Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – Filippini si racconta: ‘I successi in Primavera? Merito di un gruppo di amici. Devo tanto a Simone Inzaghi. E su Pioli…’

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 ‘’Che fretta c’era…’’ Come finiva poi? ‘’Forza Lazio Primavera…’’ Sì, sì. Un coro, un motivetto, semplicemente un ritornello da canticchiare sotto la doccia. Vittorie, trofei, record, un gruppo unito. Storia? Anche. Scritta e riscritta sulle ali di questa canzone. Aquila sul petto e via, nella gloria tra sorrisi e medaglie. Tanti i protagonisti della favola: da Pollace a Silvagni, da Cataldi a Tounkara, passando per Keita, Serpieri e ovviamente Filippini, il terzino dagli occhi azzurri come il suo cuore. Non rosso? No, no. Celeste, targato Lazio. Lorenzo è appena rientrato dal prestito al Bari. 10 presenze e tanta gavetta, poi una settimana in vacanza per staccare un po’ e ripartire alla grande: ‘’Penso che la stagione a Bari è stata positiva – racconta Lorenzo in esclusiva per Laziopress.it – quando mi è stata data l’opportunità di giocare ho risposto bene. Nonostante sia stato il mio primo anno tra i pro mi ritengo soddisfatto. Certo, magari potevo fare qualcosa in più.’’ E l’esordio in B? Indimenticabile, unico. Intriso di pathos e con un avversario speciale a condividerne il ricordo: ‘’L’esordio tra i professionisti è stato una grande emozione. Sono entrato a 15’ dalla fine, vincevamo 2-1, ho anche salvato un gol sulla linea. E’ stata un’emozione bellissima. Poi il destino ha voluto che contro di me ci fosse proprio Cristiano Lombardi. Noi siamo grandi amici da tanto tempo, quasi come fratelli. E’ stato un segno del destino. Ci siamo anche scambiati le maglie! Il mio impiego? Quando è cambiato l’allenatore sono riuscito a prendermi il posto da titolare, ho giocato quasi sempre per 10 partite. Poi purtroppo la squadra non era in un grande momento e il mister ha deciso di cambiare modulo, mi ha penalizzato.’’

E poi? Poi la Lazio, i tanti anni trascorsi nelle giovanili fino al ritiro dell’anno scorso con la prima squadra. Emozioni condivise con un gruppo di amici, i quali, tra trofei e vittorie, si sono ritrovato ad essere una delle squadre più forti d’Italia: ‘’Vesto la maglia della Lazio fin da quando ero piccolo, ho tanti bellissimi ricordi. Il più bello? Sicuramente la vittoria dello Scudetto a Gubbio, perché oltre ad essere stata una vittoria che mancava da tanti anni è stata la vittoria di un gruppo di amici che eravamo e siamo tutt’ora. Eravamo veramente uniti. Sono momenti che ricorderò per sempre nella mia carriera, anche se dovessi vincere qualcosa di più importante. Il segreto? Di giocatori bravi ce ne sono e ce ne saranno sempre, però noi oltre ad essere una squadra di bravi giocatori eravamo una squadra di amici veri, nel vero senso della parola. Tutt’oggi siamo amici come lo eravamo due anni fa. Certo, col fatto che giochiamo in varie parti d’Italia diventa difficile frequentarsi. Però siamo rimasti amici stretti. Anche quest’anno il gruppo si è dimostrato importantissimo. Magari esistono squadre più forti, ma nessuna come la Lazio. Il mio segreto invece? Forse la duttilità, riesco a giocare in più ruoli della difesa, possiedo il senso della posizione. Il ritiro? E’ stata una bella emozione, il coronamento di due anni fantastici trascorsi in primavera. I giocatori più grandi si son comportati benissimo, soprattutto Cana…’’

Già, Cana. Compagni di reparto, tant’è che l’albanese – prima che Lorenzo partisse alla volta di Bari – gli regalò i suoi scarpini: ‘Con lui si instaurò un rapporto di stima reciproca, tant’è che mi regalò gli scarpini che ancora oggi porto dietro. Pioli? Fin da subito ho capito che tipo di allenatore fosse: molto preparato, sul campo aveva una cura maniacale dei dettagli. Inoltre era una persona da 10 e lode, anche con noi giovani. Lui sapeva che sarei andato via in prestito, ma veniva sempre a parlarmi, a chiedermi come mi trovato col gruppo, se avevo capito i suoi consigli, se avevo qualche problema. Aveva sempre una parola di conforto, per quel che ho conosciuto io è una persona splendida. Simone Inzaghi? E’ stato uno degli allenatori più importanti che ho avuto. Mi ha allenato negli Allievi. Poi ci siamo rincontrati in Primavera. E’ l’allenatore con cui sono più legato, lo sento tutt’ora. In questo momento è il mister a cui devo di più. Anche Bollini certo, ma ad Inzaghi sono più legato. Ci sentiamo spesso, mi ha dato veramente tanto, con lui ho un legame molto forte. Se sogno di intraprendere lo stesso percorso di Cataldi? Certo, penso sia l’obiettivo di tutti i ragazzi che escono dalle giovanili. Spero di riuscirci al più presto, ma sono anche consapevole di accumulare un’annata da titolare, magari in Serie B, per poi trovarmi a conquistare il posto in una prima squadra come la Lazio, che ora inizia a farsi più competitiva. Il sogno è tornare al più presto alla Lazio, ma al tempo stesso sono consapevole di dover giocare di più per arrivare più pronto.”

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA | Reina, il ritorno a Roma poi la partenza per la Spagna: ecco quando

Published

on

@LazioPress.it ha un nuovo account Instagram. Torna a seguirlo. CLICCA QUI


 

Reina e la Lazio sono ai saluti: dopo le notizie di ieri, ora arriva la conferma. Il portiere spagnolo lascerà la capitale, rescinderà il contratto con i biancocelesti, valido ancora per un anno, e tornerà in Spagna. Secondo quanto appreso in esclusiva dalla redazione di LazioPress.it, l’estremo difensore classe ‘82 è atteso lunedì a Roma per la firma. Ultime faccende burocratiche quindi, la risoluzione di contratto e poi martedì farà ritorno a casa e con molta probabilità firmerà per il Villarreal mercoledì.

 

Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio. DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS

 


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading

I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW