Connect with us

 

Esclusiva

ESCLUSIVA – Tommaso Ceccarelli si racconta: ‘Alla Lazio anni fantastici, nessun rancore. Salò? Mi son fatto valere’

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

db281e58fddaa593d85f1e459ab0e97c_XL

‘’Qual è il compagno più forte con cui hai giocato?’’ Gonzalo Barreto ci pensa un po’, anche Matteo Monteforte. Infine, intervistati entrambi dalla nostra redazione, rispondono sicuri: ‘’Facile, Tommaso! Era veramente bravo…’’ E lo è tutt’ora. Sinistro pungente, tecnica da vendere, buon dribbling. Cognome? Ceccarelli. Segni particolare? Romano e laziale, cresciuto ai Parioli con l’aquila sul petto. E quanti gol in Primavera! A valanga. Per lui anche un ritiro coi grandi nel 2011. Oggi Tommaso gioca nell’Aquila, ha recuperato da un brutto infortunio al ginocchio rimediato a dicembre e non vede l’ora di rimettersi in gioco: ‘’Ora sto bene racconta Tommaso in esclusiva per Laziopress.it – avrei potuto giocare anche l’ultima partita di campionato ma ho preferito non rischiare. Mi sto allenando, è tutto a posto finalmente. A L’Aquila mi trovo bene, anche coi tifosi ho un ottimo rapporto. Purtroppo mi sono fatto male a dicembre e non ho avuto molto tempo per mettermi in mostra (15 presenze e 2 gol nel girone d’andata ndr). Senza l’infortunio, nel girone di ritorno avrei potuto fare sicuramente meglio.’’

Poi i trascorsi alla Lazio, i tanti gol nelle giovanili fino al mancato esordio in prima squadra contro il Vaslui: ‘’Inizialmente giocavo al Centro Calcio Federale, poi disputammo un paio di tornei contro la Lazio. Mi visionarono Volfango Patarca e altri dirigenti, parlai con loro. Mi ricordo che dopo il torneo rimasi a parlare per più di un’ora dopo la partita. In primavera mi sono tolto le migliori soddisfazioni, ho sempre fatto tanti gol, fin dal primo anno. Anche a livello personale ho avuto tante soddisfazioni, è stato un peccato non aver esordito in prima squadra. Quando militavo nei giovanissimi ho avuto proposto da Chelsea e Tottenham. Ma ho preferito rimanere alla Lazio, alla fine ero piccolo, volevo stare a casa. Il ricordo più bello in primavera? Ne ho tanti – racconta Tommaso – Forse la vittoria nel Torneo del Tirreno in finale contro la Roma. Terminò 1-0 e segnai su rigore. Sono sempre stato bene in primavera. Avevo un buon rapporto con tutti.

Continua Tommaso, tra curiosità e aneddoti: ”La panchina contro il Cesena? Mi aspettavo di finire tra i convocati, mi ero allenato con la prima squadra e avevo fatto anche la rifinitura. E’ stata un’emozione grandissima, fantastica. Anche in Europa League andai in panchina, contro il Vaslui. Reja mi mandò a scaldare perché dovevo entrare. Poi prendemmo gol e non entrai più. I compagni di squadra? In ritiro ho avuto un buon rapporto con tutti. Klose mi impressionò: se sbagliavi un passaggio cercava di farti capire l’errore. Quando parla un campione come lui stai sempre con le orecchie aperte. Con chi ero in camera in ritiro? Cavanda e Berardi, siamo molto legati. Sento spesso anche Crescenzi, lo vedo anche a Roma. Cataldi? Con lui ho giocato poco, soltanto 6 mesi in primavera. Però ho un buon rapporto, è un bravo ragazzo. Sono veramente felice per lui.’’

Dopo il ritiro, l’esordio? E invece no: la società non punta sul ragazzo e lo spedisce in prestito per due anni di fila, prima alla Juve Stabia e poi a Lanciano. Dove però, tra infortuni vari e un po’ di sfortuna, Tommaso non riesce a mettersi in mostra: ‘’E’ stato un periodo particolare: a febbraio andai alla Juve Stabia, giocai una partita e mi strappai. Feci soltanto due presenze, il campionato era praticamente finito. Poi a Lanciano giocai una partita, ebbi problemi con l’allenatore. Quando rientrai iniziai a giocare, sembrava che andasse tutto bene. Ma mi infortunai di nuovo, a gennaio mi ruppi il mignolo del piede e sono dovuto stare fermo per un altro mese e mezzo. Sono stato un po’ sfortunato (ride ndr). L’anno scorso a Salò è andata bene, ho trovato un ambiente pazzesco, un altro tipo di calcio, totalmente differente. Mi ha aiutato a rilanciarmi e a far valere quello che sono. Se la Lazio ha fatto male a puntare su di me? Penso che in quel momento era solamente arrivato il momento di cambiare aria, percorso. Semplicemente questo. Non ho niente contro la Lazio, ho passato anni fantastici. Nessun rancore. Certo, mi sarebbe piaciuto esordire all’Olimpico, sarei stata la persona più felice del mondo. Non è successo, pazienza. Anche la fortuna gioca un ruolo fondamentale. Ora bisogna scalare le categorie per cercare arrivare all’Olimpico in altri modi.” 

E forse – stando a quanto dicono i suoi ex compagni di squadra – non avrà molti problemi a raggiungere l’élite del calcio. Olimpico o meno, la carriera è appena cominciata. Al pari del grande salto verso il calcio che conta. In bocca al lupo Tommaso.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

Patric e la Lazio insieme fino al 2027

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 Era nell’aria, Sarri lo aveva impiegato da titolare e già a gennaio era stato trattenuto proprio dall’allenatore che si oppose al suo trasferimento in Spagna. Prima criticato ed ora dalla maggior parte dei tifosi laziali, elogiato per sicuramente il suo impegno durante le partite.

In attesa dell’ufficialità, come raccolto in esclusiva dalla redazione di LazioPress.it, Patric e la Lazio hanno rinnovato oggi fino al 2027 ed è l’unico per ora, a rimanere dei giocatori che sono in scadenza giugno 2022. Un’incontro durato quasi 7 ore ieri a Formello per decidere gli ultimi dettagli, e questa mattina è arrivata la tanto attesa firma sul rinnovo del contratto. 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW