Connect with us

Esclusiva

ESCLUSIVA – Joseph Minala: ‘La Lazio è una famiglia. Stavo per firmare con la Roma, poi…’

Published

on

 


minala tavano

Tecnica, estro e qualità. Poi una storia particolare, tutta sua. Intrisa di sacrifici e sofferenze, ma anche gioie e soddisfazioni. Vissute (quasi) tutte con l’aquila sul petto e un sorriso sulle labbra. Esordio in A, la Primavera, infine il Bari in Serie B. Predestinati si nasce. Si parla di…? Joseph Minala, reduce della sua prima esperienza tra i professionisti: ‘’Un bilancio della mia stagione a Bari? Sicuramente positivo – racconta Joseph in esclusiva per Laziopress.it – sono contento di quello che ho fatto. Certo, non prendo in considerazione la prima parte di stagione, appena arrivato ho avuto un infortunio che mi ha fatto saltare quasi tutte le partite. Poi quando sono tornato in forma ho fatto vedere le mie qualità, credo di aver fatto bene. Sono stato bravo a ribaltare la situazione, è stato anche merito dell’allenatore. Se la vicinanza di Rozzi e Filippini mi ha aiutato? Certo, mi ha fatto piacere andare in una squadra dove conoscevo già qualche compagno, loro giocavano con me in Primavera. Siamo sempre stati insieme. Mi ha aiutato molto, c’è più affinità, è stato sicuramente positivo.’’

E il primo gol in B? Un’emozione unica, contro il Cittadella al 92’. Vittoria in extremis, gioia immensa: ‘’Mi ha fatto piacere, ho ricevuto tanti ringraziamenti, mi hanno scritto tanti messaggi. Mi seguivano, sapevano che mi impegnavo molto e tutto quello che stavo facendo per poter tornare in campo al più presto. E’ stata una grande soddisfazione, bellissimo. Come sono arrivato alla Lazio? Arrivai dalla Vigor Perconti, giocavo lì, mi allenavo con loro. Io avevo già un preaccordo con la Roma, aspettavo solo l’ufficialità. Ma il presidente della Vigor sapeva che tifavo Lazio, aspettavo solo un’opportunità. Un giorno mi arrivò la chiamata della Lazio mentre stavo a Trigoria e raggiunsi il ritiro della Primavera. Iniziò così la mia avventura, fino ad oggi. Ricevetti una telefonata da Bollini, non ci pensai due volte prima di accettare (ride ndr). Ad oggi mi sento ancora con i miei ex compagni della Primavera, la Lazio è una famiglia, ti lega un grande sentimento d’amicizia.”

Continua Minala: ‘‘Prima della finale di ieri ci siamo scambiati molti messaggi con i ragazzi: mister Inzaghi, Silvagni, Seck, Tounkara, abbiamo parlato molto, io li sento tutti i giorni prima delle partite. Siamo rimasti amici, legati, ci diamo dei consigli su come affrontare le partite. E’ stata una grande esperienza. Alla Lazio devo molto, tutto quello che sono riuscito a fare lo devo alla Lazio. Mi ha accolto bene, mi ha fatto sentire in famiglia. E’ la verità. Può essere una cosa banale, perché lo diciamo spesso, ma ti permette di poter giocare, esprimerti al meglio. Ho tanti bei ricordi, abbiamo vinto la Coppa Italia, poi abbiamo dominato il campionato. Il gol più bello? Forse quello che realizzai nel derby contro la Roma, è stato bellissimo. Inzaghi? Nella mia crescità è stato importantissimo, mi ha dato la continuità che mi serviva, mi stimava, mi spronava a dare il meglio di me stesso. Mi ha permesso di poter giocare con tranquillità e serenità. Il mio obiettivo? Adesso voglio farmi una vacanza (ride ndr), poi quando tornerò parleremo con la società. Io ho le mie idee, i miei obiettivi. Ci sarà tutto il tempo possibile per poter parlare di questi temi. Decideremo la cosa migliore per il bene di tutti, sia per me che per la Lazio.”

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Esclusiva

ESCLUSIVA | Lazio-Verona, l’ex Teodorani: “Divario evidente tra le squadre. Biancocelesti favoriti”

Published

on

 


Domenica sarà LazioHellas Verona. Mentre l’Olimpico si prepara ad attendere la sfida, Carlo Teodorani è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Laziopress per parlare del match che vedrà impegnati in casa i biancocelesti. Queste le parole dell’ex giocatore dell’Hellas Verona, che ha ricoperto il ruolo di difensore nelle stagioni 2001-2005 e 2005-2007.

Come arrivano Lazio e Verona alla sfida di domenica?
Il Verona scenderà in campo con un atteggiamento positivo, ma il divario tra le due squadre è evidente. Sicuramente, tra le due, vedo la Lazio favorita”.

Su cosa dovranno puntare gli uomini di Cioffi per mettere in difficoltà la Lazio?
Il Verona ha una buona fase difensiva, per mettere in difficoltà la Lazio dovrà cercare di puntare sui soliti 3-4 giocatori determinanti, capaci nelle ripartenze”.

Quest’anno l’Hellas ha puntato molto sui giovani. Finora chi ti ha colpito di più della rosa?
È ancora molto presto per dirlo. Il rendimento è stato sempre molto altalenante in queste partite e penso che i giovani abbiano ancora bisogno di tempo. Aver deciso di puntare sui millennials è sicuramente una scelta ponderata, frutto di un progetto a lungo termine”.

Dalla polemica sulla classe arbitrale alle ultime vicende che hanno visto protagonista Ciro Immobile. Un tuo commento.
Purtroppo queste vicende fanno parte del calcio. Immobile è una persona intelligente e in grado di affrontare questi episodi”.

Pronostico Lazio-Hellas Verona?
Penso che sarà una partita con molti gol, visto il calibro degli attaccanti. Azzardo un 3-1”. 

 


Tutto il mondo LazioPress.it in un solo link. CLICCA QUI e rimani informato 365 giorni sulla Lazio.

DA QUI SCARICA LA NOSTRA APP. PER SEMPRE GRATIS


RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:

Continue Reading
Advertisement

RINGRAZIAMO I NOSTRI SPONSOR:


I più letti

Scarica subito l'app di LAZIOPRESS.IT! Disponibile su app_store google_play

  © 2015 LazioPress.it | Tutti i diritti sono riservati | Testata giornalistica con autorizzazione del Tribunale Civile di Roma numero 13/2015 | CONTATTI

Close
LazioPress.it

GRATIS
VIEW