAR non interviene.

Dubbi sul gol del 3-3 del Verona: Hongla colpisce Kamenovic in scivolata dopo che il difensore della Lazio ha preso il pallone che beffa l’uscita di Strakosha.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW