Connect with us

Per Lei Combattiamo

La Lazio sogna il triplete

Published

on

 


La Lazio Primavera sogna il triplete, dopo Coppa Italia e Supercoppa, lo Scudetto è ancora più vicino. Il derby capitolino si colora ancora di biancoceleste, stavolta vale l’ultimo capitolo delle Final Eight per giocarsi il tricolore. Non bastano novanta minuti per una battaglia così, la Lazio fa il bis dei quarti con l’Inter e si prende di prepotenza la vittoria solo ai supplementari. Decisivo, ancora una volta, bomber Rossi: due partite (neanche da titolare) e due gol. Un derby non fa Primavera? Andatelo a dire alla Roma e alla Lazio. Non bastava il doppio confronto nella regular season, un pareggio e una vittoria biancoceleste. Non bastava il doppio confronto nella finale di Tim Cup, che ha visto i ragazzi di Inzaghi alzare al cielo la coppa. Le Final Eight per lo scudetto Primavera non vogliono essere da meno e regalano il derby in semifinale. La Roma schianta lo Spezia, la Lazio supera ai supplementari l’Inter. Ecco l’ultimo passo prima della finale tricolore, la qualificazione la decide la quinta stracittadina della stagione. De Rossi lascia in panchina il suo asso nella manica Verde, Inzaghi ritrova Tounkara e Seck dopo la squalifica. Le due squadre, in campo, si conoscono eccome. E lo dimostrano, sanno prevedere e arginare le trame di gioco degli avversari. Più Lazio prima, più Roma poi. Tounkara sembra sveglio e voglioso, i giallorossi orchestrano e collezionano occasioni: Capradossi insacca da due passi ma l’arbitro fischia il fuorigioco. I biancocelesti sfiorano il vantaggio a fine primo tempo, Palombi si fa incantare a tu per tu con Marchegiani e sbaglia da due passi. Crescono Lazio e Roma nella ripresa, ma a entrambe manca la concretezza sottoporta. Ancora l’attaccante biancoceleste protagonista, prima fallisce di piatto davanti al portiere avversario, poi ci prova con un rasoterra. I giallorossi macinano gioco ma concludono nulla. Più scorrono i minuti, più i ritmi si allentano, più la pioggia di Savona si fa torrenziale. Si va ai supplementari, è una sfida infinita questo derby. Per la Lazio sembra andare in scena il remake dei quarti con l’Inter, nell’extratime chi si traveste da supereroe è ancora lui, Rossi. Entra a gara in corso, sin da subito pericoloso, poi ancora una volta decisivo: sfrutta la palla di prima che Tounkara gli serve, davanti a Marchegiani non ha pietà. La Roma cerca disperatamente il pareggio, ci crede quando Calabresi infila di testa, ma è in fuorigioco. Ogni tentativo è vano, i biancocelesti di Inzaghi conquistano la finale scudetto, affronteranno martedì 16 agosto la vincente di Torino-Fiorentina (domani ore 21 a Chiavari) per la finalissima che vale lo scudetto.

iltempo.it

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Per Lei Combattiamo

Partita della Pace, le parole di Lotito e Immobile alla conferenza di presentazione

Published

on

 


Quest’oggi si è tenuta la conferenza di presentazione della Partita della Pace, iniziativa alla quale prenderà parte la Lazio con il suo bomber Ciro Immobile. L’attaccante sarà infatti capitano, insieme a Ronaldinho, di una della sue squadre che si affronteranno il 14 novembre. Alla conferenza, sono intervenuti sia Immobile che il Presidente della Lazio Claudio Lotito.

Queste le loro parole, raccolte da a Radiosei:

Lotito: “Ho accolto con favore questa iniziativa. Quando sono entrato nel mondo del calcio anche perché questo sport, con questo forte impatto mediatico, può educare e moralizzare. Viviamo un momento difficile, l’appello di pace del papa deve essere recepito da chi vive con i valori dello sport. Questa è una guerra nata per interessi geopolitici quindi queste iniziative servono peer sensibilizzare in tal senso. I valori che cerco di trasmettere al mio club e che cerco di tramandare nell’istruzione sportiva, perché al di la dei risultati del campo, dove siamo avversari e non dividere, sono trasportabili con questo sport perché insieme possiamo unire, esaltare il valore, il merito. Maradona anni fa mi ha chiesto di entrare a Formello proprio perché la Lazio incarna questi valori. Ed è stato contento di vedere l’accoglienza che gli abbiamo riservato. Il calcio non rappresenta i valori economici, ma i valori umani. lo dico sempre ai miei calciatori che devono scendere in campo con il rispetto degli avversari. Il valore di questo evento è proprio questo. Trasmettere tale messaggio ai giovani. Viva la pace”.

Ciro Immobile: “Sono felice che papa Francesco abbia scelto il calcio per mandare un messaggio così importante e sono orgoglioso di essere il capitano di una squadra. Sono contento perché giocheremo nel ricordo di Maradona che è stato capitano e rappresentante di questo evento in passato. Diego ha ispirato tanti di noi e continuerà a farlo”. 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW